Colloqui con il professor Y

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colloqui con il professor Y
Titolo originale Entretiens avec le Professeur Y
Autore Louis-Ferdinand Céline
1ª ed. originale 1955
Genere romanzo
Lingua originale francese

Colloqui con il professor Y (titolo originale: Entretiens avec le Professeur Y) è un'opera dello scrittore e medico francese Louis-Ferdinand Céline, pubblicata in Francia nel 1955.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È un periodo difficile per l'editoria francese: il cinema e la televisione hanno tolto incassi all'industria del libro. Gaston Gallimard, editore di Céline, convince lo scrittore a "stare al gioco" e "uscire dal guscio": rompere il suo proverbiale silenzio e concedere un'intervista, per farsi pubblicità e dare una spinta alle vendite. Céline è costretto ad accettare. Contatta un giornalista, il Professor Y. I due fissano un appuntamento alla Square des Arts-et-Métiers. L'intervista comincia in un clima di ostilità reciproca e in poco tempo si trasforma in un vero e proprio soliloquio dell'artista francese, un delirio dai toni tipici dell'invettiva, in cui descrive su cosa si basa il suo stile di scrittura innovativo: rendere nello scritto l'emozione del parlato. Un'invenzione piccola ma efficace che (secondo lui) lo rende il più grande scrittore del secolo, e quindi denigra altri autori che riescono a vendere bene, ma non producono che libri mediocri. Il Professor Y, sommerso dal violento fiume di parole céliniano, perde il controllo, stramazza, non ce la fa più.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura