Complesso dell'Eremo dei Camaldoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il monastero in provincia di Arezzo, vedi Eremo di Camaldoli.
Eremo dei Camaldoli
EsternoEremo.jpg
La facciata della chiesa
StatoItalia Italia
RegioneCampania Campania
LocalitàNapoli
ReligioneCristiana Cattolica di rito romano
Arcidiocesi Napoli
ArchitettoDomenico Fontana
Stile architettonicorinascimentale, barocco
Inizio costruzione1585
CompletamentoXVII secolo

Coordinate: 40°51′29.52″N 14°11′31.42″E / 40.8582°N 14.19206°E40.8582; 14.19206

L'interno della chiesa

Il complesso dell'Eremo dei Camaldoli è un monumentale complesso storico ed artistico di Napoli; si erge sulla collina dei Camaldoli.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Venne fondato nel 1585 da Giovanni d'Avalos, figlio di Alfonso d'Aragona. Fu eretto sul luogo dove esisteva una chiesa dedicata alla Trasfigurazione, in seguito intitolata al Ss. Redentore. Un grande arco è custode del vano d'ingresso, in alto, c'è lo stemma dei Camaldolesi; e da qui si accede poi alla chiesa, costruita sulle rovine dell'antica cappella; quest'ultima è affiancata dalla grande torre campanaria e da un belvedere suddiviso in due aree, la prima per i monaci e l'altra per i visitatori.

Il complesso, durante l'arco della sua storia, è stato soppresso due volte: la prima per volere di Napoleone nel 1807 e la seconda per volere dei Savoia nel 1866. Nel 1885, l'eremo ritornò ad essere gestito dai Benedettini Camaldolesi. Attualmente il complesso è retto dalle suore brigidine.

L'edificio è stato progettato da Domenico Fontana ed è grazie a lui se la struttura religiosa presenta caratteristiche tardo-rinascimentali.

La chiesa[modifica | modifica wikitesto]

Alla chiesa si accede da un bel portale in pietrarsa; il tempio, oltre ad avere testimonianze cinquecentesche, è anche marchiato dagli interventi barocchi.

L'interno è composto da una sola navata e da sei cappelle laterali. L'altare maggiore con il fastoso ciborio venne progettato da Cosimo Fanzago. La volta della navata e quella del coro presentano affreschi di Angelo Mozzillo.

L' Ultima Cena collocata sopra la porta d'ingresso reca la firma di Massimo Stanzione, mentre la Trasfigurazione posizionata alle spalle dell'altare maggiore è attribuita a Federico Barocci. Le opere pittoriche visibili nelle cappelle laterali sono di: Agostino Tesauro, Ippolito Borghese, Antiveduto Gramatica, Luigi Rodriguez, Fabrizio Santafede, Giovanni Bernardino Azzolino, Cesare Fracanzano; mentre le varie sculture in stucco che si ammirano lungo la navata sono del sammartiniano Salvatore Di Franco. Tra gli ambienti adiacenti alla chiesa è degna di menzione la Sala del Capitolo, la quale è impreziosita da affreschi e tele di Evangelista Schiano.

Sulla sinistra della struttura religiosa vi sono le sedici celle monastiche, con gli orti e i giardini. L' eremo, inoltre, possiede una fornita biblioteca, una foresteria ed un refettorio.

Il complesso che si erge sulla collina più alta della città, offre quindi stupende vedute del Golfo di Napoli.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]