Concerto per violino e orchestra n. 2 (Mozart)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Concerto per violino n. 2
Compositore Wolfgang Amadeus Mozart
Tonalità Re maggiore
Numero d'opera K1 211 / K6 211
Epoca di composizione 14 giugno 1775, Salisburgo
Pubblicazione André, Offenbach 1802[1]
Durata media 23 minuti
Organico
Movimenti
  1. Allegro moderato
  2. Andante
  3. Rondeau: Allegro

Il concerto per violino e orchestra n. 2 in re maggiore K 211 di Wolfgang Amadeus Mozart fu scritto nel 1775, quando il salisburghese era soltanto diciannovenne. Di ritorno da Monaco di Baviera per la rappresentazione dell'Opera buffa "La finta giardiniera" K6196, Mozart aveva ripreso l'attività di Konzertmeister presso la corte di Salisburgo, attività che gli rendeva possibile sia comporre sia eseguire brani[2].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il concerto si articola in tre movimenti, secondo la tipica struttura del Concerto classico (veloce-lento-veloce):

  • Allegro moderato;
  • Andante (in sol maggiore);
  • Rondeau: Allegro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Konzert In D für Violine und Orchester, su Digital Mozart Edition, p. a/18. URL consultato il 12 febbraio 2017 (archiviato il 29 dicembre 2013).
  2. ^ Amedeo Poggi e Edgar Vallora, Mozart. Signori, il catalogo è questo!, Torino, Einaudi, 2006 [prima edizione 1991], p. 205, ISBN 978-88-06-14235-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità BNF: (FRcb14825063m (data)
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica