Compagni di merende

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Compagni di merende è un'espressione originata dalla deposizione dell'imputato Mario Vanni al processo per gli omicidi attribuiti al cosiddetto mostro di Firenze.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

L'espressione è classificabile come frase d'autore originata dalle parole di Mario Vanni nelle testimonianze da lui rese durante i processi di primo grado e di appello, che vedevano imputato Pietro Pacciani come responsabile dei delitti di otto coppie di giovani tra il 1968 e il 1985. Interrogato in qualità di amico dell'imputato, mentre il pubblico ministero gli poneva una domanda iniziale sulla sua attuale occupazione, Vanni esordiva dicendo di aver fatto delle merende con Pacciani:

« Io sono stato a fa' delle merende co' i' Pacciani, no?[1] »

e che non sapeva riferire nient'altro[2]. La reticenza di Vanni assunse toni esasperati quando, interrogato ancora con domande specifiche su alcuni avvenimenti che lo riguardavano personalmente, continuava a riferire solamente di aver fatto delle merende. Mario Vanni venne successivamente accusato e condannato assieme a Giancarlo Lotti come complice di Pacciani nei delitti del mostro, a seguito dei processi ai «compagni di merende» (così come furono indicati dalla stampa)[2].

Uso nella lingua italiana[modifica | modifica wikitesto]

Per traslato la frase ha assunto un tono ironico: nell'italiano colloquiale vengono chiamati compagni di merende persone unite da complicità nel tramare segretamente qualcosa alle spalle di qualcuno o che siano legate da un rapporto losco o comunque poco onesto.

Nel 1996, l'espressione fu usata da Filippo Mancuso, Ministro di grazia e giustizia del Governo Dini, poi sfiduciato dal Parlamento, in riferimento allo stesso Lamberto Dini e all'allora Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro[3].

Nel 2009 la Corte di cassazione si è espressa sulla liceità del ricorso alla locuzione nella dialettica e nella polemica politica, definendo non punibile e non lesivo, ma ammesso nel legittimo diritto di critica, l'utilizzo all'espressione "compagni di merende", da parte del politico siciliano Giovanni Mauro, rivolta ad avversari politici accusati di cospirare e agire segretamente con attività illecite[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Puntata del programma Blu notte - Misteri italiani dedicata alle vicende del Mostro di Firenze
  2. ^ a b È morto a 82 anni Mario Vanni, articolo su Repubblica.it.
  3. ^ Corriere della Sera, Mancuso insulta Scalfaro e Dini, 20 marzo 1996
  4. ^ Sdoganati i «compagni di merende», in il Giornale, 30 ottobre 2009. URL consultato il 22 novembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]