Concerto per violino e orchestra n. 2 (Paganini)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Concerto per violino e orchestra n. 2
Compositore Niccolò Paganini
Tonalità si minore
Tipo di composizione concerto per violino
Numero d'opera op. 7 (MS 48)
Epoca di composizione 1826
Durata media 32 minuti
Movimenti
  1. Allegro maestoso
  2. Adagio
  3. Rondò à la clochette

Il concerto per violino e orchestra n. 2 in si minore (op. 7, MS 48) è stato composto da Niccolò Paganini nel 1826.

In questa composizione Paganini frena il virtuosismo a favore di una maggiore individualità nello stile melodico. Il concerto si articola in tre movimenti:

  1. Allegro maestoso
  2. Adagio
  3. Rondo à la clochette

Il secondo movimento di questo concerto è ispirato al movimento lento del Concerto n. 24 in si minore di Giovan Battista Viotti composto una trentina d'anni prima: in particolare esso inizia con un breve solo dei corni, in maniera quasi identica al concerto del compositore piemontese.

Il terzo movimento del concerto è conosciuto come "La Campanella", a causa della presenza di una campanella, prescritta dall'autore per presagire le ricorrenze del tema nel rondò. Il suono della campana è imitato dall'orchestra e, in alcuni passaggi, dal solista (con l'uso di armonici artificiali). Tale movimento è stato ripreso successivamente da altri compositori, come Franz Liszt (nel suo Étude S. 140 n. 3 "La campanella") e Johann Strauss padre (nel suo Walzer à la Paganini Op. 11).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN198527179 · LCCN: (ENn81024679
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica