Colica biliare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Colica biliare
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 574.20
ICD-10 (EN) K80.5

La colica biliare è la manifestazione clinica più caratteristica della colelitiasi ed è conseguente alla contrazione intensa della colecisti che cerca di sospingere un calcolo incuneatosi lungo le vie biliari.

Caratteristiche cliniche[modifica | modifica sorgente]

Si presenta come un dolore crampiforme e intenso che si localizza in ipocondrio destro. Può insorgere in qualsiasi momento del giorno o della notte ma con frequenza maggiore dopo i pasti, specie se abbondanti e ricchi di grassi. Essendo un dolore di tipo colico, si presenta sotto forma di attacchi accessuali che si ripetono più volte nell'arco di diverse ore.

Il dolore può irradiarsi in epigastrio, alla spalla destra (tramite fibre del nervo frenico) e alla regione sottoscapolare destra (tramite fibre dei nervi piccolo e grande splancnico).

Talvolta gli episodi di colica biliare possono associarsi alla comparsa di subittero o ittero transitorio, che scompare dopo 2-3 giorni, una volta rimosso il calcolo che si era temporaneamente incuneato nel coledoco.

La colica biliare si associa, nelle fasi di remissione della sintomatologia, a positività del segno di Murphy.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Luigi Gallone, Maurizio Galliera, Chirurgia, Milano, Casa Editrice Ambrosiana, 2009, VII edizione.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina