Colpa delle stelle (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colpa delle stelle
Colpa delle stelle film.jpg
Shailene Woodley (Hazel Grace) e Ansel Elgort (Augustus Waters) in una scena del film
Titolo originale The Fault in Our Stars
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 2014
Durata 125 min (versione cinematografica) 133 min (versione estesa)
Rapporto 1.85 : 1
Genere drammatico, sentimentale
Regia Josh Boone
Soggetto John Green (romanzo)
Sceneggiatura Scott Neustadter, Michael H. Weber
Produttore Marty Bowen, Wyck Godfrey
Produttore esecutivo Michele Imperato, Isaac Klausner
Casa di produzione Temple Hill Entertainment
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Fotografia Ben Richardson
Montaggio Robb Sullivan
Scenografia Molly Hughes
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Colpa delle stelle (The Fault in Our Stars) è un film del 2014 diretto da Josh Boone, adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di John Green. Vede come protagonisti Shailene Woodley ed Ansel Elgort.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Hazel Grace Lancaster, una diciassettenne affetta da cancro, (che le è stato diagnosticato all'età di tredici anni) è obbligata dai genitori a frequentare un gruppo di supporto, guidato da un sopravvissuto al cancro, Patrick. Il gruppo di supporto si svolge nel seminterrato di una chiesa che, i protagonisti sono soliti chiamare "letteralmente nel cuore di Gesù". Un giorno Hazel, mentre si avviava verso le scale, (perché l'ascensore era occupato), incontra e si scontra con Augustus Waters, un ex giocatore di basket con una gamba amputata a causa di un osteosarcoma. Terminato il tempo dell'incontro, Augustus invita a casa propria Hazel Grace. Dopo aver fatto la conoscenza dei genitori di Augustus, Hazel fa conoscere a quest'ultimo il suo romanzo preferito, Un'afflizione imperiale, scritto da Peter Van Houten, un americano trasferitosi ad Amsterdam. Dopo aver letto il libro Augustus, scrive al l'assistente di Van Houten e lo stesso fa Hazel. Per risposta alla e-mail della ragazza, c'è un invito, a casa dello scrittore. Accettano, e dopo molti imprevisti, tra cui c'è Hazel in terapia intensiva, per colpa di un liquido cancerogeno che le riempie i polmoni. Arrivati ad Amsterdam, durante una cena Augustus rivela a Hazel di amarla, e hanno anche un burrascoso incontro con Peter Van Houten, ormai alcolizzato. Là Augustus rivela a Hazel di essere nel corso di una grave ricaduta diagnosticata da una recente PET.

Il film termina con la descrizione delle ultime settimane di vita, in cui Hazel scrive un elogio funebre per Augustus, che recita davanti a lui. Il ragazzo alla fine muore, e per questo la ragazza prova un forte dolore. Durante e dopo il funerale Hazel rivede Van Houten che le dà una mail stampata su foglio, frustrata dal dolore che prova in quel giorno Hazel accartoccia la lettera. Infine l'amico che avevano in comune lei e il suo ragazzo, le spiega che quella mail era di Augustus. Il film termina con la lettura della lettera, elogio funebre per Hazel da Augustus, mentre lei è sdraiata su un prato, e dice il suo ultimo "OKAY", (il loro sempre), al ragazzo che ha amato.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese sono iniziate il 26 agosto 2013, a Pittsburgh in Pennsylvania.[1] Nelle location sono incluse Oakmont,[2] e il famoso hotel Mansions on Fifth.[3] La scene in chiesa sono state girate nella St. Paul's Episcopal Church a Pittsburgh nel sobborgo di Mt. Lebanon.[4] Le riprese in Pennsylvania sono continuate fino al 10 ottobre, quindi la produzione si trasferì ad Amsterdam, dove le riprese hanno avuto inizio il 14 ottobre[5] e si sono concluse il 16 ottobre 2013.[6]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 marzo 2013, Entertainment Weekly ha annunciato che Shailene Woodley avrebbe interpretato Hazel Grace Lancaster.[7] Il 10 maggio 2013, Ansel Elgort è stato scelto per il ruolo di Augustus Waters.[8] Il 23 luglio, hanno scelto l'attrice Laura Dern per interpretare la madre di Hazel, Frannie Lancaster, e Nat Wolff invece per il ruolo di Isaac, il migliore amico di Augustus.[9] All'HuffPost Live Nat Wolff ha affermato: "È eccitante, mi sento davvero fortunato. Il fatto che riesco a lavorare con queste persone, questa è una delle ragioni per cui, sto bene nel film".[10] Il 14 agosto, l'attore Sam Trammell è stato scelto nel ruolo di Michael Lancaster, padre di Hazel,[11] e il 28 agosto, l'autore John Green ha annunciato che Mike Birbiglia avrebbe avuto la parte di Patrick[12] Il 6 settembre, ha twittato che Willem Dafoe avrebbe interpretato lo scrittore Peter Van Hauten.[13]

Prima di questi annunci, l'autore John Green aveva detto in un tweet che sarebbe stato felice se Mae Whitman avesse preso parte nel film interpretando Hazel[14] mentre nel febbraio 2013 erano in lizza per il ruolo principale Shailene Woodley e Hailee Steinfeld.[15]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

The Fault in Our Stars (Music from the Motion Picture)
Artista AA.VV.
Tipo album Colonna sonora
Pubblicazione 23 maggio 2014
Durata 61 min: 00 s
Tracce 15
Genere Pop rock
Indie rock
Synth pop
Etichetta Atlantic Records

Edizione standard

  1. Ed SheeranAll of the Stars
  2. Jake BuggSimple As This
  3. GrouploveLet Me In
  4. BirdyTee Shirt
  5. KodalineAll I Want
  6. Tom OdellLong Way Down
  7. Charli XCXBoom Clap
  8. STRFKRWhile I'm Alive
  9. IndiansOblivion
  10. The Radio DepartmentStrange Things Will Happen
  11. Afasi & FilthyBomfalleralla
  12. Ray LaMontagneWithout Words
  13. BirdyNot About Angels
  14. Lykke LiNo One Ever Loved
  15. M83Wait
  16. BirdyBest Shot (feat. Jaymes Young)

Tracce bonus nell'edizione deluxe

  1. Sleeping at LastSun
  2. Radical FaceWe're on Our Way
  3. Serena RyderWhat I Wouldn't Do
  4. OneRepublicWhat You Wanted

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film viene presentato il 16 maggio 2014 al Seattle International Film Festival; distribuito a New York City (New York; nel resto degli Stati Uniti d'America il 6 giugno; il 4 giugno in Egitto, Giamaica, e Trinidad e Tobago; il 5 giugno in Australia, Brasile, Bielorussia, Repubblica Ceca, Croazia, Ungheria, Libano, Messico, Nuova Zelanda, Filippine, Porto Rico, Russia, e in Slovacchia; il 6 giugno in Canada, Colombia, Estonia, Islanda, Polonia, e Sud Africa; il 12 giugno negli Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Svizzera, Cile, Germania, Danimarca, Iraq, Giordania, Kuwait, Montenegro, Macedonia, Oman, Qatar, e Serbia; in Austria, Bulgaria, Norvegia, e Romania il 13 giugno; il 18 giugno in Romania e Israele; il 19 giugno nella Repubblica Dominicana, in Regno Unito, Grecia, Irlanda, Portogallo, e Singapore; il 20 giugno a Cipro e Lituania; il 22 giugno in Svezia; in 25 giugno in Cambogia; il 26 giugno in Argentina, Perù, e Uruguay; il 27 giugno in Ecuador e Turchia; il 4 luglio in Spagna e India; il 10 luglio nei Paesi Bassi e in Ucraina; l'11 luglio in Finlandia; il 17 luglio in Malesia; il 24 luglio in Thailandia; il 25 luglio a Taiwan; il 31 luglio a Hong Kong; il 13 agosto in Corea del Sud; il 15 agosto in Venezuela; il 20 agosto nella Svizzera francese e in Francia; il 22 agosto in Indonesia e Lettonia; il 28 agosto in Slovenia; il 1º settembre nella Svizzera italiana; il 4 settembre in Azerbaigian, Italia, e Kazakistan; il 17 ottobre in Pakistan; il 20 febbraio 2015 in Giappone.[16] La versione estesa viene distribuita in prima visione italiana su Sky Cinema 1, canale della piattaforma satellitare Sky, il 30 giugno 2015.

Divieto[modifica | modifica wikitesto]

Il film, a seconda del paese di proiezione, ha avuto una censura più o meno "severa": è stato vietato ai minori di 6 anni in Germania; ai minori di 7 in Islanda e in Norvegia; 11 in Svezia; 12 in Brasile, Ungheria, Irlanda, Giappone, Paesi Bassi, Portogallo, Corea del Sud, Svizzera, e Regno Unito; 13 in Argentina, Filippine, e Thailandia. A Singapore e negli Stati Uniti d'America (dalla Motion Picture Association of America (MPAA) con il certificato nº 48945) il film è stato vietato ai minori di 13 anni non accompagnati dai genitori. In Messico è stato valutato B (adatto dai 12 anni in su); in Australia M (sconsigliato ai minori di 15 anni); nel Québec è stato valutato G, ovvero adatto a tutti; a Hong Kong è stato invece classificato come IIA, ovvero non adatto ai bambini.[17]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Con un budget di 12 milioni di dollari,[18] il film ha incassato 124.872.350 di dollari negli Stati Uniti, mentre in Italia l'incasso è stato di 5.210.488 euro, per un incasso totale di circa 307.239.013 di dollari.[19]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 agosto 2014, Fox Star Studios ha annunciato l'intenzione di produrre un remake di Colpa delle stelle in Hindi.[22] Il CEO dello studio, Vijay Singh, ha detto che la versione inglese del film, rilasciato in India in luglio 2014 aveva guadagnato oltre 1 milione di $.[23] Il 19 settembre, è stato annunciato che Homi Adajania, il direttore di Finding Fanny (2014), e il produttore Dinesh Vijan avrebbero lavorato con la Fox Star Studios per sviluppare il film, che sarà co-prodotto dalla società di Vijan Maddock.[24] Il 25 settembre, Deepika Padukone e Varun Dhawan sono stati confermati per interpretare i ruoli principali.[25]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Fault In Our Stars Filming in Pittsburgh Archives - On Location Vacations, su On Location Vacations. URL consultato il 16 settembre 2016.
  2. ^ (EN) Heidi Dezayas, 'Fault in Our Stars' begins filming at Oakmont home, su TribLIVE.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  3. ^ When movies film in Pittsburgh, experiences vary, post-gazette.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  4. ^ Mt. Lebanon church channels Hollywood with 'Fault in Our Stars' screening, post-gazette.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  5. ^ Christine, The Fault In Our Stars moves from Pittsburgh to Amsterdam, su On Location Vacations, 15 ottobre 2013. URL consultato il 16 settembre 2016.
  6. ^ John Green on Twitter, twitter.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  7. ^ Shailene Woodley offered 'The Fault in Our Stars' lead -- EXCLUSIVE, insidemovies.ew.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  8. ^ (EN) 'Divergent' Star Ansel Elgort to Join Shailene Woodley in 'The Fault In Our Stars', thewrap.com, 10 maggio 2013. URL consultato il 16 settembre 2016.
  9. ^ Movie News | Movie Reviews | Entertainment Weekly, insidemovies.ew.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  10. ^ Emily Tess Katz HuffPost Live, Nat Wolff Says He Was Cast In 'The Fault In Our Stars' Because He's 'Really Good', su The Huffington Post, 29 maggio 2014. URL consultato il 16 settembre 2016.
  11. ^ (EN) 'True Blood's' Sam Trammell Joins Shailene Woodley in 'The Fault in Our Stars' (Exclusive), thewrap.com, 14 agosto 2013. URL consultato il 16 settembre 2016.
  12. ^ John Green on Twitter, twitter.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  13. ^ Lindsey Bahr, Willem Dafoe cast as Peter Van Houten in 'The Fault in Our Stars' | EW.com, insidemovies.ew.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  14. ^ The Fault in Our Stars casting: Who should play Hazel?, su Hypable, 19 novembre 2012. URL consultato il 16 settembre 2016.
  15. ^ 'The Fault in Our Stars' Movie Lands Director, hollywoodreporter.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  16. ^ http://www.imdb.com/title/tt2582846/releaseinfo?ref_=tt_dt_dt#releases
  17. ^ http://www.imdb.com/title/tt2582846/parentalguide?ref_=tt_stry_pg#certification
  18. ^ (EN) Anita Busch, ‘Fault In Our Stars’ Box Office To Cross $300M Worldwide On Modest Budget: How’d It Happen?, deadline.com, 18 settembre 2014. URL consultato il 16 settembre 2016.
  19. ^ The Fault in our Stars (2014) - Box Office Mojo, su boxofficemojo.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  20. ^ (EN) MTV Movie Awards 2015: See The Full Winners List, su www.mtv.com, 12 aprile 2015. URL consultato il 19 aprile 2015.
  21. ^ (EN) MTV Movie Awards 2015 Winners, su www.mtv.com, 12 aprile 2015. URL consultato il 19 aprile 2015.
  22. ^ (EN) Patrick Frater, ‘The Fault in Our Stars’ to Get Bollywood Remake Treatment From Fox India, variety.com, 06 agosto 2014. URL consultato il 16 settembre 2016.
  23. ^ 'The Fault In Our Stars' to Get Bollywood Remake, hollywoodreporter.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  24. ^ Homi Adajania all set to helm Hindi remake of The Fault In Our Stars - Times of India, timesofindia.indiatimes.com. URL consultato il 16 settembre 2016.
  25. ^ India West Staff, Deepika Padukone, Varun Dhawan in 'The Fault In Our Stars' Bollywood remake, indiawest.com. URL consultato il 16 settembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema