Come gli aeroplani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come gli aeroplani
Comegliaeroplani.jpg
ArtistaEnzo Jannacci
Tipo albumStudio
Pubblicazione12 ottobre 2001
Durata65:45
Dischi1
Tracce17
GenereFolk
Pop
EtichettaAla Bianca
RegistrazioneItalia
Enzo Jannacci - cronologia
Album successivo
(2003)

Come gli aeroplani è il diciassettesimo e penultimo album in studio di Enzo Jannacci.

In copertina è ritratto il padre di Jannacci.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Via del Campo
  2. Come gli aeroplani
  3. Curiosità
  4. Cesare
  5. Brutta gente (già incisa prima su 45 giri nel 1974, poi inserita nell'album E allora...Concerto del 1981).
  6. Anche oggi piove
  7. È difficile
  8. Sono timido (scritta con Renato Pozzetto)
  9. Lettera da lontano (la canzone vinse la Targa Tenco nel 2002)
  10. Varenne
  11. Libelà
  12. Avevo un sogno
  13. Luna Rossa
  14. Gippo Gippo (cantata in coppia con Renato Pozzetto).
  15. Rido
  16. Tì luna
  17. I mulini dei ricordi (cover di The windmills of your mind di Michel Legrand)

Via del Campo è la celeberrima canzone cantata da De André, quale omaggio all'artista scomparso 2 anni prima (1999), sebbene l'artista genovese fosse stato legato a Jannacci, in quanto ebbe modo di scrivere un testo sulla musica di La mia morosa la va alla fonte, di Jannacci stesso, senza però citare il cantautore milanese nel suo disco.

Brutta gente, già incisa prima su 45 giri nel 1974, fu anche inserita nell'album E allora...Concerto del 1981.

Lettera da lontano vinse la Targa Tenco nel 2002: la canzone fu anche interpretata, durante questa manifestazione, da una coppia formata da Francesco Baccini e Davide Van de Sfroos.

Rido era già presente nell'album O vivere o ridere del 1976.

Libelà era stata incisa da Cochi e Renato.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica