Coesia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coesia S.p.A.
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1923 G.D
Sede principaleBologna
Persone chiaveIsabella Seragnoli, Presidente - Angelos Papadimitriou, CEO
Settoremacchine per il packaging
Fatturato~ € 1 586 milioni (2017)
Dipendentioltre 9 000 (2019)
Sito web

Coesia è un gruppo di aziende di soluzioni industriali e di packaging[1][2][3], con sede a Bologna. Azionista unico è Isabella Seragnoli.

Coesia comprende ventuno aziende: Acma, Atlantic Zeiser, Cerulean, Cima, Citus Kalix, Emmeci, FlexLink, G.D, GDM, GF, Hapa, IPI, MGS, Molins[4], Norden, R.A Jones, Sasib, System Ceramics, Tritron, Volpak. I segmenti di mercato interessati sono: macchine automatiche e materiali, soluzioni di processo industriale e ingranaggi di precisione.

Il Gruppo è presente in 38 paesi attraverso 97 impianti produttivi in 158 unità operative. Con oltre 9.000 collaboratori, Coesia nel 2017 ha registrato un fatturato di 1.586 milioni di euro. [5]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni ‘40 la famiglia Seràgnoli acquisisce G.D, una fabbrica di motociclette fondata nel 1923. Riconvertita in una azienda di packaging, la sua attività si è evoluta nel tempo sviluppandosi dal campo delle macchine automatiche incartatrici e impacchettatrici per caramelle, cioccolatini e saponi per poi espandersi negli anni ‘50 nel mercato per le macchine impacchettatici dell'industria dolciaria, e negli anni ‘60 con l'entrata nel settore delle macchine di confezionamento del tabacco.[6] A partire dagli anni ‘80, nasce la CSII, holding di famiglia, poi in seguito rinominata Coesia che controlla G.D e i nuovi business acquisiti (Cima nel 1980; A.C.M.A nel 1986; GDM nel 1995; Volpak nel 1996; Hapa e Laetus[7] nel 2006; Admv, Citus, Kalix, Norden e Sacmo nel 2008; FlexLink[8] e Sasib nel 2011; R.A Jones nel 2012;[9] IPI nel 2013).[10]

Dal 2002, Isabella Seràgnoli detiene il 100% della proprietà del Gruppo che dal 2005 ha assunto la denominazione Coesia S.p.A. e controlla tutte le attività operative.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si veda la definizione di packaging da New Oxford American Dictionary, second edition, 2005, Oxford University Press, ISBN 0-19-517077-6
  2. ^ Packaging Valley Emiliana/Il sole 24ore, su ilsole24ore.com. URL consultato il 21 dicembre 2018.
  3. ^ Packaging in Enciclopedia Treccani, su treccani.it. URL consultato il 23 dicembre 2018.
  4. ^ Il Gruppo Coesia acquisisce Molins e Cerulean, aziende leader mondiali nel settore del Tabacco, su Coesia. URL consultato il 1º agosto 2017.
  5. ^ Coesia Facts figure, su coesia.com.
  6. ^ Coesia: la storia del Gruppo, su www.coesia.com. URL consultato il 25 maggio 2015.
  7. ^ Coesia S.p.A. acquisisce Hapa e Laetus, su www.mediobanca.it. URL consultato il 25 maggio 2015.
  8. ^ Coesia: acquisisce il 100% FlexLink holding, su viaEmilianet. URL consultato il 25 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2015).
  9. ^ (EN) Coesia finalises the purchase of Oystar North America and renames it R.A Jones, su foodproductiondaily.com. URL consultato il 25 maggio 2015.
  10. ^ Ipi entra a far parte della multinazionale italiana Coesia, su confindustria.umbria.it. URL consultato il 25 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 1784 1025
Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende