Complicanza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Complicanza (medicina))
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Una complicanza (o complicazione), in medicina, è un'evoluzione o conseguenza sfavorevole di una malattia, di una condizione di salute o di una terapia. La malattia può peggiorare nella sua gravità o mostrare un numero maggiore di segni, sintomi, diventare diffusa in tutto il corpo o influenzare altri sistemi od organi. Una complicanza in alcuni casi può anche identificarsi con una nuova malattia che appare in conseguenza di una malattia preesistente. Ogni tipo di trattamento in medicina, sia farmacologico che chirurgico, può produrre effetti avversi o causare al paziente nuovi problemi di salute. Pertanto, una complicazione può essere iatrogena (parola composta derivante dal greco: iatros medico e genos che è nato, cioè letteralmente causato dal medico).

Quando in medicina si attua una procedura o un trattamento, le nozioni mediche acquisite su quella malattia e le sue possibili terapie comportano la conoscenza delle complicanze più ricorrenti. In altre parole gli studi scientifici effettuati fanno sì che le complicanze più comuni siano note e attese, in modo che possano essere prevenute, o al loro manifestarsi, riconosciute ed affrontate più facilmente e rapidamente.

Le complicanze possono presentarsi più facilmente se il paziente mostra determinati fattori di rischio, ad esempio età avanzata, condizioni generali di salute precarie, cattivo stato di nutrizione, depressione del sistema immunitario ecc. Le complicanze influenzano sempre negativamente la prognosi di una malattia. In ambito chirurgico le procedure mediche non invasive e minimamente invasive di solito comportano un minor numero di complicanze (ed una loro minor gravità) rispetto alle procedure interventistiche più invasive e demolitive.

Bisogna prestare attenzione a non confondere le complicanze con le comorbilità: queste ultime sono disturbi che si presentano temporalmente in concomitanza con un'altra malattia, ma non sono da essa causate. Questa linea concettuale di divisione è a volte offuscata dalla complessità dei rapporti di causalità o dalla mancanza di informazioni/dati scientifici certi su di essa. Il termine complicanza e sequela (letteralmente una serie consecutiva di cose e fatti analoghi) sono spesso utilizzati come sinonimi. Esistono in realtà lievi sfumature di significato in quanto la complicanza comporta che la condizione di salute risultante vada a complicare la gestione della condizione causale iniziale, ovvero ne rende più complessa e impegnativa la gestione ed il trattamento.

Esempi di complicanza[modifica | modifica wikitesto]

La complicanza in ambito giuridico[modifica | modifica wikitesto]

Viene definita complicanza un evento anomalo, cioè una difficoltà imprevista e imprevedibile che non può essere addebitata ad una condotta colposa del medico (ad esempio a imperizia, imprudenza o negligenza). In altre parole la complicanza tende ad essere considerata come un fattore di esclusione della colpa. Tuttavia il motivo dell’insorgenza della complicanza deve essere però verificato concretamente di caso in caso, in quanto specifici trattamenti o tecniche utilizzate dal medico, così come la mancata osservanza e rispetto dell’ars medica (e delle linee guida) possono comunque configurare una responsabilità ed una colpa. Ne consegue che, pur in presenza di una complicanza nota, in molti casi spetta comunque al medico ed alla struttura presso la quale esercita, il dover fornire la prova della propria condotta diligente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Silva LA, Andriolo RB, Atallah ÁN, da Silva EM, Surgery for stress urinary incontinence due to presumed sphincter deficiency after prostate surgery, in Cochrane Database Syst Rev, nº 9, September 2014, pp. CD008306, DOI:10.1002/14651858.CD008306.pub3, PMID 25261861. URL consultato il 17 marzo 2018.
  2. ^ Smith FA, Wittmann CW, Stern TA, Medical complications of psychiatric treatment, in Crit Care Clin, vol. 24, nº 4, October 2008, pp. 635–56, vii, DOI:10.1016/j.ccc.2008.05.004, PMID 18929938. URL consultato il 17 marzo 2018.
  3. ^ Gandhi TK, Burstin HR, Cook EF, Puopolo AL, Haas JS, Brennan TA, Bates DW, Drug complications in outpatients, in J Gen Intern Med, vol. 15, nº 3, March 2000, pp. 149–54, PMC 1495358, PMID 10718894. URL consultato il 17 marzo 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele Liguori, Giovanni Cannavò, Marco Orrico, La responsabilità medica. Dalla teoria alla pratica processuale, Prima Edizione, Santarcangelo di Romagna (RN), Maggioli Editore, 2011, ISBN 978-88-387-6750-0.
  • Roberto Cataldi, Paolo M. Storani, Francesca Romanelli, Silvia Vagnoni, Cristina Matricardi, La nuova responsabilità del medico e della struttura sanitaria, Prima Edizione, Santarcangelo di Romagna (RN), Maggioli Editore, 2017 id=ISBN 978-8891621818.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina