Come gli aeroplani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Come gli aeroplani
album in studio
Comegliaeroplani.jpg
ArtistaEnzo Jannacci
Pubblicazione12 ottobre 2001
Durata65:45
Dischi1
Tracce17
GenereFolk
Pop
EtichettaAla Bianca
RegistrazioneItalia
Enzo Jannacci - cronologia
Album successivo
(2003)

Come gli aeroplani è il diciassettesimo e penultimo album in studio di Enzo Jannacci.

In copertina è ritratto il padre di Jannacci.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Enzo Jannacci (eccetto dove indicato).

  1. Via del Campo (testo: Fabrizio De André)
  2. Come gli aeroplani
  3. Curiosità
  4. Cesare
  5. Brutta gente
  6. Anche oggi piove
  7. È difficile
  8. Sono timido (testo: Enzo Jannacci, Renato Pozzetto)
  9. Lettera da lontano
  10. Varenne
  11. Libelà (testo: Cochi Ponzoni, Renato Pozzetto)
  12. Avevo un sogno
  13. Luna Rossa
  14. Gippo Gippo (con Renato Pozzetto) (testo: Renato Pozzetto)
  15. Rido (testo: Enzo Jannacci, Beppe Viola, Ennio Melis)
  16. Ti luna (testo: Franco Bompieri)
  17. I mulini dei ricordi (Titolo originale: The Windmills of Your Mind) (testo: adattamento italiano di Paolo Jannacci – musica: Michel Legrand)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Via del Campo è la celeberrima canzone cantata da De André, quale omaggio all'artista scomparso 2 anni prima (1999), sebbene l'artista genovese fosse stato legato a Jannacci, in quanto ebbe modo di scrivere un testo sulla musica di La mia morosa la va alla fonte di Jannacci stesso, senza però citare il cantautore milanese nel suo disco.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica