Compagnia della Cina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Compagnia della Cina fu una compagnia mercantile francese fondata nel 1660 dalla società cattolica Compagnia del Santo Sacramento, allo scopo di inviare missionari in Asia (inizialmente i Vescovi François Pallu, Pierre Lambert de la Motte e Ignace Cotolendi della neonata Società Parigina delle Missioni Straniere).[1] La compagnia fu modellata sull'esempio della Compagnia Olandese delle Indie Orientali[2]

Fui costruita una nave in Olanda dall'armatore Fermanel, ma essa andò a picco subito dopo il varo.[3] L'unica soluzione possibile per i missionari fu quella di viaggiare per via di terra, dato che il Portogallo avrebbe rifiutato di trasportare per nave missionari non aderenti al Padroado, e gli Olandesi e gli Inglesi rifiutavano i missionari cattolici.[4]

Nel 1664, la Compagnia della Cina venne fusa da Jean-Baptiste Colbert con la Compagnia d'Oriente e la Compagnia del Madagascar nella Compagnia Francese delle Indie Orientali.

Nel 1698 venne fondata una seconda Compagnia della Cina.[5]

La Compagnia della Cina fu riattivata nel 1723.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mantienne, p.28
  2. ^ Asia in the Making of Europe, p.232 [1]
  3. ^ Mantienne, p.28
  4. ^ Missions, p.4
  5. ^ The French Image of China Before and After Voltaire - Pagina 155 di Basil Guy
  6. ^ Studies on Voltaire and the Eighteenth Century di Theodore Besterman, p.56 [2]

Riferimenti bibliografici[modifica | modifica wikitesto]

  • Mantienne, Frédéric 1999 Monseigneur Pigneau de Béhaine Eglises d'Asie, Série Histoire, ISSN 12756865 ISBN 2914402201
  • Missions étrangères de Paris. 350 ans au service du Christ 2008 Editeurs Malesherbes Publications, Paris ISBN 9782916828107