Commiphora myrrha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Commiphora myrrha
Commiphora myrrha - Köhler–s Medizinal-Pflanzen-019.jpg
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi
(clade) Malvidi
Ordine Sapindales
Famiglia Burseraceae
Genere Commiphora
Specie C. myrrha
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Sapindales
Famiglia Burseraceae
Genere Commiphora
Specie C. myrrha
Nomenclatura binomiale
Commiphora myrrha
(T.Nees) Engl., 1883

Commiphora myrrha (T.Nees) Engl., 1883 è un albero della famiglia Burseraceae[1].

È uno dei costituenti principali per la produzione della mirra, una resina formata dalla linfa di alcuni alberi essiccata.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Commiphora myrrha è un albero molto spinoso e cresce ad un'altezza di circa 4 m.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

L'albero è nativo della penisola Arabica (Arabia saudita, Oman, Yemen) e dell'Africa (Gibuti, Eritrea, Etiopia, Somalia, Kenya nordorientale)[1].

Si trova a un'altitudine di 250–1300 m, con una piovosità di 230–300 mm, principalmente in aree di suolo calcareo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Commiphora myrrha, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 16/1/2023.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]