Coesia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coesia
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1923 (come G.D.)
Sede principaleBologna
Persone chiaveIsabella Seragnoli, Presidente

Alessandro Parimbelli, Chief Executive Officer

Settoremacchine per il packaging
Fatturato~ € 1,761 milioni (2020)
Dipendenti8 000+ (2020)
Sito webwww.coesia.com

Coesia è un gruppo di aziende di soluzioni industriali e di packaging[1][2][3], con sede a Bologna. Azionista unica è Isabella Seragnoli.

Coesia comprende ventitre aziende: Acma, Atlantic Zeiser, Cerulean, Cima, Citus Kalix, Comas, Emmeci, FlexLink, G.D, GDM, GF, Hapa, IPI, MGS, Molins[4], Norden, R.A Jones, Sasib, System Ceramics, Tritron, Volpak. I segmenti di mercato interessati sono: macchine automatiche e materiali, soluzioni di processo industriale e ingranaggi di precisione.

Il Gruppo è presente in 35 paesi attraverso 84 impianti produttivi in 135 unità operative. Con 8.000+ collaboratori, Coesia nel 2020 ha registrato un fatturato di 1.761 milioni di euro.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

G.D sede centrale di Bologna

Negli anni ‘40 la famiglia Seràgnoli acquisisce G.D, una fabbrica di motociclette fondata nel 1923. Riconvertita in una azienda di packaging, la sua attività si è evoluta nel tempo sviluppandosi dal campo delle macchine automatiche incartatrici e impacchettatrici per caramelle, cioccolatini e saponi per poi espandersi negli anni ‘50 nel mercato per le macchine impacchettatici dell'industria dolciaria, e negli anni ‘60 con l'entrata nel settore delle macchine di confezionamento del tabacco.[6] A partire dagli anni ‘80, nasce la CSII, holding di famiglia, poi in seguito rinominata Coesia che controlla G.D leader mondiale nella produzione di macchine per il confezionamento di sigarette[7][8] e i nuovi business acquisiti (Cima nel 1980; A.C.M.A nel 1986; GDM nel 1995; Volpak nel 1996; Hapa e Laetus[9] nel 2006; Admv, Citus, Kalix, Norden e Sacmo nel 2008; FlexLink[10] e Sasib nel 2011; R.A Jones nel 2012;[11] IPI nel 2013).[12]

Dal 2002, Isabella Seràgnoli detiene il 100% della proprietà del Gruppo che dal 2005 ha assunto la denominazione Coesia S.p.A. e controlla tutte le attività operative.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si veda la definizione di packaging da New Oxford American Dictionary, second edition, 2005, Oxford University Press, ISBN 0-19-517077-6
  2. ^ Packaging Valley Emiliana/Il sole 24ore, su ilsole24ore.com. URL consultato il 21 dicembre 2018.
  3. ^ Packaging in Enciclopedia Treccani, su treccani.it. URL consultato il 23 dicembre 2018.
  4. ^ Il Gruppo Coesia acquisisce Molins e Cerulean, aziende leader mondiali nel settore del Tabacco, su Coesia. URL consultato il 1º agosto 2017.
  5. ^ Coesia Facts figure, su coesia.com.
  6. ^ Coesia: la storia del Gruppo, su www.coesia.com. URL consultato il 25 maggio 2015.
  7. ^ Shopping per i Seragnoli Coesia si rafforza nella valle del packaging, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 29 marzo 2021.
  8. ^ Associati, su ucima.it. URL consultato il 29 marzo 2021.
  9. ^ Coesia S.p.A. acquisisce Hapa e Laetus, su www.mediobanca.it. URL consultato il 25 maggio 2015.
  10. ^ Coesia: acquisisce il 100% FlexLink holding, su viaEmilianet. URL consultato il 25 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2015).
  11. ^ (EN) Coesia finalises the purchase of Oystar North America and renames it R.A Jones, su foodproductiondaily.com. URL consultato il 25 maggio 2015.
  12. ^ Ipi entra a far parte della multinazionale italiana Coesia, su confindustria.umbria.it. URL consultato il 25 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 1784 1025
  Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende