Compianto sul Cristo morto (Niccolò dell'Arca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Compianto sul Cristo morto
Niccolò dell'arca, Compianto sul Cristo morto, Chiesa di S. Maria della vita, Bologna 01.JPG
Autore Niccolò dell'Arca
Data 1463-1490
Materiale Terracotta
Ubicazione Chiesa di Santa Maria della Vita, Bologna
Coordinate 44°29′36.23″N 11°20′40.62″E / 44.493397°N 11.344617°E44.493397; 11.344617Coordinate: 44°29′36.23″N 11°20′40.62″E / 44.493397°N 11.344617°E44.493397; 11.344617

Il Compianto sul Cristo morto è un gruppo scultoreo di sette figure in terracotta, capolavoro di Niccolò dell'Arca, conservato nella chiesa di Santa Maria della Vita a Bologna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'anno di realizzazione dell'opera e l'identità di chi la commissionò sono avvolti nel mistero, così come l'esatta disposizione delle statue. Le ipotesi di datazione più accreditate oscillano tra il 1463 e il 1490.

Il gruppo venne ospitato a lungo nella Pinacoteca Nazionale di Bologna e dagli anni novanta del XX secolo è tornata nella sua collocazione originale nella chiesa bolognese, prima in una saletta dell'ex-convento, poi nella prima cappella a destra dell'altare.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un'opera composta da sette figure a grandezza naturale in terracotta con tracce di policromia. Al centro sta il Cristo morto, disteso con la testa reclinata su un cuscino. Attorno si dispongono le altre figure, tra le quali spiccano le due Marie, Maria di Cleofa e ai piedi del Cristo, Maria Maddalena, straziate dal dolore con le vesti gonfiate dal vento. Più composte sono le altre figure, anche se i loro volti mostrano una dolorosa partecipazione. Si riconoscono poi la Madonna, con le mani giunte, Maria di Giuseppe (madre di Giacomo il Maggiore e Giovanni l'Evangelista) seguiva Gesù come discepola, che stringe le cosce in un gesto di rammarico, mentre san Giovanni è rappresentato in un silenzioso pianto, con un palmo che regge il mento. Staccata dagli altri è una figura inginocchiata in abiti rinascimentali, generalmente collocata a sinistra, che rappresenta Giuseppe D'Arimatea e che guarda verso l'osservatore.

Particolare del Compianto sul Cristo morto Niccolò Dell'Arca

La drammaticità e il pathos di alcune di queste figure non hanno pari nella cultura italiana dell'epoca, almeno nelle opere pervenuteci, ed ha posto l'interrogativo delle fonti alle quali Niccolò attinse: sicuramente la scultura della Borgogna, poi l'Umanesimo gotico d'oltralpe e le novità drammatiche dell'ultimo Donatello.

Pare, però, che il referente più immediato fossero le pitture perdute del ferrarese Ercole de' Roberti, eseguite nella Cappella Garganelli della cattedrale di San Pietro di Bologna.

L'opera, tuttavia, non ebbe una significativa influenza nella scuola emiliana dell'epoca: la sua forza espressiva venne presto smorzata dai diffusissimi compianti del modenese Guido Mazzoni, dai toni più pacati e convenzionali.

Dettagli[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, I tempi dell'arte, volume 2, Bompiani, Milano 1999. ISBN 88-451-7212-0
  • Paolo Cova, Il Compianto di Niccolò dell'Arca in Santa Maria della Vita: riflessione sulla sua funzione devozionale e sui suoi possibili riflessi formali, in Massimo Medica e Mark Gregory D'Apuzzo (a cura di), Tra la Vita e la Morte : due confraternite bolognesi tra Medioevo e Età Moderna, SilvanaEditoriale, Milano, 2015, pp. 79-83

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]