Come una rana d'inverno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come una rana d'inverno
AutoreDaniela Padoan
1ª ed. originale2004
Generesaggio
Lingua originaleitaliano

Come una rana d'inverno (titolo completo: Come una rana d'inverno. Conversazioni con tre sopravvissute ad Auschwitz: Liliana Segre, Goti Bauer, Giuliana Tedeschi) è una raccolta di conversazioni con tre sopravvissute all'Olocausto: Liliana Segre, Goti Bauer e Giuliana Fiorentino Tedeschi. Il titolo è una citazione dalla poesia Shemà posta in epigrafe alle pagine di Se questo è un uomo di Primo Levi[1].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il libro è diviso in tre capitoli, ognuno dei quali raccoglie le memorie di ognuna delle sopravvissute.

Il primo capitolo raccoglie le testimonianze di Liliana Segre, fornite tra il 20 gennaio 2002 e il 10 novembre 2003[2], il secondo quelle di Goti Bauer fornite tra il 22 giugno 2002 e il 6 novembre 2003[3] e infine quelle di Giuliana Tedeschi raccolte tra il 9 ottobre 2002 e il 3 novembre 2003[4]. In coda al libro è presente una postfazione dell'autrice.

Temi trattati[modifica | modifica wikitesto]

Nella postfazione, l'autrice mette in evidenza come le memorie e le testimonianze riguardanti l'Olocausto, seppur ingenti, trascurino quasi completamente il ruolo delle donne in quei tragici eventi, nonostante circa il 60/70% delle persone mandate alle camere a gas furono appunto donne e bambini[5].

«La letteratura di testimonianza è stata prodotta quasi tutta da uomini, mentre le donne hanno parlato poco delle proprie esperienze. Forse per questo motivo si è ingenerata e diffusa l'opinione che le deportazioni maschili e femminili possano combaciare e anzi addirittura sovrapporsi»

(Giuliana Tedeschi[6])

Le sopravvissute furono detenute nel campo di concentramento femminile di Auschwitz II-Birkenau[7]. I temi trattati riguardano la vita di tutti i giorni delle donne nel campo di concentramento, i mesi prima della deportazione, il ritorno alla vita normale e il percorso di testimonianza.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Daniela Padoan, Come una rana d'inverno. Conversazioni con tre donne sopravvissute ad Auschwitz, in I lemuri, Bompiani, 2004, ISBN 9788845201172.
  • Daniela Padoan, Come una rana d'inverno. Conversazioni con tre sopravvissute ad Auschwitz: Liliana Segre, Goti Bauer, Giuliana Tedeschi, in Tascabili, Bompiani, 2018, ISBN 9788845296093.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Shemà - Treccani, il portale del sapere, su treccani.it. URL consultato il 27 gennaio 2018.
  2. ^ Padoan2018, p. 13
  3. ^ Padoan2018, p. 71
  4. ^ Padoan2018, p. 143
  5. ^ Padoan2018, pp. 197-200
  6. ^ Lucio Monaco, La deportazione femminile nei Lager nazisti, p. 28, ISBN 9788820491550.
  7. ^ Padoan2018, p. 203

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Daniela Padoan, Come una rana d'inverno. Conversazioni con tre sopravvissute ad Auschwitz: Liliana Segre, Goti Bauer, Giuliana Tedeschi, in Tascabili, Bompiani, 2018, ISBN 9788845296093.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]