Complesso siderurgico dell'Assi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto di una fornace da costruire nelle regie ferriere di Stilo

Il complesso siderurgico dell'Assi o polo siderurgico dell'Assi o complesso di Ferdinandea è stato un centro di lavorazioni dei metalli calabrese di notevole importanza nel Settecento. È situato perlopiù nella vallata dello Stilaro, prende il nome dalla fiumara Assi attorno alla quale furono costruiti i principali edifici.

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

È costituito dalle ferriere Francese, Zessi, San Carlo, Ropalà, Maglietto e dalle ferriere Vecchie di Stilo (restaurate nel 1757): Arcà, Acciarera, Armi, Murata, Nuova, Molinelle di Sotto e Molinelle di Sopra. Avevano sia un uso civile che militare.

Faceva parte del complesso anche la Fabbrica d'armi del Lamberti, l'acquedotto Carolino costruito da Vanvitelli nel 1754-1755, la Regia Fornace (una fabbrica di cannoni) di Pazzano nel 1742.[1]

Le miniere[modifica | modifica wikitesto]

In quel periodo vengono anche scoperte nuove miniere come rivela Grimaldi nel 1781: nel paese di Bivongi ci sono ben 3 nuove miniere d'argento, in contrada Raspa, contrada Argentera e in contrada Due Fiumare la miniera S. Luigi, a Stilo in contrada Assi del Notaro una miniera di piombo argentifero e una miniera di Antimonio.[1]

Nuove maestranze[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1749, per volere di Re Carlo furono importati lavoratori dalla Sassonia e dall'Ungheria per migliorie nella ricerca di filoni minerari e nel processo di produzione. Erano guidati dal professor Hermann dell'Accademia mineraria di Freiberg e dall'ingegnere Bruno Maria Schott, il quale fece delle importanti ricerche sulla condizione mineraria calabrese, indicando scrupolosamente il minerale presente, i filoni e la loro grandezza, l'ubicazione e la profondità delle miniere e dei pozzi. Tutte queste informazioni furono depositate a Napoli, ma ormai disperse come ci informa Carminantonio Lippi.[1]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni sessanta del Settecento si ha notizia che le sole ferriere di Stilo in 6 anni produssero 1034 tonnellate di ferro. Nel 1776, la sua produzione totale ammontava a 308451 chilogrammi di ferro.[1]

Produzione delle ferriere di Stilo:

Ferriera Produzione di Ferro in chilogrammi
Arcà 56782
Acciarera 45123
Armi 36846
Maglietto 29900
Murataa 44500
Nuova 51000
Molinelle di sopra 23500
Molinelle di sotto 20800

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Il ferro in Calabria. Vicende storico-economiche del trascorso industriale calabrese

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il ferro in Calabria.Vicende storico-economiche del trascorso industriale calabrese - Franco Danilo, Kaleidon editrice, agosto 2003

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]