Compagnia Ferroviaria Italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Compagnia Ferroviaria Italiana
Logo
CFI sede Roma.jpg
Sede centrale a Roma, Via di Filomarino, 4
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione2007 a Roma
Sede principaleRoma
Persone chiaveGiacomo Di Patrizi (AD)
SettoreTrasporto
Prodottitrasporti ferroviari
Dipendenti74 (2014)
Sito web

Compagnia Ferroviaria Italiana (CFI) è un'impresa ferroviaria italiana fondata nel 2007.

Ha sede operativa, legale e commerciale a Roma, mentre quella amministrativa è a Terni[1].

Treno merci CFI

Settori di attività[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda opera nel settore del trasporto merci, fornendo numerosi interporti, piattaforme logistiche, scali e terminal in Italia e in Europa[1]; in particolare CFI opera come impresa ferroviaria, offrendo servizi di formazione, verifica, condotta e scorta di treni con proprio personale e mezzi di trazione anche verso altre imprese.

Fra i primi servizi dell'impresa figurano quelli per conto di SADA, operatore intermodale proprietario di due terminal a Fiorenzuola e Piedimonte San Germano nel cui capitale CFI entrò nel 2012[2].

Un altro cliente significativo è Acciai Speciali Terni, che origina flussi di materiali metallici verso Mestre e il porto di Civitavecchia. Ulteriori flussi di traffico si sono avvicendati via via negli anni, talora in collaborazione con altri operatori e imprese ferroviarie: tali trasporti sono costituiti da traffico intermodale, automotive e materie prime di importazione[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La società venne fondata nel 2007, da Giacomo Di Patrizi e un gruppo di imprenditori privati, ottenendo l'anno successivo la licenza impresa ferroviaria e iniziando l'anno successivo a svolgere corse di abilitazione con locomotive prese a noleggio da altre imprese al fine di ottenere il certificato di sicurezza, in seguito successivamente esteso per servire un crescente numero di relazioni.

Nel 2009 CFI rappresentò il principale promotore della federazione FerCargo, associazione italiana di imprese ferroviarie private italiane che operano nel settore del trasporto merci[3] e, nel 2011, dell'alleanza operativa fra alcune di esse[4][5]; in tale anno CFI acquisì un contratto di trasporto dalla società di logistica SADA, che venne svolto affidando alla trazione alla allora Linea Smart Business Ways e all'allora NordCargo [6].

Dopo alcune corse prova svolte con la locomotiva E 189 407[7], nel 2010 furono avviati i primi servizi regolari[8].

All'inizio del 2010 l'impresa rilevò il servizio di materiali ferrosi Terni-Civitavecchia[9] con le allora nuove E 190[10].

Nel 2010 CFI presentò ufficialmente la propria attività presso un hotel di Terni, utilizzando come testimonial la locomotiva 189 404 che sfoggiava il logo aziendale sulle fiancate[11], avviando i servizi con quattro locomotive di questo tipo a noleggio da MRCE[12]. Tale logo fu in seguito modificato e applicato a partire dalla 189 408[13].

Nuovi servizi per il Salento per conto del costruttore New Holland furono attivati nel 2012[14]; nel medesimo anno si intensificò la collaborazione con NordCargo per i servizi su Terni[15], confermata l'anno successivo[16][17].

Il 2013 fu la volta delle relazioni verso Venezia Marghera e La Spezia (raccordo Speter) per conto del cliente Arvedi[18] e, anch'essa per il trasporto di materiali siderurgici, da Cava Tigozzi per Gallarate in collaborazione con Hupac[19], effettuato con le nuove locomotive "Taurus" 190 di proprietà[20]. In collaborazione con Rail Cargo Italia era inoltre curato un collegamento Tarvisio-Marcianise[21], rilevato poi da Trenitalia all'inizio del 2014[22].

Un altro servizio ormai consolidato risultava il trasporto di trattori fra Surbo e Castelguelfo, mentre venne avviato un nuovo collegamento Maddaloni-Gioia Tauro per conto di Sogemar e un Terni-Reggio Emilia[23].

Nel 2014 i trasporti di lamiera da Terni, peraltro presto penalizzati dalla crisi delle Acciai Speciali Terni destinati all'aera emiliana iniziarono ad essere terminalizzati presso il nuovo scalo privato di Piadena gestito dalla Torti Trasporti Pesanti[24] e integrati dalla relazione Ravenna-Cava Tigozzi operati con una nuova locomotiva a noleggio da Siemens[25].

Dati societari[modifica | modifica wikitesto]

CFI è in possesso della licenza di impresa ferroviaria merci numero 51, rilasciata il 21 marzo 2008[26][27]; il Certificato di Sicurezza per operare su rete RFI è stato rilasciato dall'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie il 29 dicembre 2009[28].

Nell'agosto 2014, in virtù delle acquisizioni effettuate che hanno portato alla costituzione delle unità operative di Fiorenzuola e Piedimonte, l'organico aziendale raggiunse le 74 unità[29].

La flotta[modifica | modifica wikitesto]

La E190 322 in livrea societaria CFI

La flotta è composta da otto locomotive elettriche Siemens ES 64 F4 noleggiate dalla Rolling Stock Company MRCE, le prime quattro delle quali, classificate E 189 406-409, furono utilizzate per l'avvio dei primi servizi[12], e due E 190 di proprietà (190 321-322)[1], acquistate nel 2011[30][31] con un investimento di circa 8 milioni di Euro[2] e dotate della livrea grigia aziendale[32].

Nel 2014 sono state ordinate[33] due locomotive Siemens Vectron del tipo a corrente continua dotate, prima applicazione di tale tipo, del modulo Diesel supplementare per le manovre su tratte prive di alimentazione elettrica[34]. Tali locomotive, in prima fase prive di tale modulo, sono state consegnate nella seconda metà del medesimo anno con la numerazione 191 011-012[35]. In attesa di tali unità, è stata noleggiata direttamente dal costruttore la locomotiva 189 823[25]. Nel 2017 sono state consegnate le altre due Siemens Vectron con numerazione 191 009-010. CFI dispone anche di 3 Re 474 (numerazione E.474.101-103, dapprima di RailOne).

Per l'immatricolazione in Italia di tali locomotive[36] sono state condotte nel corso del 2014 prove con l'esemplare 001, di proprietà Siemens, immatricolato a tal fine nel parco InRail[37][38].

Per le manovre ferroviarie CFI dispone dal 2014 di alcune locomotive Trenitalia 245 e D.145 presso gli impianti di Terni e Civitavecchia, ove tali operazioni sono svolte in proprio[39], nonché del materiale rotabile ex SADA fra cui la locomotiva Henschel 31298 distaccata a Lecce Surbo[2] e la FIAT-Asgen presente a Piedimonte San Germano[40].

Fra il materiale rimorchiato si distinguono di 60 carri che venivano utilizzate per i traffici Terni-Civitavecchia, costituiti da carri a noleggio da AAE per il trasporto di speciali container adatti all'alloggiamento di lamiere in rotoli[41].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Sito web aziendale
  2. ^ a b c d F. Sozzi, CFI e i suoi treni, op. cit.
  3. ^ Sito FerCargo. URL consultato nel settembre 2014.
  4. ^ Notizia su I Treni, n. 344, gennaio 2012, p. 7.
  5. ^ IRFA-Italian Railway Freight Alliance Archiviato il 19 gennaio 2015 in Internet Archive.. URL consultato nel settembre 2014.
  6. ^ Fabrizio Sozzi, La preparazione di un treno merci, in I Treni, n. 330, ottobre 2010, pp.9-21.
  7. ^ Notizia su Mondo Ferroviario, n. 274, febbraio 2010, p. 9.
  8. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 238, febbraio 2010, p. 7.
  9. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 260, febbraio 2012, p. 7.
  10. ^ Notizia su I Treni, n. 346, marzo 2012, p. 9.
  11. ^ Notizia su Mondo Ferroviario, n. 276, aprile 2010, p. 24.
  12. ^ a b Notizia su Tutto Treno, n. 242, giugno 2010, p. 6.
  13. ^ Notizia su Mondo Ferroviario, n. 300, giugno 2012, p. 19.
  14. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 263, maggio 2012, p. 9.
  15. ^ Notizia su I Treni, n. 353, novembre 2012, p. 7.
  16. ^ Notizia su I Treni, n. 363, ottobre 2013, p. 7.
  17. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 278, ottobre 2013, p. 8.
  18. ^ Notizia su I Treni, n. 356, febbraio 2013, p. 7.
  19. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 280, dicembre 2013, p. 5.
  20. ^ Notizia su Mondo Ferroviario, n. 306, gennaio 2013, p. 16.
  21. ^ Francesco Maria, Da Roma a Orte, in Tutto Treno, n. 273, aprile 2013, pp. 28.40
  22. ^ Notizia su I Treni, n. 367, febbraio 2014, p. 5.
  23. ^ Luca Farina e Massimo Rinaldi, Servizi merci privati, in Tutto Treno, n. 271, febbraio 2013, pp. 22-29.
  24. ^ Notizia su I Treni, n. 369, aprile 2014, p. 6.
  25. ^ a b Notizia su I Treni, n. 369, aprile 2014, p. 8.
  26. ^ Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Imprese ferroviarie titolari di licenza
  27. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 219, maggio 2008, p. 6.
  28. ^ Sito Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie. URL consultato nel gennaio 2015.
  29. ^ Comunicazione aziendale emessa in data 25 agosto 2014. URL consultato nel settembre 2014.
  30. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 255, settembre 2011, p. 4.
  31. ^ Notizia su Tutto Treno, n. 256, ottobre 2011, p. 4.
  32. ^ Notizia su, I Treni, n. 347, aprile 2012, p. 8.
  33. ^ Notizia su, Tutto Treno, n. 282, febbraio 2014, p. 8.
  34. ^ CFI fa acquisti da Siemens guardando al futuro, in Ship2Shore, 17 febbraio 2014. URL consultato nel settembre 2014.
  35. ^ Sezione dedicata alle locomotive Siemens in Railcolor. URL consultato nell'aprile 2014.
  36. ^ Mauro Longarini, Le Vectron di Siemens, in I Treni, n. 369, aprile 2014, pp. 30-34.
  37. ^ Notizia su, I Treni, n. 368, marzo 2014, p. 10.
  38. ^ Notizia su, Tutto Treno, n. 283, marzo 2014, p. 4.
  39. ^ Notizia su I Treni, n. 367, febbraio 2014, p. 4.
  40. ^ Immagine su I Treni, n. 364, novembre 2013, p. 36.
  41. ^ Notizia su, Tutto Treno, n. 261, marzo 2012, p. 9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabrizio Sozzi, CFI e i suoi treni , in I Treni, n. 364, novembre 2013, pp. 32.34.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]