Concepimento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine concepimento, sinonimo di concezione, deriva dal latino[1] cum capere, cioè "accogliere in sé" o "prendere insieme" ed indica l'atto del concepire un figlio.

Il prodotto del concepimento prende il nome di concepito.

Significato principale[modifica | modifica wikitesto]

In senso proprio indica il momento della fecondazione di una femmina, normalmente attraverso un rapporto sessuale, ma, recentemente, anche attraverso la fecondazione o l'inseminazione artificiali.

Il concepimento può avvenire, nel caso dell'uomo, volontariamente o involontariamente, quando durante un atto sessuale non si utilizzano mezzi di contraccezione e quando questi non risultino efficaci

Il termine si confonde con Fecondazione usato in biologia, ma non coincide esattamente con quello, essendo più ampio nel significato. Oggi viene utilizzato in due ambiti distinti:

Significati diversi[modifica | modifica wikitesto]

In senso figurato l'atto del concepimento o della concezione può indicare la nascita di un'idea, oppure il rendersi conto di qualche cosa o ancora immaginare una situazione. Un significato arcaico è quello che deriva dal latino, cum capere, nel senso di capire, o anche di essere contenuto.

Concepito[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Concepito.

Il termine è usato in campo giuridico e particolarmente nella legislazione italiana, al fine di stabilire alcuni diritti come concepito, e in campo bioetico in molte autorevoli pubblicazioni in relazione soprattutto al tema dell'aborto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thomas W. Sadler - Jan Langman, Langman's medical embryology, ed 10, editore Lippincott Williams & Wilkins,2006, ISBN 978-0-7817-9485-5
  • Gary Schoenwolf, Steven Bleyl, Philip Brauer, Philippa Francis-West, Larsen's Human embryology, ed 4,2008, editore Churchill Livingstone, ISBN 978-0-443-06811-9
  • Robert Spaemann. Persone. Sulla differenza tra «qualcosa» e «qualcuno», a cura di Leonardo Allodi, Biblioteca Universale Laterza, 2005, ISBN 88-420-7119-6

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Altri Stati[modifica | modifica wikitesto]

Siti di approfondimento[modifica | modifica wikitesto]