Colpo di Stato in Sudan del 2019

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Colpo di Stato in Sudan del 2019
Data11 aprile 2019
LuogoSudan Sudan[1]
Esito
Schieramenti
Presidential Standard of Sudan.svg Governo del SudanInsignia of the Sudanese Armed Forces.svg Forze armate sudanesicivili sudanesi (a sostegno delle forze armate)
Comandanti
Perdite
11 civili morti[2]
Voci di colpi di Stato presenti su Wikipedia

Il colpo di Stato in Sudan del 2019 è stato un golpe militare messo in atto dalle forze armate sudanesi la mattina dell'11 aprile 2019 per rovesciare il governo del presidente sudanese Omar al-Bashir, che è stato destituito dal potere e arrestato dopo aver ricoperto tale ruolo per quasi 30 anni.[3]

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Dal 19 dicembre 2018 sono in corso in Sudan proteste contro il presidente, queste manifestazioni sono iniziate in diverse città del paese a causa dell'aumento del caro vita e della crisi economica.[4] Nel gennaio 2019, l'oggetto delle proteste si spostarono dal caro vita e dalle questioni economiche, alle richieste di dimissioni del presidente Omar al-Bashir.[5][6]

Nel febbraio 2019, Bashir aveva dichiarato il primo stato di emergenza nazionale in vent'anni a causa del crescendo dei disordini.[7][8]

Colpo di Stato[modifica | modifica wikitesto]

L'11 aprile 2019 l'esercito sudanese ha destituito il Governo Nazionale e ha annunciato uno stato di emergenza di 3 mesi, a cui seguirà un periodo di transizione di 2 anni prima dell'istituzione di un nuovo governo.[3] Il tenente generale Ahmed Awad Ibn Auf, che era Ministro della Difesa e il Vicepresidente del Sudan, si è dichiarato de facto Capo di Stato, annunciando la sospensione della costituzione e imponendo un coprifuoco, ordinando la cessazione delle proteste in corso.[9] Oltre al Governo Nazionale, sono stati sciolti anche i governi statali e i consigli legislativi.[10]

I media statali hanno riferito che tutti i prigionieri politici, compresi i leader delle protesta anti-Bashir, sono stati rilasciati dal carcere. Il Partito del Congresso Nazionale di Al-Bashir ha annunciato che avrebbe organizzato una manifestazione a sostegno del presidente deposto.[11] I soldati hanno anche fatto irruzione negli uffici del Movimento Islamico, la principale ala ideologica del Congresso Nazionale, a Khartoum.[12]

Il 12 aprile, il neonato governo militare ha deciso di rimanere al potere per un periodo transitorio per far si che iniziassero i negoziati per portare alla formazione di un nuovo governo di matrice civile e non militare.[13] La sera del 12 aprile Auf si è dimesso da Presidente del Consiglio Militare di Transizione (de facto Capo di Stato) e ha nominato il generale Abdel Fattah Abdelrahman Burhan come suo successore.[14][15][16] Questo è accaduto dopo le proteste per la decisione di non far estradare Bashir dalla Corte penale internazionale.[17][18]

Il 13 aprile, Burhan ha annunciato nel suo primo discorso televisivo che il coprifuoco imposto da Auf era stato revocato e che era stato emesso un ordine per completare il rilascio di tutti i prigionieri incarcerati in base alle leggi precedentemente promulgate da Bashir.

Altri arresti[modifica | modifica wikitesto]

Le forze armate sudanesi hanno arrestato diversi funzionari governativi tra cui il primo ministro Mohamed Taher Ayala, Ahmed Haroun (Presidente del Partito del Congresso Nazionale, al governo), un membro del Congresso Nazionale Awad Al-Jaz, l'ex Ministro della Difesa Abdel Rahim Mohammed Hussein e gli ex-vicepresidenti Bakri Hassan Saleh e Ali Othman Taha.[19]

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Reazioni sudanesi[modifica | modifica wikitesto]

In una dichiarazione, diversi attivisti sudanesi, compresi quelli dell'Associazione dei Professionisti Sudanesi e del Partito Comunista Sudanese, hanno denunciato il Consiglio di Militare di Transizione come un governo con "le stesse facce e le stesse entità su cui il nostro grande popolo si è ribellato". Gli attivisti hanno chiesto che il controllo del paese fosse consegnato ad un governo civile e non militare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://edition.cnn.com/africa/live-news/sudan-latest-updates/h_273cb018352361935737f51e56875bec
  2. ^ https://www.france24.com/en/20190411-sudan-timeline-four-months-mounting-protests-bashir
  3. ^ a b Sarah El Sirgany, Nima Elbagir and Yasir Abdullah CNN, Sudan's President Bashir forced out in military coup, su CNN. URL consultato il 14 aprile 2019.
  4. ^ https://www.aljazeera.com/news/2018/12/protests-rising-prices-spread-sudan-khartoum-181220132130661.html
  5. ^ (EN) Reuters, Sudanese police fire on protesters demanding president step down, in The Guardian, 17 gennaio 2019. URL consultato il 14 aprile 2019.
  6. ^ (EN) 'It's more than bread': Why are protests in Sudan happening?, su Middle East Eye. URL consultato il 14 aprile 2019.
  7. ^ (EN) Sudan's Bashir names VP, prime minister as protests continue, in Reuters, 23 febbraio 2019. URL consultato il 14 aprile 2019.
  8. ^ (EN) Sudan's Al-Bashir Declares State of Emergency for One Year, 10 aprile 2019. URL consultato il 14 aprile 2019.
  9. ^ washingtonpost.com, https://www.washingtonpost.com/world/africa/sudans-military-expected-to-announce-overthrow-of-president-following-months-of-popular-protests/2019/04/11/bedcc28e-5c2b-11e9-842d-7d3ed7eb3957_story.html.
  10. ^ Sudanese protesters reject army procedures, decide to continue sit-in - Global Times, su www.globaltimes.cn. URL consultato il 14 aprile 2019.
  11. ^ Bloomberg - Are you a robot?, su www.bloomberg.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  12. ^ Soldiers raid Bashir's ruling party offices: witnesses - Daily Nation, su www.nation.co.ke. URL consultato il 14 aprile 2019.
  13. ^ 'We are not greedy for power': Sudan army promises civilian gov't, su www.aljazeera.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  14. ^ www.euronews.com, https://www.euronews.com/2019/04/12/head-of-sudan-military-council-steps-down-one-day-after-long-time-leader-bashir-toppled-in. URL consultato il 14 aprile 2019.
  15. ^ The Latest: Sudan's post-coup transitional leader steps down, su SFGate, 12 aprile 2019. URL consultato il 14 aprile 2019.
  16. ^ (EN) Sudan defense minister steps down as head of transitional military council, su english.alarabiya.net. URL consultato il 14 aprile 2019.
  17. ^ Sudan's Ibn Auf steps down as head of military council, su www.aljazeera.com. URL consultato il 14 aprile 2019.
  18. ^ (EN) AfricaNews, Sudan coup leader resigns, protesters celebrate 'triumph', su Africanews, 2019-04-12CEST23:07:14+02:00. URL consultato il 14 aprile 2019.
  19. ^ (EN) Sudan's Omar al-Bashir forced out in coup, su www.cnn.com, 11 aprile 2019. URL consultato il 14 aprile 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]