Commissione internazionale dei giuristi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Dedicato al primato, alla coerenza e all'attuazione del diritto e dei principi internazionali che promuovono i diritti umani .... Ciò che distingue la Commissione internazionale dei giuristi (ICJ) è il suo approccio giuridico imparziale, obiettivo e autorevole alla protezione e alla promozione dei diritti umani attraverso il norma di legge.[1]»

(International Commission of Jurists (ICJ))
International Commission of Jurists
AbbreviazioneICJ
TipoONG
Fondazione1952
ScopoDifesa e promozione dei diritti umani
Sede centraleSvizzera Ginevra
Area di azioneMondo Mondo
Segretario generaleIran Saman Zia-Zarifi
Lingue ufficialiinglese, spagnolo, francese
[www.icj.org Sito web]

La Commissione internazionale dei giuristi, (International Commission of Jurists - ICJ), è un’organizzazione non governativa, tale organizzazione si pone come obiettivo la promozione e la protezione dei diritti umani attraverso lo stato di diritto, facendo uso della sua particolare esperienza del diritto per sviluppare e rafforzare i sistemi giudiziari nazionali ed internazionali. È composta da 60 giudici ed avvocati eminenti, ma anche da accademici provenienti da tutte le regioni del mondo.[2][3] La composizione della Commissione mira a porre in considerazione la diversità geografica del mondo e i suoi numerosi sistemi giuridici[3]

Fondata nel 1952 e attiva in cinque continenti, l’ICJ mira ad assicurare lo sviluppo progressivo e l’implementazione efficace del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario; ad assicurare la realizzazione dei diritti civili, culturali, economici, politici e sociali; a salvaguardare la separazione dei poteri e a garantire l’indipendenza della magistratura e della professione forense.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Idea e preparazione del Congresso[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di un Congresso Internazionale dei Giuristi nacque all'inizio dell'autunno del 1951. L'attività del Comitato investigativo dei giuristi liberi aveva dimostrato il potere che può irradiare la Legge. La legge è una scala precisa per la misurazione delle condizioni prevalenti contro un regime di terrore.[4]

Secondo il rapporto redatto dall’organizzazione durante le conferenze di Berlino, i governanti della zona sovietica avevano dimostrato la loro vulnerabilità una volta che il loro sistema di ingiustizia venne rivelato con l'aiuto di fatti irrefutabili. Ci si aspettava che l'effetto dell'attività del Comitato investigativo dei giuristi liberi (ICJF), nato sul fronte ideologico di una Berlino divisa nel immediato dopoguerra è composto da un gruppo di giuristi tedeschi impegnati nelle indagini sulle violazioni dei diritti umani perpetrate nella zona sovietica della Germania del dopoguerra.[5] si sarebbe enormemente intensificato se le rivelazioni fossero state presentate al pubblico internazionale da eminenti giuristi. Ma l’idea nata dal Congresso pensava di ottenere ancora maggior risonanza se i giuristi partecipanti di tutti i paesi si fossero uniti per prendere risoluzioni congiunte e azioni congiunte.[6]

L’idea alla base del Congresso era l’opporsi al solido fronte dell'ingiustizia stabilito dietro la cortina di ferro con un fronte altrettanto solido dei difensori della giustizia. Si pensava che dovesse diventare un Congresso mediante il quale giuristi esiliati da tutti i paesi dietro la cortina di ferro avrebbero spiegato i sistemi di ingiustizia nei loro paesi nativi al mondo occidentale e che la zona sovietica sarebbe diventata oggetto di studi approfonditi basati su il materiale raccolto dal comitato investigativo.[6]

Ben presto si realizzò che non solo le argomentazioni dovevano essere ascoltate dal Congresso, ma che tali affermazioni sarebbero dovute essere supportate dall'audizione dei testimoni e dalla produzione di documenti originali, a questo pro, le prove raccolte sarebbero state esposte ai quattro enti predisposti, ovvero le commissioni per Il diritto pubblico, il diritto penale, il diritto civile ed economico e il diritto del lavoro a seconda del proprio campo specifico. L'ulteriore preparazione del Congresso ha reso necessarie visite nelle capitali europee con il duplice scopo di sottolineare nelle conferenze stampa la violazione della giustizia nella zona sovietica e la sua opposizione da parte del Comitato investigativo da un lato, e la discussione del programma del Congresso con giuristi di spicco e la selezione di personalità adatte dall'altra.[6]

Conferenze stampa del 1952[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo di maggio del 1952 il Dr. Theo Friedenau tiene una serie di conferenze stampa per sensibilizzare l’opinione pubblica sul lavoro svolto dalla commissione. La risposta della stampa straniera e degli ambienti giuridici si rivela straordinariamente forte. Grazie al tour europeo del Dr. Theo Friedenau, seguono diversi inviti ai delegati stranieri. Un numero forse uguale di giuristi eccezionali doveva essere trovato in tutti i paesi del mondo libero.[6]

Molte rappresentanze accreditate di Bonn,[N 1] e a molte grandi associazioni di giuristi internazionali venne chiesto di nominare giuristi idonei per il progetto. Questa parte dei preparativi per il Congresso ha mantenuto l'intero segretariato, compresi gli interpreti, in sospeso fino a dopo l'inizio del Congresso. Fino al 25 luglio, il numero stimato di partecipanti risultava in continua evoluzione.[6]

Il 26 maggio, come dichiarato dal dott. Von Saher, presidente del comitato del programma dell'Ordine degli avvocati internazionale, il Congresso aveva suscitato l’attenzione a livello mondiale.[6]

Istituzione[modifica | modifica wikitesto]

L'ICJ è stata istituita in seguito al 1 ° Congresso internazionale dei giuristi per la protezione del diritto dall'ingiustizia sistematica tenutosi a Berlino Ovest nel luglio del 1952 con la collaborazione di delegati provenienti da 43 paesi, tra cui 32 ministri e statisti, 32 professori, 35 presidenti, giudici e consulenti nelle alte corti di giustizia.[5][8]

Il Congresso, originariamente previsto dal 18 al 25 luglio, è stato di conseguenza rinviato dal 25 luglio al 1º agosto. Pertanto, i partecipanti al Congresso di Madrid dell'International Bar Association rendendo possibile la partecipazione anche al Congresso di Berlino. L'IBA ha lasciato che Leutwein, uno dei rappresentanti del comitato investigativo dei giuristi liberi, si rivolgesse e informasse l'assemblea degli obiettivi del Congresso del comitato investigativo.[1]

Numerosi rappresentanti dell’IBA parteciparono al Congresso di Berlino mostrando una mentalità molto aperta agli sforzi intrapresi dal Congresso. Alle discussioni preparatorie del comitato investigativo dei giuristi liberi prese parte anche il dott. Walter Linse, avvocato e capo del dipartimento economico. Durante la discussione del 7 luglio 1952, citò Il Phaidros: Ignorantia legis non excusat[1].

Il giorno successivo, l’8 luglio 1952 Linse verrà rapito dal Ministero della Sicurezza dello Stato della Germania dell'Est (Stasi)[N 2] detenuto nella prigione di Hohenschönhausen, poi consegnato al KGB e infine giustiziato nella prigione di Butyrka a Mosca.[10]

1953 - 1956 registrazione come ONG e il Congresso di Atene[modifica | modifica wikitesto]

L'agenda iniziale dell'ICJ è stata in gran parte plasmata dalle preoccupazioni della guerra fredda, compresa la denuncia di violazioni dei diritti umani nei paesi del blocco sovietico. A.J. M. Bart van Dal (Paesi Bassi), eletto segretario generale dell'organizzazione i cui uffici furono inizialmente stabiliti a L'Aia.[11]

Sin dal 1953 l'ICJ era legalmente registrata come organizzazione non governativa internazionale (ONG). La struttura iniziale della neonata ONG era composta da undici commissari, inclusi ministri di gabinetto senior e giudici di servizio. Nel 1955, l'ICJ tenne il suo primo congresso internazionale ad Atene, in Grecia, durante il quale adottò l'atto di Atene. Durante il congresso si insistette sul fatto che lo Stato è necessariamente vincolato dalla legge e che i governi devono rispettare i diritti umani ai sensi dello Stato di diritto. Ha anche iniziato a stabilire il ruolo speciale di giudici e avvocati nel preservare l'indipendenza delle loro professioni.[11]

Mentre l'ICJ era formata dalle dinamiche della guerra fredda, i giuristi che guidavano l'organizzazione erano pronti a capire che l'universalità dell'etica dello Stato di diritto significava che il loro lavoro doveva essere diretto a livello globale, attraverso tutti i sistemi politici e giuridici ideologici. Pertanto, l'ICJ ha intrapreso sforzi per evidenziare gravi ingiustizie in paesi come l'apartheid in Sudafrica, la Spagna di Franco e l'Argentina peronista. Nel decennio successivo, l'adesione alla Commissione si è ampliata per rappresentare veramente gli interessi globali. Nel 1956, Norman S. Marsh fu nominato Segretario Generale dell'ICJ, dirigendo gli sforzi dell'ICJ verso lo sviluppo di una definizione chiara e universale dello Stato di diritto, includendo le diverse tradizioni giuridiche del mondo.[11]

1958 - 1963 L’avvicinamento alle Nazioni Unite[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1958 Jean-Flavien Lalive assume la guida dell’organizzazione, avvicinando l'ICJ alle Nazioni Unite, sia fisicamente che politicamente, attraverso lo spostamento del quartier generale dell'organizzazione da L'Aia a Ginevra e attraverso un sostegno più pronunciato per lo sviluppo di standard internazionali e procedure e meccanismi di applicazione.[12]

Durante i congressi di Nuova Delhi (1959), Lagos (1961) e Rio de Janeiro (1962), l'ICJ ha definito i principi dello Stato di diritto e dei diritti umani, in particolare sulle garanzie procedurali e sostanziali necessarie per la corretta amministrazione della giustizia. La Dichiarazione di Delhi, in particolare, doveva dimostrare uno strumento fondamentale nel plasmare lo Stato di diritto, con la sua concezione dello Stato di diritto come un concetto dinamico per l'espansione e l'adempimento di cui i giuristi sono i principali responsabili e che dovrebbero impiegare, salvaguardare e far avanzare i diritti umani.[12]

Alla fine degli anni '50 e all'inizio degli anni '60, i rapporti sui paesi della Corte internazionale di giustizia (CIG), le osservazioni sul processo e le commissioni d’inchiesta hanno suscitato una preoccupazione globale per specifici abusi dei diritti umani e dello stato di diritto.[12]

Sotto la guida di Seán MacBride, nominato segretario generale nel 1963, l'ICJ riunì una coalizione globale di organizzazioni non governative, dando il via alla costruzione e alla definizione di standard internazionali delle istituzioni per i diritti umani. Questi includevano la difesa della creazione di un Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani; un tribunale penale internazionale e un tribunale mondiale per i diritti umani. Sean MacBride ha vinto il premio Nobel per la pace nel 1974.[12]

1970 - 1977 il mandato di Niall MacDermot[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1970, il mandato ventennale di Niall MacDermot ha visto la trasformazione dell'ICJ in un'organizzazione che sosteneva lo stato di diritto e la protezione legale dei diritti umani. MacDermot ha incanalato le energie dell'ICJ in un'organizzazione che ha messo a punto un ampio spettro di strumenti e strategie per far avanzare questi obiettivi. Questi includevano l'elaborazione di studi concettuali autorevoli; lavorare su standard internazionali; difesa delle Nazioni Unite e di altri organismi per le risposte internazionali a gravi crisi dei diritti umani; rapporti nazionali e osservazioni di prova; e gli sforzi per sviluppare la capacità degli avvocati a livello nazionale di difendere i diritti umani.[13]

Durante questo periodo, l'ICJ ha dato un contributo significativo a un corpo in via di sviluppo del diritto internazionale, tra cui la Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e il Corpo dei principi per la protezione di tutte le persone sotto qualsiasi forma di detenzione o carcerazione. Sarà nel 1980 che Niall MacDermot propose per la prima volta una convenzione delle Nazioni Unite sulle sparizioni forzate.[13]

Niall MacDermot fu anche responsabile della guida della prima missione di accertamento dei fatti in Cile per esaminare le violazioni dei diritti umani in seguito al colpo di stato militare del settembre 1973. L'ICJ espose le atrocità sotto il regime di Idi Amin Dada in Uganda, nel rapporto del 1977 Uganda and Human Rights, che ha avuto un effetto decisivo sulle politiche di diversi governi e per il quale l’organizzazione è stata ringraziata nell'assemblea generale delle Nazioni Unite dal presidente Godfrey Binaisa dopo la caduta di Amin.[13]

1975 - 1976 Commissione africana per i diritti umani[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1975 e nel 1976, la CIG ha organizzato una serie di visite ai Capi di Stato in Africa per sollecitare l'adozione di una Convenzione africana sui diritti umani e di una Commissione africana per i diritti umani, che ha portato il presidente Senghor del Senegal a proporre la risoluzione dell'Organizzazione dell'unità africana(OUA) che a sua volta ha portato alla Carta africana dei diritti dell'uomo e dei popoli. Dopo la sua adozione, l'ICJ è stata attiva nel garantire le 26 ratifiche necessarie per metterlo in vigore.[14]

L'ICJ ha contribuito a creare organizzazioni regionali non governative per i diritti umani nei paesi in via di sviluppo, tra cui la Commissione andina dei giuristi, l'Unione inter-africana di avvocati, il Consiglio regionale per i diritti umani in Asia e l'Associazione per il diritto allo sviluppo dell'Asia meridionale.[14]

A livello di base, l'ICJ ha promosso i servizi legali nelle aree rurali dell'Africa attraverso la formazione di parlamentari per lavorare a livello di villaggio.[14]

Durante questo periodo, l'ICJ ha inviato osservatori a importanti processi politici in 56 occasioni in Africa, Asia - Pacifico, Europa orientale, Medio Oriente e Americhe.[14]

1978 l’isituzione della CIJL[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1978, l'ICJ ha istituito il Centro per l'indipendenza dei giudici e degli avvocati (CIJL). È stato fondamentale nella formulazione e nell'adozione dei Principi di base delle Nazioni Unite sull'indipendenza della magistratura e dei Principi di base delle Nazioni Unite sul ruolo degli avvocati e il suo mandato è lavorare per la loro attuazione.[15]

Dal 1978, la CIJL ha inviato osservatori a processi politici di giudici e avvocati perseguiti per motivi politici o in cui sono sorti gravi problemi di equità e ha anche intrapreso missioni nei paesi per valutare le condizioni di indipendenza della magistratura e della professione legale e ha lavorato proteggere gli avvocati e i giudici sotto persecuzione o molestie per l'esercizio delle loro legittime funzioni professionali.[15]

Inoltre, la CIJL ha prodotto pubblicazioni contenenti opere accademiche e relazioni analitiche sui paesi sull'indipendenza di giudici e avvocati. Dal 2010, la CIJL gestisce l'annuale Forum dei giudici e degli avvocati di Ginevra.[15]

1986 Promozione dei diritti economici, sociali e culturali[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1986, l'ICJ ha riunito un gruppo di illustri esperti di diritto internazionale per esaminare la natura e la portata degli obblighi degli Stati parti del Patto internazionale relativo ai Diritti economici, sociali e culturali. L'incontro ha visto la nascita dei Principi di Limburgo, che continuano a guidare il diritto internazionale in materia di diritti economici, sociali e culturali.[15]

Anni ‘90 e la radicalizzazione della ICJ[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990, Adama Dieng del Senegal venne nominato segretario generale africano dell'ICJ servendo nel ruolo per 10 anni. Durante gli anni '90, l'organizzazione ha contribuito all'elaborazione di vari strumenti internazionali e ha rafforzato la cooperazione con istituzioni come l'Organizzazione dell'Unità Africana e il Consiglio d'Europa.[16]

In particolare, l'ICJ ha contribuito alla creazione di molte organizzazioni non governative per i diritti umani; ha lanciato programmi di sviluppo rurale che hanno fornito servizi legali ai paesi in via di sviluppo; ha condotto approfonditi esami nazionali sullo stato di diritto in Tibet e Pakistan; e ha consolidato la rete ICJ a favore di giudici e avvocati perseguitati a livello nazionale perseguitati in tutto il mondo.[16]

Nel 1997, in occasione del decimo anniversario dei Principi di Limburgo, l'ICJ ha convocato una riunione di oltre trenta esperti per esplorare gli obblighi legali relativi alle violazioni dei diritti economici, sociali e culturali. Le risultanti Linee Guida del Trattato di Maastricht hanno portato a termine questo compito espandendosi la natura, la portata e i rimedi appropriati per le violazioni dei diritti economici, sociali e culturali.[16]

Tribunale penale internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni '90, una serie di importanti sviluppi internazionali ha avuto luogo a seguito di iniziative dell'ICJ. Il primo tra questi è stato l'istituzione del Tribunale penale internazionale nel 1998 con l'adozione dello statuto di Roma. Come risultato diretto di una conferenza internazionale sull'impunità, organizzata dall'ICJ sotto gli auspici delle Nazioni Unite nel 1992, la Conferenza mondiale sui diritti umani a Vienna ha affrontato positivamente la questione di un tribunale penale internazionale. L'ICJ ha svolto un ruolo di primo piano nel comitato direttivo delle ONG internazionali, la cui difesa è stata essenziale per il successo ottenuto a Roma.[17]

Negli ultimi anni l'ICJ ha svolto un ruolo fondamentale nell'elaborazione e nell'adozione di una serie di importanti strumenti internazionali sui diritti umani, tra cui la Convenzione internazionale per la protezione di tutte le persone dalla sparizione forzata, il protocollo opzionale alla convenzione contro la tortura; il protocollo opzionale al Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali; il terzo protocollo opzionale alla Convenzione sui diritti dell'infanzia; i principi e le linee guida di base delle Nazioni Unite sul diritto di riparazione e riparazione per gravi violazioni del diritto internazionale dei diritti umani e gravi violazioni del diritto internazionale umanitario; e la serie di principi di aggiornamento per la protezione e la promozione dei diritti umani attraverso azioni per combattere l'impunità.[17]

L'ICJ ha convocato importanti conferenze internazionali e prodotto pubblicazioni in settori in rapido sviluppo del diritto internazionale, compresi i diritti economici sociali e culturali; sui tribunali militari di diritto internazionale; proteggere i diritti umani nella lotta al terrorismo e alle società e ai diritti umani.[17]

2004 - oggi La ICJ negli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Al Congresso Internazionale 2004 della CIG, l'organizzazione ha adottato la Dichiarazione di Berlino sul rispetto dei diritti umani e lo Stato di diritto nella lotta al terrorismo, che stabilisce 11 principi di base per garantire che le misure antiterrorismo siano conformi ai diritti umani.[18]

In seguito a tali impegni, nel 2005 l'ICJ ha convocato l'Eminent People Panel, composto da otto importanti esperti internazionali che hanno trascorso tre anni a condurre un'indagine mondiale sull'impatto delle leggi e delle pratiche antiterrorismo sui diritti umani a livello globale.[18]

Nel 2006, l'ICJ ha istituito un gruppo di esperti sulla complicità aziendale nei crimini internazionali, che ha sviluppato un'analisi delle politiche pubbliche e giuridiche che ha avviato l'analisi per un periodo di due anni e ha pubblicato un rapporto di tre volumi a tale fine nel 2008. Nello stesso anno , il Congresso mondiale dell'ICJ ha adottato la Dichiarazione di Ginevra[non chiaro] sul sostegno allo stato di diritto e al ruolo dei giudici e degli avvocati in Times of Crisis, stabilendo i 13 principi fondamentali che indicano le responsabilità chiave per i giudici e la professione legale al fine di garantire la protezione dei diritti umani e dello stato di diritto quando i paesi attraversano periodi di crisi.[18]

Nel 2011, in seguito al successo dei principi del Limburgo e delle linee guida di Maastricht sui diritti economici, sociali e culturali, l'ICJ ha convocato un processo di esperti, culminato in una conferenza con l'Università di Maastricht che ha portato all'adozione dei principi di Maastricht sugli extra Obblighi territoriali degli Stati nell'area dei diritti economici, sociali e culturali. Questi principi legali internazionali chiariscono gli obblighi legali degli Stati oltre i propri confini.[18]

Oggi l'ICJ è una delle più antiche ONG internazionali legate ai diritti umani e allo stato di diritto. Continua a fornire una competenza giuridica approfondita a sostegno dei suoi sforzi nello sviluppo, nella promozione e nel chiarimento degli standard internazionali. Continua a sostenere i governi, la professione legale e la società civile al fine di assicurare l'attuazione di questi standard a livello internazionale e nazionale.[18]

Programmi ICJ[modifica | modifica wikitesto]

ICJ Segue una serie di programmi regionali, Africa, Asia e Pacifico, America centrale, Europa e Medio Oriente e Nord Africa, si concentrano sulla promozione e il sostegno dell'indipendenza della magistratura, dello stato di diritto e delle questioni relative ai diritti umani specifici per i loro contesti regionali.[19]

L'ICJ ha uffici regionali a Bruxelles (Belgio), Bangkok (Tailandia), Johannesburg (Sudafrica), Tunisi (Tunisia) e Città del Guatemala (Guatemala) e un ufficio nazionale in Nepal. Il programma Europa e il Medio Oriente e il Nord Africa (MENA) operano entrambi in parte dall'ufficio di Ginevra.[19]

Programma ICJ Europa e Asia[modifica | modifica wikitesto]

Il programma ICJ Europa e Asia centrale mira a rafforzare la protezione dei diritti umani e dello stato di diritto in tutta la regione, mediante:

  • Promozione dell'indipendenza e la responsabilità della magistratura e sostenere forti professioni legali.
  • Aumentare l'accesso alla giustizia per i gruppi emarginati.
  • Rafforzare l'attuazione nazionale del diritto internazionale dei diritti umani e garantire che la legislazione e le pratiche, in particolare sul sistema giudiziario, siano conformi al diritto internazionale dei diritti umani.
  • Supportare lo sviluppo di standard e meccanismi regionali per i diritti umani, in particolare la Corte europea dei diritti umani, e garantire che siano efficaci nella protezione contro le violazione dei diritti umani e fornendo rimedi per le vittime.[20]

Con sede a Bruxelles, Ginevra e Almaty, il programma utilizza analisi di esperti del diritto e delle norme internazionali in materia di diritti umani per informare e influenzare il lavoro dell'Unione europea, del Consiglio d'Europa e delle istituzioni delle Nazioni Unite.[20]

A livello nazionale, attraverso la ricerca di diritto e prassi, Patrocínio, rafforzamento delle capacità, interventi di terzi e osservazioni di processo, il programma affronta le priorità in materia di diritti umani e stato di diritto dell'ICJ, con particolare attenzione all'indipendenza di giudici e avvocati, migrazione e asilo, accesso alla giustizia per gruppi emarginati o svantaggiati, antiterrorismo e diritti umani.[20]

Programma ICJ Medio Oriente e Nord Africa[modifica | modifica wikitesto]

Il programma regionale Medio Oriente e Nord Africa (MENA) mira a rafforzare lo stato di diritto e a proteggere i diritti umani nella regione MENA promuovendo:[21]

  • Riforma costituzionale e legali.
  • Indipendenza e responsabilità della magistratura.
  • Diritto delle vittime di violazioni dei diritti umani di porre rimedio e riparazione, anche tenendo conto dei responsabili di tali violazioni
  • Applicabilità del diritto internazionale ai conflitti armati internazionali e interni.

Il programma MENA dell'ICJ lavora per supportare lo sviluppo di magistrature indipendenti e imparziali in tutta la regione in modo che i tribunali nazionali non siano accusati solo di giudicare singoli casi, ma siano anche responsabili del rispetto dello stato di diritto internazionale e delle norme sui diritti umani. A questo proposito, il programma promuove la fine dell'uso di tribunali eccezionali e militari per processare civili o proteggere i responsabili di gravi violazioni dei diritti umani.[21]

Il programma MENA sostiene inoltre la fine dell'uso abusivo da parte dei governi della regione di emergenza, delle leggi militari e di altre leggi restrittive che violano o limitano gravemente il godimento dei diritti umani.[21]

Il programma sostiene pertanto l'inclusione delle norme sui diritti umani nei quadri giuridici della regione MENA.[21]

Funziona anche per supportare ed espandere la rete ICJ nella regione, anche attraverso lo sviluppo di un collegio elettorale tra giudici di lingua araba, avvocati e difensori dei diritti umani che possono apportare i cambiamenti e le riforme necessarie nella regione.[21]

Programma ICJ Africa[modifica | modifica wikitesto]

L'obiettivo generale del Programma regionale per l'Africa è migliorare la realizzazione dei diritti umani nel continente africano attraverso l'adesione allo stato di diritto.[22]

Con la sua sede a Johannesburg, in Sudafrica, il Programma regionale per l'Africa (Africa Regional Programme - ARP) si basa sull'esperienza pluriennale dell'organizzazione lavorando con giudici africani, praticando avvocati, accademici, società civile, politici e rappresentanti di agenzie governative, per migliorare l'ambiente dello stato di diritto e consolidare il rispetto dei diritti umani nell'Africa subsahariana.[22]

Mentre collabora con i programmi tematici e altri programmi regionali dell'ICJ, l'ARP organizza interventi su 5 priorità strategiche chiave nella regione:

  • Progetto giudiziario di sviluppo e riforma (JDRP), il quale mira a sostenere lo sviluppo di sistemi giudiziari indipendenti, imparziali e responsabili, che siano efficienti ed efficaci. Ciò si ottiene attraverso lo sviluppo di capacità, valutazioni / studi giudiziari, patrocinio e auto-riflessione continua e dialoghi tra pari per ispirare le riforme.
  • Human Rights Defenders (HRDP) il quale mira a integrare e rafforzare gli sforzi esistenti per promuovere il lavoro dei difensori dei diritti umani; supportarli legalmente, moralmente e, se necessario, garantire la loro sicurezza di fronte al rischio di persecuzione legate al loro lavoro; e sviluppare le proprie capacità tecniche nella promozione e difesa dei diritti umani.
  • Meccanismi per i diritti umani (HURIMP) il quale mira a stabilire una piattaforma per l'impegno sistematico e sostenuto con i meccanismi dei diritti umani a livello subregionale, regionale e internazionale. Questo progetto collabora con e promuove un accesso efficace ai tribunali sovranazionali, alle istituzioni giudiziarie e ai meccanismi non tradizionali dei diritti umani come l'Africa Review Program (APRM) e altre iniziative continentali, che in effetti esigono la responsabilità dei diritti umani.
  • Progetto di responsabilità dei diritti umani (HURAP) il quale mira a combattere l'impunità per gravi violazioni dei diritti umani attraverso la responsabilità per tali violazioni e l'accesso alla giustizia per le vittime di tali violazioni attraverso meccanismi legali nazionali, regionali e internazionali. Il Progetto indaga su possibili abusi, promuove l'anti-impunità e sviluppa le capacità di magistratura, professionisti legali, vittime e difensori dei diritti umani su approcci correttivi per gravi violazioni dei diritti umani.
  • Progetto sullo stato di diritto e le elezioni (RULEP) il quale mira a promuovere la giustizia elettorale. Il progetto sostiene che le elezioni si svolgono in un ambiente conforme ai principi dello stato di diritto e che tali esercitazioni danno effetto ai diritti politici degli elettori. Denuncia l'uso della violenza come mezzo per risolvere le controversie elettorali e incoraggia l'istituzione di meccanismi giudiziari e non giudiziari credibili per risolvere le controversie elettorali. Il progetto conduce osservazione elettorale, formazione, valutazioni / studi e promuove il dialogo su standard e principi relativi a elezioni libere ed eque.[22]

Programma ICJ Asia e Pacifico[modifica | modifica wikitesto]

Il programma ICJ sull'Asia e il Pacifico copre la regione dal Pakistan alle Isole del Pacifico. Con il suo quartier generale regionale a Bangkok, in Thailandia e il suo ufficio in Asia meridionale a Kathmandu, in Nepal, il programma Asia e Pacifico si basa sulla decennale esperienza dell'ICJ in la regione per promuovere lo stato di diritto e il rispetto dei diritti umani nella regione più grande e popolosa del pianeta. Poiché la regione afferma sempre più la sua influenza sulla scena globale in termini economici e politici, ha lottato per assumere una posizione commisurata in difesa dei diritti umani. Il lavoro di ICJ in Asia e nel Pacifico cerca di porre rimedio a questo squilibrio attraverso l'impegno con i singoli paesi e una crescente dipendenza dalla difesa regionale.[23]

Il programma ICJ Asia & Pacific collabora con difensori dei diritti umani, giudici, avvocati, funzionari governativi e imprese per garantire che il rispetto dei diritti umani sia al passo con l'enorme crescita economica in alcune parti della regione.[23]

In particolare, l'ICJ sostiene gli sforzi per stabilire un solido quadro regionale per la protezione e la promozione dei diritti umani - una questione su cui la regione è molto indietro rispetto al resto del mondo.[23]

In Asia orientale L'ICJ ha lavorato per decenni sulla promozione e la protezione dei diritti, in particolare sulle sfide del rispetto dei diritti umani nel contesto di un'elevata crescita economica.[23]

Programma ICJ sud-est asiatico[modifica | modifica wikitesto]

Con sede regionale a Bangkok, il lavoro della Commissione si protrae per diversi anni incentrato sul miglioramento dello stato di diritto e il rispetto dei diritti umani nel sud-est asiatico. La regione ha mostrato una notevole crescita economica e politica negli ultimi dieci anni, ma lo sviluppo è stato irregolare, con inversioni significative in termini di situazione dei diritti umani, nonché continue carenze nel rispondere alle richieste di giustizia e responsabilità.[24]

Lo sviluppo economico nella regione è stato notevole, ma ha comportato un aumento delle disparità. Numerosi paesi della regione stanno subendo drammatici cambiamenti che potrebbero comportare un maggiore rispetto dei diritti umani, in primo luogo il Myanmar (Birmania), ma l'esperienza della regione, ad esempio in Cambogia e Indonesia, dimostra che il processo di transizione non è irreversibile e richiede costante vigilanza e impegno per i diritti umani al fine di ottenere risultati efficaci.[24]

I conflitti armati di lunga data hanno portato all'erosione dello stato di diritto (ad esempio, nel sud della Thailandia, Insurrezione nella Thailandia del Sud e nella regione di Mindanao nelle Filippine con l’Insurrezione islamica).[24]

Dieci paesi del sud-est asiatico stanno lavorando per una maggiore integrazione regionale nell'ambito dell'Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN). L'ICJ lavora direttamente con l'ASEAN come istituzione in via di sviluppo e con i singoli paesi, per garantire che i principi dei diritti umani siano equamente inclusi e applicati in questo processo. Promuovendo inoltre una più stretta collaborazione e sostegno ai difensori dei diritti umani, in particolare agli avvocati, che lavorano nei paesi dell'ASEAN.[24]

Struttura del Comitato esecutivo[modifica | modifica wikitesto]

La governance dell'organizzazione spetta ai commissari. Tuttavia, il comitato esecutivo agisce per conto della Commissione su base giornaliera. Il comitato è composto da sette a nove commissari, ciascuno eletto dai suoi colleghi commissari per un periodo di due anni e può essere rieletto due volte. Il Comitato Esecutivo si riunisce almeno due volte l'anno e intrattiene rapporti di lavoro regolari con il Segretariato.[25]

Congressi internazionali dell’ICJ[modifica | modifica wikitesto]

Si dal 1952, con cadenza irregolare, l'ICJ convoca un Congresso mondiale, in cui giuristi di tutto il mondo lavorano insieme per affrontare una questione urgente in materia di diritti umani e concordare principi e obiettivi normativi in una dichiarazione pubblica, pubblicata in un rapporto redatto al termine del Congresso. Queste dichiarazioni sono state spesso utilizzate da organismi intergovernativi, comprese le Nazioni Unite, nonché da associazioni di avvocati, avvocati, centri accademici e altre ONG per i diritti umani in tutto il mondo.

Ad esempio, l'ICJ era responsabile della Dichiarazione di Delhi sullo stato di diritto nel 1959, che definiva dinamico il concetto di Stato di diritto dell'ICJ.[26]

  • Fondazione del Congresso internazionale dei giuristi, 25 luglio - 1º agosto 1952 - Berlino ovest, Germania.
    • Preoccupazioni della guerra fredda, compresa la denuncia di violazioni dei diritti umani nei paesi del blocco sovietico.
  • 1º Congresso internazionale dei giuristi - The Rule of Law, 13 - 20 giugno 1955 - Atene, Grecia.
    • Considerazioni su quali garanzie minime sono necessarie per garantire lo stato di diritto e la protezione delle persone contro azioni arbitrarie da parte dello Stato.[27][28]
  • 2º Congresso internazionale dei giuristi - The Rule of Law in a Free Society, 5-10 gennaio 1959 - Nuova Delhi, India.
    • Definire e descrivere all'interno contesto della moderna pratica costituzionale e legale lo Stato di diritto.[27]
  • 3º Congresso internazionale dei giuristi - Executive Action and

the Rule of Law, 11-15 dicembre 1962, Rio de Janeiro, Brasile.

    • Procedure utilizzate dalle agenzie amministrative e dei funzionari esecutivi
    • Controllo da parte della legislatura e dei tribunali sull'azione esecutiva
    • La responsabilità degli avvocati in un mondo che cambia
    • Il ruolo dell'educazione legale in una società che cambia[29]
  • 4º Congresso internazionale dei giuristi - The Rule of Law and Human Rights, 10-15 gennaio 1966, Ginevra, Svizzera.
    • Principi e definizioni delle norme di legge e dei diritti umani.[30][31][32]
  • 5º Congresso internazionale dei giuristi - Justice and the Individual: The Rule of Law under Current Pressures, 8 - 12 settembre 1971, Aspen, Usa.
    • Rapporto tra giustizia e individuo, lo stato di diritto sotto le pressioni attuali,
    • Crescente utilizzo del potere arbitrario
    • Discriminazione razziale [33]
  • 6º Congresso internazionale dei giuristi - Human Rights in an Undemocratic World, 19 - 22 aprile 1977, Vienna, Austria.

L’evento coincide con il 25 ° anniversario della Commissione internazionale dei giuristi, la tematica principale è stata dedicata ai "Diritti umani in un mondo non democratico". L'incontro ha riunito più di 60 partecipanti provenienti da 32 paesi in tutte le parti del mondo.

ICJ sezioni nazionali e affiliati[modifica | modifica wikitesto]

ICJ è presente in 21 nazioni, e conta altre 29 affiliazioni in altrettanti paesi.[35]

ICJ sezioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Nazione/Territorio Nome Sede Città Sito web
Australia Australian Section of the ICJ P.O. Box 173 NSW 2001 Sydney
Austria Österreichische Juristen-Kommission Esteplatz 4 A-1030 Vienna juristenkommission.at
Canada ICJ Canada 865 Carling Avenue, Suite 500, ON K1S 5S8 Ottawa icjcanada.org
Cile Comision Chilena de Derechos Humanos Santa Lucia 162 Santiago comisionchilenaderechoshumanos.cl[collegamento interrotto]
Danimarca Danish Section of the ICJ Danish Section of the ICJ c/o advokat Henrik Andersen Lind & Cadovius Advokataktieselskab Østergade 38 1100 København
Ecuador Asociación Ecuatoriana de Juristas Amazonas 4000 - Piso 5 P.O. Box 17-01-638 Quito
Germania Deutsche Sektion der Internationalen Juristen-Kommission E.V. Herrenstraße 23 D-76133 Karlsruhe juristenkommission.de
Giordania Sisterhood is Global - Jordan PO Box 23215, 1115 Amman sigi.org
Hong Kong Justice Hong Kong 10th Floor New Henry House 10 Ice House Street Hong Kong
India Karnataka State Commission of Jurists Keshava Nivas, 24 1st Main Road Gandhinagar 560025 Bangalore
Italia Jura Hominis Dr Franco Vella, Via Sant'Anna 13, 28823 Ghiffa Verbania jurahominis.it
Kenya Kenya Section of the ICJ Vihiga Road, off Othaya Road, Kileleshwa, P.O. Box 59743 00200 Nairobi icj-kenya.org
Nepal Nepalese Section of the ICJ P.O. Box 5473 Babarmahal Kathmandu
Norvegia ICJ Norway Secretary General: Lawyer Stine Langlete Vossegata 30, 0475 Oslo icj.no
Paesi Bassi Nederlands Juristen Comité voor de Mensenrechten (NJCM) Steenschuur 25 2311 Leiden njcm.nl
Polonia Polish Section of the ICJ Ul. Podchorazych 20 00721 Varsavia
Regno Unito JUSTICE 59 Carter Lane EC4V 5AQ Londra justice.org.uk
Slovenia Slovenian Section of the ICJ C/o University in Ljubljana, Faculty of Law, Poljanski nasip 2 1000 Lubiana
Stati Uniti American Association for the ICJ 280 Madison Avenue, Suite 1102, NY 10016 New York
Svezia Svenska Avdelningen av Internationella Juristkommissionen Åsögatan 140 11624 Stoccolma icj-sweden.org
Svizzera Swiss section of ICJ C/o Anwaltsbüro Hälg & Kägi-Diener Marktgasse 14 CH-9004 San Gallo icj-ch.org

ICJ enti affiliati[modifica | modifica wikitesto]

Nazione/Territorio Nome Sede Città Sito web
Argentina Centro de Estudios Legales y Sociales Piedras 547 1a C1070AAK Buenos Aires www.cels.org.ar
Bangladesh Odhikar House 35 (3rd floor), Road – 117 Gulshan 1212 Dacca www.odhikar.org
Bangladesh Human Rights Commission 222/Kha, BASIC Feroza garden Malibag (1st floor), Flat C-2 1217 Dacca www.bhrc-bd.org
Barbados Barbados Bar Association "Leeton" Perry Gap, Roebuck Street Bridgetown www.barbadosbarassociation.com
Bolivia Colegio Nacional de Abogados de Bolivia Calle Mercado N°1328, Edificio Mcal.Ballivián, Piso 10 Casilla Postal N°8274 www.conalab.org.bo
Burkina Faso Mouvement Burkinabé des Droits de l'Homme et des Peuples 01 BP 2055 Ouagadougou
Ciad Association Tchadienne de Juristes Cabinet l'Avenue Charles de Gaulle à côté du cinéma Normandie P.O.Box 2065 N'Djamena
Colombia Comisión Colombiana de Juristas Calle 72 No 12-65 (Séptimo piso) Santafé de Bogota www.coljuristas.org
Congo Democratic Republic of the Association Africaine de Défense des Droits de l'Homme B.P.16737 Kinshasa asadho-rdc.net
Egitto Arab Center for the Independence of the Judiciary and the Legal Profession 8/10 Mathaf El-Manyal St Manyal El-Roda 11451 Cairo /www.acijlp.org
Egitto The Egyptian Organisation for Human Rights 8/10 Mathaf El-Manial St, 10th Floor,Manyal El-roda Cairo en.eohr.org Archiviato il 22 giugno 2018 in Internet Archive.
Filippine Integrated Bar of the Philippines IBP Building, No.15 Julia Vargas Avenue Ortigas Center, Pasig City, Philippines 1600 Pasig ibp.org.ph Archiviato il 30 aprile 2008 in Internet Archive.
Figi Fiji Law Society 100 Gordon Street P O Box 2389 Government Buildings Suva www.fls.org.fj
Germania Kommission für Menschenrechte des Vereins der Richter und Staatsanwälte Holzmarkt 79098 Friburgo
Giappone Japan Civil Liberties Union 306 Atagoyama Bengoshi Bldg. 1-6-7 Atago, Minato-ku Tokyo www.jclu.org
Indonesia Indonesia Legal Aid Foundation - Yayasan Lembaga Bantuan Hukum Indonesia Jl. Dipenogoro No. 74 Jakarta Pusat 10320 Giacarta Centrale www.ylbhi.or.id
Malaysia Malaysian Bar (Majlis Peguam) No. 13, 15 & 17, Leboh Pasar Besar Kuala Lumpur www.malaysianbar.org.my
Marocco Organisation Marocaine des Droits Humains 8, Rue Ouargha, Résidence, Appt N°1 - Agdal Rabat www.omdh.org
Nepal Advocacy Forum-Nepal Shantiniketan Marg - 94/14 Gairidhara Kathmandu advocacyforum.org
Nepal Law Society P.O. Box 13211 Kathmandu
Niger Association des Femmes Juristes du Niger B.P. 10689 Niamey
Nigeria Legal Research & Resource Development Centre 386, Murtala Mohammed Way, YabaP.O.Box 2416 Sabo Yaba lrrdc.org[collegamento interrotto]
Norvegia Norvegian Association of Judges - Den norske dommerforening Dronningensgate 2 7485 Trondheim domstol.no Archiviato il 3 luglio 2017 in Internet Archive.
Norvegia Norwegian Association of Judges Human Rights Committee of the Norwegian Association of Judges P.O. Box 8016 DEP 0030 Oslo
Paesi Bassi Nederlandse Juristen-Verenigung P.O. Box 90851 2509 LW L'Aia
Paesi Bassi Nederlandse Orde van Advocaten P.O. Box 30851 2500 GW L'Aia
Paesi Bassi Nederlandse Vereniging voor Rechtspraak Lange Voorhout 7, 2514 EA L'Aia nvvr.org
Pakistan Human Rights Commission of Pakistan Aiwan-i-Jamhoor 107 Tipu Block, New Garden Town 54600 Lahore
Palestina Palestinian Territory, Occupied Al-Haq P.O.Box: 1413 Ramallah - West Bank alhaq.org
Palestina Palestinian Centre for Human RIghts 29 Omar El Mukhtar Street, Near Amal Hotel, PO Box 1328 Gaza pchrgaza.org
Perù Comisión Andina de Juristas Los Sauces 285, San Isidro Lima cajpe.org.pe
Russia Independent Council of Legal Expertise B. Golovin Per. 22, str. 1, komn. 7 107045 Mosca
Russia International Protection Centre office 22-13 (Palace of labor unions) Leninsky Prospekt d.42 119119 Mosca ip-centre.ru
Stati Uniti Global Rights 1200 18th Street, NW, Suite 602 Washington globalrights.org
Stati Uniti Minnesota Advocates for Human Rights 310 Fourth Avenue South, Suite 1000, Minnesota 55415-1012 Minneapolis mnadvocates.org Archiviato il 18 gennaio 2015 in Internet Archive.
Tunisia Ligue Tunisienne pour la Défense des Droits de l'Homme 21, rue Baudelaire-Elomrane 1005 Tunisi
Uruguay Instituto de Estudios Legales y Sociales del Uruguay Plaza Independencia 1376 piso 11100 Montevideo instantfacts.se
Zambia Law Association of Zambia House, N° 1 Lagos Road, P.O. Box 35271, 10101 Lusaka
Zimbabwe Zimbabwe Lawyers for Human Rights P.O. Box 918 Harare

Membri onorari[modifica | modifica wikitesto]

La Commissione internazionale dei giuristi è composta da un massimo di sessanta avvocati (inclusi magistrati, avvocati e accademici) dedicati a garantire il rispetto delle norme internazionali sui diritti umani attraverso la legge. I commissari sono noti per la loro esperienza, conoscenza e impegno fondamentale per i diritti umani.[36]

La composizione della Commissione mira a riflettere la diversità geografica del mondo e i suoi numerosi sistemi giuridici. Ad essi si aggiungono inoltre molti ex membri del commissariato, nominati membri onorari della Commissione al termine del loro mandato come commissari. Nel frattempo alcuni individui vengono eletti direttamente membri onorari in riconoscimento della loro anzianità e del contributo al progresso dei diritti umani e dello stato di diritto.[36]

Elenco dei membri onorari:[25]

  • Georges Abi-Saab, Egitto
  • Alejandro Artucio, Uruguay
  • Solomy Balungi Bossa, Uganda
  • Ian Binnie, Canada
  • William Butler, Stati Uniti
  • Marie José Crespin, Senegal
  • Dato’ Param Cumaraswamy, Malaysia
  • Rajeev Dhavan, India
  • Dalmo A. De Abreu Dallari, Brasile
  • Louise Doswald-Beck, Svizzera
  • Alfredo Etcheberry, Cile
  • Elizabeth Evatt, Australia
  • Jochen A. Frowein, Germania
  • Gustavo Gallón, Colombia
  • Jenny Goldshmidt, Paesi Bassi
  • Lennart Groll, Svezia
  • Paul J.G. Kapteyn, Paesi Bassi
  • Michael D. Kirby, Australia
  • David Kretzmer, Israele
  • Kofi Kumado, Ghana
  • Claire L’Heureux-Dubé, Canada
  • Daniel Marchand, Francia
  • J. R.W.S. Mawalla, Tanzania
  • François-Xavier Mbouyom, Camerun
  • Karinna Moskalenko, Russia
  • Fali Nariman, India
  • Pedro Nikken, Venezuela
  • Manfred Nowak, Austria
  • Bertrand Ramcharan, Guyana
  • Shridath S. Ramphal, Guyana
  • Michèle Rivet, Canada
  • Raji Sourani, Palestina
  • Daniel Thürer, Svizzera
  • Christian Tomuschat, Germania
  • Michael A. Trinatafyllides, Cipro
  • Theo Van Boven, Paesi Bassi
  • Luzius Wildhaber, Svizzera
  • José Zalaquett, Cile
  • Leila Zerrougui, Algeria

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1980 European Human Rights Prize: Creato dal Consiglio d'Europa nel 1980 e assegnato una volta ogni tre anni per sostenere i meriti di una persona, un gruppo di persone, un'istituzione o un'organizzazione non governativa che è stata attiva nel promuovere o proteggere i diritti umani in conformità con i principi individuali libertà, libertà politica e stato di diritto. L'ICJ è stato il primo destinatario di questo premio.[37]

«assegnato per il suo eccezionale contributo alla causa dei diritti umani secondo i principi di libertà individuale, libertà politica e stato di diritto.»

«la qualità e l'obiettività della CIG sono al di là di ogni dubbio di particolare importanza è l'influenza esercitata dalla Commissione negli ultimi anni sullo stato di diritto nei paesi che diventano indipendenti nel corso del processo di decolonizzazione»

«Ha contribuito attivamente all'elaborazione di standard internazionali e regionali e ha contribuito a garantirne l'adozione e l'attuazione da parte dei governi. La Commissione ha collaborato strettamente con le Nazioni Unite e lavora attivamente a livello regionale per rafforzare le istituzioni per i diritti umani, con particolare attenzione alla promozione dell'indipendenza della magistratura»

«Non puoi immaginare l'effusione di e-mail che ho ricevuto anche da membri molto vecchi dell'ICJ e l'orgoglio e la gioia nel ricevere il riconoscimento del lavoro dell'ICJ da parte della comunità tibetana, da parte di Sua Santità, dalla solidarietà organizzazioni. Davvero è stato così commovente. Questo premio sarà dedicato al compianto Nick Howen, il mio immediato predecessore e caro amico scomparso tragicamente tre anni fa. Nick era un devoto attivista della causa del Tibet; non solo ha messo molte ore, ma ha anche messo a repentaglio la sua vita quando ce n'era bisogno per perseguire la causa, per portare informazioni dal Tibet»

(Wilder Tayler)

Fondi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 l’organizzazione ha registrato entrate per 7,2 milioni di franchi (~ 7,3 milioni di dollari) e spese per un ammontare di 9,1 milioni di franchi.[1]

Donatori quotati 2015:
Finlandia (AMF), Germania, Irlanda (IrishAid), Paesi Bassi (AMF), Norvegia (AMF), Svezia (Agenzia svedese di sviluppo e cooperazione internazionale - SIDA), Svizzera (Agenzia svizzera per lo sviluppo e la cooperazione - CSD), Stati Uniti (Dipartimento di Stato), Bread for the World, DanChurchAid, Commissione europea, Open Society Foundations, Medico International, MISEREOR e UNDP. Per un programma che copre il periodo 2012-2015, SIDA ha concesso a ICJ $ 3,7 milioni.[1]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bonn, al tempo capitale[7] e sede degli enti federali della Germania Ovest dal 1949 al 1990, continuando ad essere sede del governo federale tedesco fino al 1998, quando vi fu l'effettivo trasferimento degli uffici a Berlino.
  2. ^ Secondo un articolo del Life del 28 luglio 1952, Linse fu rapito da fuori casa sua nella zona di occupazione americana Gerichtsstraße di Berlino, dove verso le 7.30 fu aggredito e caricato su un'auto. Una donna che ha assistito all'evento ha chiesto aiuto e un camionista ha iniziato un inseguimento. I rapitori in macchina hanno sparato contro il camion con una pistola e hanno lasciato cadere caltrops per scoraggiare l'inseguimento, permettendo all'auto di raggiungere la zona di occupazione sovietica di Berlino con una barriera del veicolo sollevata per aiutare ad accelerare la fuga. (Va ricordato che il muro di Berlino non fu costruito fino al 1961, quindi il viaggio tra le diverse zone era relativamente prove di ostacoli.)[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) International Commission of Jurists (ICJ), su ngo-monitor.org, 31 ottobre 2016. URL consultato il 23 aprile 2020.
    «Dedicated to the primacy, coherence and implementation of international law and principles that advance human rights....What distinguishes the International Commission of Jurists (ICJ) is its impartial, objective and authoritative legal approach to the protection and promotion of human rights through the rule of law.»
  2. ^ a b Commissione internazionale dei giuristi: pubblicata la versione italiana della Guida per operatori del diritto “L’immigrazione e la normativa internazionale dei diritti umani, su unipd-centrodirittiumani.it, 17 ottobre 2012. URL consultato il 23 aprile 2020.
    «International Commission of Jurists (ICJ) è un’organizzazione non governativa composta da 60 giudici ed avvocati eminenti provenienti da tutte le regioni del mondo con l’obiettivo di promuovere e proteggere i diritti umani attraverso lo stato di diritto, facendo uso della sua particolare esperienza del diritto per sviluppare e rafforzare i sistemi giudiziari nazionali ed internazionali. Fondata nel 1952 e attiva in cinque continenti, l’ICJ mira ad assicurare lo sviluppo progressivo e l’implementazione efficace del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario; ad assicurare la realizzazione dei diritti civili, culturali, economici, politici e sociali; a salvaguardare la separazione dei poteri e a garantire l’indipendenza della magistratura e della professione forense.»
  3. ^ a b (EN) International Commission of Jurists Advocates for Justice and Human Rights - The Commission, su icj.org. URL consultato il 23 aprile 2020.
    «The International Commission of Jurists is comprised of up to sixty lawyers (including senior judges, attorneys and academics) dedicated to ensuring respect for international human rights standards through the law. Commissioners are known for their experience, knowledge and fundamental commitment to human rights. The composition of the Commission aims to reflect the geographical diversity of the world and its many legal systems.»
  4. ^ (EN) International Congress of Jurist - PART ONE - Idea and Preparation of Congress Plenary Meetings of Congress (PDF), su icj.org, luglio 1952. URL consultato il 23 aprile 2020.
  5. ^ a b (EN) Part One: 1952-1970, su icj.org. URL consultato il 23 aprile 2020.
    «The ICJ was established following the ‘International Congress of Jurists’ held in West Berlin in July 1952. The ‘Standing Committee of the Congress’, appointed by delegates to expand the work of the German ‘Investigating Committee of Free Jurists’, created the ‘International Commission of Jurists’ in 1953; a permanent body dedicated to defending human rights through the Rule of Law»
  6. ^ a b c d e f International Congress of Jurist - PART ONE - Idea and Preparation of Congress Plenary Meetings of Congress, p. 8.
  7. ^ (DE) 29.November 1949: Bonn wird Bundeshauptstadt, su nrw2000.de. URL consultato il 23 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2009).
  8. ^ (EN) International Congress of Jurists – West Berlin 1952 – complete report, discourses and protocols, su icj.org. URL consultato il 23 aprile 2020.
    «The 1st International Congress of Jurists for the protection of right against systematic injustice was held in West Berlin with the cooperation of delegates from 43 countries, amongst whom 32 Ministers and statesmen, 32 professors, 35 presidents, judges and counsel in High Courts of Justice.»
  9. ^ (EN) LIFE 28 lug 1952: How Dott. Linse...got lost, in Life, vol. 33, n. 4, Time Inc, 28 giugno 1952, p. 37, ISSN 0024-3019 (WC · ACNP). URL consultato il 24 aprile 2020.
  10. ^ (EN) History / Stasi Prisoners / Biographies/ Walter Linse, su stiftung-hsh.de. URL consultato il 24 aprile 2020.
    «On July 8, 1952, the Ministry of State Security (MfS) dispatched a commando of hired criminals to kidnap him and bring him to East Berlin. His kidnappers abducted him near his home, bundled him into a car disguised as a taxi, and shot him in the leg to prevent resistance. Linse was brought to the central MfS remand prison in Berlin-Hohenschönhausen. Erich Mielke, then Minister of State Security, signed the "detention order" issued on the same day.»
  11. ^ a b c Icj - History 1953 - 1955, Storia della ICJ - 1953-1955.
  12. ^ a b c d Icj - History 1958 - 1963, Storia della ICJ - 1958-1963.
  13. ^ a b c Icj - History 1970 - 1977, Storia della ICJ - 1970-1977.
  14. ^ a b c d Icj - History 1975 - 1976, Storia della ICJ - 1975-1976.
  15. ^ a b c d Icj - History 1978 - 1986, Storia della ICJ - 1978-1986.
  16. ^ a b c Icj - History 1990 - 1997, Storia della ICJ - 1990-1997.
  17. ^ a b c Icj - History 2000 - 2003, Storia della ICJ - 2000-2003.
  18. ^ a b c d e Icj - History 2005 - oggi, Storia della ICJ - 2005 -oggi.
  19. ^ a b (EN) Icj - Regions, su icj.org. URL consultato il 24 aprile 2020.
  20. ^ a b c (EN) Icj - Europe and Central Asia, su icj.org. URL consultato il 24 aprile 2020.
  21. ^ a b c d e (EN) Icj - Middle East and North Africa, su icj.org. URL consultato il 24 aprile 2020.
  22. ^ a b c (EN) Icj - Africa, su icj.org. URL consultato il 24 aprile 2020.
  23. ^ a b c d (EN) Icj - Asia e Pacifico, su icj.org. URL consultato il 24 aprile 2020.
  24. ^ a b c d (EN) Icj - Sud-est asiatico, su icj.org. URL consultato il 25 aprile 2020.
  25. ^ a b (EN) Icj - Onorary Member, su icj.org. URL consultato il 24 aprile 2020.
  26. ^ Wikisource:Declaration of Delhi
  27. ^ a b (EN) THE RULE OF LAW IN A FREE SOCIETY: A REPORT ON THE INTERNATIONAL CONGRESS OF JURISTS, NEW DELHI, INDIA JANUARY 5-10, 1959 (PDF), in Rapporto, Ginevra, International Commission of Jurist, 5 gennaio 1959. URL consultato il 26 aprile 2020.
    «Define and describe within the context of modern constitutional and legal practice the Rule of Law /To consider what minimum safeguards are necessary to ensure the just Rule of Law and the protection of individuals against arbitrary action by the State.”»
  28. ^ (EN) Bulletin of the International Commission of Jurists:Act of Athens (PDF), in bollettino, Ginevra, International Commission of Jurist, 5 gennaio 1959. URL consultato il 26 aprile 2020.
    «The recollections of the International Congress of Jurists, held under the auspices of the International Commission of Jurists from 13 to 20 June 1955, are interwoven with the proud and graceful silhouette of the Acropolis, the fascinating interpretation of Aeschylus’s Oresteia on the Pnyx, and the memory-evoking hill of the Areopagus. The Act of Athens, in which the fundamental principles constituting the pillars of the Rule of Law were once again formulated for the contemporary jurists and the modern world, radiates in its style the spirit represented by the mighty ruins of the cradle of Western civilization.»
  29. ^ (EN) International Commission of Jurists:Executive Action and the Rule of Law - A REPORT ON THE PROCEEDINGS OF THE INTERNATIONAL CONGRESS OF JURISTS, RIO DE JANEIRO, BRAZIL (PDF), in rapporto, Ginevra, International Commission of Jurist, 15 dicembre 1962. URL consultato il 26 aprile 2020.
    «The subjects for discussion at the Congress were distributed among four Committees. Committee One concerned itself with “ Procedures utilized by Administrative Agencies and Executive Officials ”, Com mittee Two with “ Control by the Legislature and the Courts over Executive Action ”, Committee Three with “ The Responsibility of Lawyers in a Changing World ” and Committee Four with “ The Role of Legal Education in a Changing Society A summary of the discussions as well as the Conclusions reached by each of these Committees appear in this Report.»
  30. ^ (EN) THE RULE OF LAW and HUMAN RIGHTS Principles and Definitions (PDF), in rapporto, Ginevra, International Commission of Jurist, 5 gennaio 1959. URL consultato il 26 aprile 2020.
    «The Declaration of Colombo stressed the duty of lawyers to bring to the attention of all members of the community the practical relevance of the Rule of Law in their daily life and aspirations. Besides the methods by which the Rule of Law could be adequately introduced to the average citizen, the colloquium considered such matters as problems arising from the nationalization of property and examined how the citizen could be provided with an informal and prompt means of redress of his grievances in his dealings with the administration. The Act of Athens, the Declaration of Delhi, the Law of Lagos, the Resolution of Rio, the Declaration of Bangkok and the Declara tion of Colombo crystallize in summary form the conclusions of the congresses and conferences held under the aegis of the International Commission of Jurists.»
  31. ^ (EN) J. E. S. Fawcett, International and Comparative Law Quarterly, in The Rule of Law and Human Rights: Principles and Definitions. [Geneva: International Commission of Jurists. 1966. viii and 83 pp. 10s. 6d. hard cover. 9s. paperback.] Available in the U.K. from Justice., vol. 16, Cambridge, Cambridge University Press, 17 gennaio 2008 giugno 1967 [giugno 1967], p. 834. URL consultato il 26 aprile 2020.
  32. ^ (EN) Bulletin of the International Commission of Jurists n.26 (PDF), in bollettino, Ginevra, International Commission of Jurist, giugno 1966. URL consultato il 26 aprile 2020.
    «The Ceylon Section of the International Commission ofJurists, in collaboration with the Commission, held a very successful Colloquium on the Rule of Law at the “ Hotel Taprobane ”, Colombo, from January 10 to 15, 1966. The Colloquium, which was a follow-up to the South-East Asian and Pacific Conference of Jurists held at Bangkok in February 1965, was attended by nearly

    100 Ceylonese and foreign participants. The foreign participants were largely from Asian countries. Mr. Vivian Bose, the President of the International Commission of Jurists, Mr. Sean MacBride, the Secretary-General and Mr. Lucian G. Weeramantry, the Senior Legal Officer, also attended. The Colloquium was opened by the Hon. Dudley Senanayake, Prime Minister of Ceylon, and among the principal speakers at the Plenary Sessions were Mr. H. H. Basnayake, Q.C., former Chief Justice of Ceylon and President of the International Commission of Jurists (Ceylon Section); Mr. Vivian Bose; Mr. Sean MacBride; Mr. Justice T. S. Fernando, C.B.E., Q.C., Member, International Commission of Jurists; Mr. M. H. M. Naina Marickar, Parlia mentary Secretary, Ministry of Justice; Mr. S. V. Gupte, Solicitor- General of India; and Sir Dingle Foote, Q.C., Solicitor-General of England.

    The Conclusions and Resolutions of the Colloquium, which are published below, indicate the subjects discussed by the four dif ferent Committees. The Declaration of Colombo, which crystal lises the Conclusions, appears at the end of this article. .»
  33. ^ (EN) International Commission of Jurists: Justice and the Individual: The Rule of Law under Current Pressures (PDF), in rapporto, Ginevra, International Commission of Jurist, 15 dicembre 1962. URL consultato il 26 aprile 2020.
    «The Aspen Conference was dedicated to the theme of "Justice and the Individual: The Rule of Law under Current Pressures". The meeting was sponsored by the American Association for the International Commission of Jurists and the Aspen Institute for Humanistic Studies. Among the participants were 22 Commissioners, 21 guest participants and two observers.

    Professor Louis Henkin of Columbia University introduced the theme of the conference. Subsequent in-depth discussion centered on the following presentations of background papers: "The Growing Use of Arbitrary Power", by Professor Frank Newman of the University of California; "Violence and Human Rights", by former ICJ Secretary-General Sean MacBride; and "Racial Discrimination", by Professor Joel Carlson of the Center for International Studies at New York University.

    In the final document of the Aspen conference, conclusions were adopted on the three themes of the papers. In its conclusions, the Commission first outlined the various pressures to which the Rule of Law had been subjected in many countries of the world. Such pressures included the tendency of many governments, especially in countries where there was an urgent need for economic advancement, to undermine the basic civil and political rights of individuals. The Commission also pointed to the widespread disregard for international humanitarian law and the phenomenon of "infectious violence", which, as the Universal Declaration of Human Rights recognizes, is often the last resort of those who are too long denied their human rights under the Rule of Law. The Commission also expressed its concern over the situation in South Africa.»
  34. ^ (EN) International Commission of Jurists: (PDF), in rapporto, Ginevra, International Commission of Jurist - 25th Anniversary Meeting, 1977 Vienna, Austria 19th – 22nd April 1977, 22 aprile 1977. URL consultato il 2 maggio 2020.
    «The 25th Anniversary meeting of the International Commission of Jurists in Vienna was dedicated to the theme of “Human Rights in an Undemocratic World”. The meeting gathered more than 60 participants from 32 countries in all parts of the world. Participants included representatives of national sections and a number of well-known international jurists, including: Lord Gardiner, the former Lord Chancellor of Great Britain; Judge Dudley Bonsal of the United States District Court in New York; Judge Haim Cohn of the Supreme Court of Israel; Judge Gustaf Petren, the former Swedish Ombudsman; Roberto Conception, the former Chief Justice of the Philippines; and John P. Humphrey, the former director of the United Nations Human Rights Division.

    The participants asserted the need to devise ways of assisting lawyers and judges who were being harassed or persecuted as a consequence of their work in defence of human rights, and in defending political prisoners. The discussion resulted in the establishment of the ICJ's Centre for the Independence of Judges and Lawyers (CIJL) within the Geneva Secretariat; a centre similar to the one which had already established within the United States Section of the ICJ. Another prominent theme of discussion was the ineffectiveness of the UN machinery in protecting human rights. Participants affirmed the need to make use of the “1503 procedure” of the UN Commission on Human Rights, and to make more effective the complaint mechanisms under the International Covenant on Civil and Political Rights and under the Convention on the Elimination of Racial Discrimination. Many participants voiced the opinion that the ICJ could have an invaluable role to play at the international level in assisting and compelling the UN to strengthen its mechanisms.

    Other discussions and conclusions focused on the Rule of Law in one-party States and the Rule of Law under Military Regimes, and the question of minority rights»
  35. ^ (EN) Icj - Sections and Affiliates, su icj.org. URL consultato il 2 maggio 2020.
  36. ^ a b (EN) Icj - The Commission, su icj.org. URL consultato il 24 aprile 2020.
  37. ^ (EN) Icj - European Human Rights Prize, su icj.org. URL consultato il 24 aprile 2020.
  38. ^ (EN) Icj - Wateler Peace Prize, su icj.org. URL consultato il 24 aprile 2020.
  39. ^ (EN) Icj - Erasmus Prize, su icj.org. URL consultato il 24 aprile 2020.
  40. ^ (EN) United Nations Award for Human Rights (PDF), su ohchr.org. URL consultato il 25 aprile 2020.
  41. ^ (EN) Icj - United Nations Award for Human Rights, su icj.org. URL consultato il 24 aprile 2020.
  42. ^ (EN) Save the Tibet - Light of Truth Award, su savetibet.org. URL consultato il 25 aprile 2020.
    «The International Commission of Jurists, an NGO dedicated to strengthening the role of lawyers and judges in protecting and promoting human rights and the rule of law, for its seminal reports and legal advocacy on Tibet. The award was received by Mr. Wilder Tayler, Secretary General, International Commission of Jurists. Mr. Tayler said: “You cannot imagine the outpouring of emails I have received even from very old members of the ICJ and the pride and joy in receiving the recognition of the work of ICJ by the Tibetan community, by His Holiness, by the solidarity organisations. Really it has been so moving. This prize will be dedicated to the late Nick Howen, my immediate predecessor and very dear friend who passed away quite tragically three years ago. Nick was a devoted activist of the Tibet cause; he not only put a lot of hours, he actually put his life at risk when there was need of it in order to pursue the cause, to bring information out of Tibet.”»

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN127489564 · ISNI (EN0000 0004 0401 3140 · LCCN (ENn80062909 · BNF (FRcb11872144h (data) · J9U (ENHE987007263160305171 · WorldCat Identities (ENlccn-n80062909