Conchiglie (pasta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Conchiglie
Conchiglie rigate.png
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
Dettagli
Categoriaprimo piatto
Ingredienti principali
  • farina di grano duro
Varianticonchigliette, conchiglioni
 

Le conchiglie sono un tipo di pasta.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Di solito, le conchiglie sono a base di grano duro e, qualche volta, possono essere colorate con pigmenti naturali, come l'estratto di pomodoro, il nero di seppia o l'estratto di spinaci. La caratteristica forma di questo tipo di pasta consente al sugo di aderirvi facilmente. Esistono diverse varianti in tutta Italia delle conchiglie. Quando sono più piccole, le conchiglie prendono il nome di conchigliette mentre quando sono più grandi si chiamano conchiglioni.[1] Come per altri tipi di pasta, anche le conchiglie possono essere lisce o rigate; in questo secondo caso il sugo aderisce meglio alla pasta[2].

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Conchiglie e ricotta

Le conchiglie si prestano per molti tipi di condimenti diversi e vengono utilizzate per preparare, ad esempio, la pasta all'ortolana,[3] quella al ragù di salsiccia[4] e costituiscono una valida alternativa alle penne utilizzate per preparare la pasta alla vodka.[5] In Campania sono popolari i conchiglioni che possono essere preparati con ragù, ricotta e spinaci o mozzarella, pomodoro e basilico.[1] Le conchiglie, e in particolare le conchigliette, si prestano anche alla preparazione di minestre e minestrine.[6]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola italiana "conchiglie" condivide la stessa radice greca nella forma di κοχύλι (traslitterato kochýli), che significa, appunto, "conchiglia".[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La pasta italiana in Campania. 11 formati tipici e la ricetta degli scialatielli, su gamberorosso.it. URL consultato il 9 settembre 2019.
  2. ^ (EN) Jacob Kenedy, Conchiglie rigate, in The Geometry of Pasta, Pan Macmillan, 2011. URL consultato l'11 settembre 2019.
  3. ^ (EN) Arthur Bloomfield, Arthur Bloomfield's restraurant book: a celebration of dining in the Bay Area and beyond, Aris, 1987, p. 182.
  4. ^ (EN) Biba Caggiano, Biba's Northern Italian Cooking, Penguin, 2002, "Shells with Sausage and Tomato Ragù".
  5. ^ (EN) Julia Azzarello, Skinny Pasta: 80 flavour-packed recipes of less than 500 calories, Hachette, 2019, "conchiglie pasta and vodka sauce".
  6. ^ Suor Germana, Minsetra saporita, in Il ricettario di Suor Germana: 30 anni di cucina casalinga, De Agostini, 2016. URL consultato il accesso = 11 settembre 2019.
  7. ^ (EN) How to say shell in Greek, su wordhippo.com. URL consultato il 9 settembre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]