Codice delle comunicazioni elettroniche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il codice delle comunicazioni elettroniche è una norma della Repubblica Italiana, emanata con il D. Lgs. 1º agosto 2003, n. 259, che reca una normativa nazionale per il settore dei servizi e del mercato delle telecomunicazioni e delle radiocomunicazioni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Una delle prime norme in tema venne emanata durante il governo Mussolini e fu il Regio decreto 27 febbraio 1936, n. 645, al quale succedette nel secondo dopoguerra il D.P.R. 29 marzo 1973, n. 156, emanato durante il governo Andreotti II, che raccoglieva la disciplina della materia in un apposito testo unico secondo quanto disposto da una precedente legge delega 28 ottobre 1970, n. 775 promulgata durante il governo Colombo.

Le norma del D.P.R. vennero modificate dalla legge 14 aprile 1975, n. 103 nonchè ulteriori provvedimenti succedutisi nel tempo, finché negli anni 2000 in recepimento delle direttive comunitarie 2002/19/CE, 2002/20/CE, 2002/21/CE e 2002/22/CE in materia di accesso al mercato, regime di autorizzazioni su infrastrutture e trasmissioni e obblighi di servizio universale nel settore delle comunicazioni, venne emanato il codice del 2003 in sostituzione della precedente disciplina emanata trent'anni prima.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

Capo II FUNZIONI DEL MINISTERO E DELL'AUTORITA' ED ALTRE DISPOSIZIONI COMUNI

TITOLO II RETI E SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA AD USO PUBBLICO

Capo I Disposizioni comuni

Capo II Autorizzazioni

Capo III ACCESSO ED INTERCONNESSIONE Sezione I Disposizioni generali

Sezione II Obblighi degli operatori e procedure di riesame del mercato

Capo IV SERVIZIO UNIVERSALE E DIRITTI DEGLI UTENTI IN MATERIA DI RETI E DI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA

Sezione I Obblighi di servizio universale, compresi gli obblighi di natura sociale

Sezione II Controlli sugli obblighi delle imprese che dispongono di un significativo potere di mercato su mercati specifici

Sezione III Diritti degli utenti finali

Sezione IV Disposizioni finali in materia di servizio universale e di diritti degli utenti

Capo V Disposizioni relative a reti ed impianti

Capo VI DISPOSIZIONI FINALI

TITOLO III RETI E SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA AD USO PRIVATO

Capo I DISPOSIZIONI GENERALI

Capo II CATEGORIE DI RETI E SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA AD USO PRIVATO

Capo III RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI A RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE STRANIERE

Capo IV DISPOSIZIONI COMUNI ALLE RETI E SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA AD USO PRIVATO

Capo V IMPIANTO ED ESERCIZIO DI STAZIONI RADIOELETTRICHE RICHIEDENTI LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO PER LE FREQUENZE RADIO

Capo VI SERVIZIO RADIOMOBILE PROFESSIONALE AUTOGESTITO

Capo VII RADIOAMATORI

TITOLO IV TUTELA DEGLI IMPIANTI SOTTOMARINI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA

Capo I IMPIANTI SOTTOMARINI

TITOLO V IMPIANTI RADIOELETTRICI

Capo I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

Capo II ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI RADIOELETTRICI IN QUALITA' DI OPERATORE

Capo III SERVIZIO RADIOELETTRICO MOBILE MARITTIMO

Sezione I Disposizioni generali

Sezione II Prescrizioni ed obblighi per le stazioni e per gli apparati radioelettrici a bordo delle navi

Sezione III Sorveglianza sul servizio radioelettrico di bordo

Sezione IV Categorie delle stazioni radioelettriche di nave

Sezione V Personale delle stazioni radioelettriche di bordo

Sezione VI Disposizioni in materia di impianto ed esercizio di stazioni per il servizio radiomarittimo

Capo IV SERVIZIO RADIOELETTRICO PER LE NAVI DA PESCA

Capo V SERVIZIO RADIOELETTRICO PER LE NAVI DA DIPORTO

Capo VI SERVIZIO RADIOELETTRICO MOBILE AERONAUTICO

Capo VII DISPOSIZIONI VARIE

TITOLO VI DISPOSIZIONI FINALI

Capo I DISPOSIZIONI FINALI

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]