Composta (cucina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Composta
Apple-sauce-544676.jpg
Composta di mele
Origini
Luogo d'origineEuropa Europa
Diffusionemondiale
Dettagli
Categoriadolce
Ingredienti principali
  • frutta
  • acqua
  • zucchero
Varianti
  • verdura
  • vino
 

La composta è un dolce di origine medievale, a base di frutta (intera o a pezzi) cotta in uno sciroppo di zucchero oppure vino, eventualmente speziato con vaniglia, scorza di limone o di arancia, stecche di cannella o in polvere, chiodi di garofano, o altre spezie; alla ricetta possono essere aggiunte mandorle tritate, cocco grattugiato, canditi o uva passa.

A differenza della confettura, la composta viene cotta solo per pochi minuti e con poco zucchero al fine di mantenere il sapore della frutta fresca e deve essere consumata entro pochi giorni.

Nella cucina moderna, la composta può essere preparata anche con verdure (ad esempio cipolle, peperoni o pomodoro). La composta viene servita calda o fredda, e può accompagnare anche carne, formaggi o antipasti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La composta ha origini medievali ed è conforme alla credenza dell'epoca che la frutta cotta nello zucchero bilanciasse gli effetti dell'umidità sul corpo.

Il nome deriva dal francese compôte (oggi anche compote) che è dal latino compōsita, femminile del participio passato di compōnere.[1]

Nell'Inghilterra tardomedievale, la composta veniva servita prima dell'ultimo piatto di una festa (o talvolta accompagnando il secondo di tre portate), spesso accompagnato da un potage cremoso.[2][3][4] Durante il Rinascimento, la composta veniva servita fredda alla fine della cena.

Poiché era facile da preparare, fatta con ingredienti a basso costo e non conteneva latticini, la composta divenne un alimento base delle famiglie ebraiche in tutta Europa.[5]

Nell'opera La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene di Pellegrino Artusi sono elencate varie ricette di composta, tra cui quella di albicocche, pere, cotogne e riso.

Nella Francia, il termine compote si riferisce alla purea di frutta (in particolare di mela), di solito non zuccherata.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Il dessert può essere servito con panna montata, cannella o zucchero vanigliato. Lo sciroppo può essere preparato con il vino, come in una ricetta dei primi del XV secolo per la composta di pera.[3] Altre preparazioni consistono nell'utilizzare frutta secca bagnata in acqua e con aggiunta di bevande alcoliche, per esempio kirsch, rum o Frontignan.[6]

Nella cucina polacca, russa, bielorussa e ucraina, il termine kompot (in russo: компот?, traslitterato: kompot) indica una bevanda a base di frutta o bacche, oppure un dessert a base di frutta bollita immersa in sciroppo di zucchero.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giacomo Devoto, Avviamento all'etimologia italiana, Milano, Mondadori, 1979, ISBN 88-04-26789-5.
  2. ^ Constance B. Hieatt e Sharon Butler, Curye on Inglysch, New York, The Early English Text Society, 1985.
  3. ^ a b Thomas Austin, Two Fifteenth-Century Cookery-Books, New York, The Early English Text Society, 1964 [1888].
  4. ^ Anne F. Sutton e PW Hammond, Information on the Coronation feast of Richard III, in The Coronation of Richard III: the Extant Documents, New York, St. Martin's Press, 1983.
  5. ^ Be Merry / A taste of Poland, su Haaretz.
  6. ^ Joël Robuchon, Members of the Gastronomic Committee, in Larousse Gastronomique, New York, Clarkson Potter/Publishers, 2001, pp. 322-323.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina