Codex Vaticanus 2061

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Onciale 048
Manoscritto del Nuovo Testamento
NomeVaticanus 2061
TestoAtti degli Apostoli, Lettere cattoliche, Lettere di Paolo
DatazioneV secolo
Scritturalingua greca
ConservazioneBiblioteca Apostolica Vaticana
Dimensione30 x 27 cm
Tipo testualeTipo testuale alessandrino
CategoriaII

Il Codex Vaticanus 2061 (Gregory-Aland: 048; Soden: α 1) è un codice manoscritto onciale del Nuovo Testamento, datato paleograficamente al V secolo.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il codice è composto da 21 fogli di pergamena di 30x27 cm, scritti su tre colonne per pagina, 40 linee per colonna, e 12-15 lettere per linea.[1]

Il codice contiene il testo degli Atti degli Apostoli, delle lettere cattoliche e delle lettere di Paolo, con notevoli lacune.[1]

Si tratta di un palinsesto.[1]

Critica testuale[modifica | modifica wikitesto]

Il testo del codice è rappresentativo del Tipo testuale alessandrino. Kurt Aland lo ha collocato nella Categoria II.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il manoscritto è stato descritto e collezionato da Bianchini;[2] Nel 1887 il codice fu riscoperto e reso pubblico da Pierre Batiffol.

Il codice è conservato presso la Biblioteca Apostolica Vaticana (Gr. 2066) a Roma.[1][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Kurt und Barbara Aland: Der Text des Neuen Testaments. Einführung in die wissenschaftlichen Ausgaben sowie in Theorie und Praxis der modernen Textkritik. Stuttgart: Deutsche Bibelgesellschaft 1989, S. 123. ISBN 3-438-06011-6
  2. ^ G. Bianchini, Evangeliarium quadruplex latinae versionis antiquae seu veteris italicae (Rome, 1749), vol. 2, Part 1, ss. dvi-dxxv.
  3. ^ Liste Handschriften, Münster, Institute for New Testament Textual Research. URL consultato il 1º novembre 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]