Codice di Eurico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il codice di Eurico (Codex euricianus) è un importante documento del diritto germanico. Il codice, fatto redigere da Eurico nel 470 circa, probabilmente a Tolosa, raccoglie le leggi che governavano i Visigoti. Principale autore ne fu Leone di Narbona, giurista romano e principale consigliere del re, il suo contenuto è costituito non da materiale giuridico germanico, bensì da diritto volgare romano rielaborato. Il codex Euricianus non servì solo come base per le successive codificazioni dei re visigoti, ma influì anche sul diritto delle stirpi franche, burgunde, alemanne e bavare, svolgendo un'importante funzione di mediatore tra il diritto volgare romano e il mondo germanico del primo Medioevo.

Si tratta della più antica raccolta di leggi scritte di una popolazione barbarica che ci sia pervenuta.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]