Collegiata dell'Assunta (Arco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Collegiata di Santa Maria Assunta
Collegiata dell'Assunta (Arco, Trentino).jpg
StatoItalia Italia
RegioneTrentino-Alto Adige
LocalitàArco
Religionecattolica
TitolareMaria Assunta
Arcidiocesi Trento
Consacrazione1671
ArchitettoGiovanni Maria Filippi da Dasindo
Inizio costruzione1613

Coordinate: 45°55′08.26″N 10°53′08.48″E / 45.91896°N 10.88569°E45.91896; 10.88569

La chiesa di Santa Maria Assunta anche nota come collegiata di Santa Maria Assunta è la chiesa parrocchiale di Arco in Trentino. Risale al IX secolo e si trova in piazza 3 novembre.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I lavori di edificazione furono intrapresi nel 1613 sui resti di un'antica e precedente chiesa di origine romanica, la cui fondazione si colloca tra il IV e il IX secolo e che viene menzionata per la prima volta in un documento del 1144. Nulla si è conservato dell'antico edificio medievale, che fu appunto demolito nel 1613 per far posto all'attuale fabbrica, progettata dall'architetto imperiale Giovanni Maria Filippi da Dasindo. I lavori, finanziati anche dalle diverse comunità della zona, si protrassero per alcuni decenni fino al 1630, quando dovettero essere interrotti a causa della violenta epidemia di peste che decimò - quasi tremila vittime - la comunità arcense. La collegiata fu ufficialmente consacrata il 15 maggio del 1671.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della collegiata - ad unica navata - vi è presente una statua marmorea dedicata all'Assunta, forse opera dello scultore Gabriele Cagliari di Verona. Tra gli altari presenti, di cui cinque sono opera di Domenico Rossi, il quarto sulla destra è intitolato al Santissimo Sacramento - chiuso da una cancellata in ferro ed ottone - mentre il secondo altare di sinistra è dedicato alla Maria Maddalena, scolpito dai fratelli Cristoforo e Sebastiano Benedetti di Castione.

Sopra il primo altare di sinistra è presente una pala raffigurante la Madonna con il Bambino Gesù, due angeli e san Michele Arcangelo di Felice Brusasorzi, eseguita su commissione di Guglielmo Torboli di Arco, arciprete di Angiari (Vr). La cantoria in legno è opera di Giacomo Benedetti di Desenzano del Garda, ultimata nel 1731. Adiacente il presbiterio sono collocati i due ingressi nel pavimento che conducono ad un sepolcro sotterraneo dove in passato venivano sepolti i canonici della collegiata e i conti locali.

Negli ultimi anni del XIX secolo qui fu sepolta - provvisoriamente - la salma di Francesco II delle Due Sicilie, l'ultimo monarca del Regno delle Due Sicilie, morto ad Arco nel 1894.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chiesa di Santa Maria Assunta - Arco, su BeWeB - Beni Ecclesiastici in web. URL consultato il 10 gennaio 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro e Gian Maria Campetti et al., La pieve e la collegiata di Santa Maria Assunta di Arco: la storia, il rilievo, il restauro, Calliano (Trento), Manfrini, 1991, ISBN 88-7024-463-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN207296577 · LCCN (ENn94070506 · GND (DE1047787407 · WorldCat Identities (ENn94-070506