Codex Sinopensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Onciale 023
Manoscritto del Nuovo Testamento
SinopeGospelsFolio29rChristHealingBlind.jpg
Nome Sinopensis
Simbolo O
Testo Vangelo secondo Matteo (con alcune lacune)
Datazione VI secolo
Scrittura lingua greca
Conservazione Bibliothèque nationale de France
Dimensione 30 x 25 cm
Tipo testuale tipo testuale bizantino
Categoria V

Il Codex Sinopensis (Gregory-Aland: O o 023; Soden: ε 21) è un manoscritto onciale in greco datato al VI secolo[1]. Contiene alcune parti del Vangelo secondo Matteo, ed è scritto su pergamena tinta viola[1].

Il Codex Sinopensis, assieme ai manoscritti Φ, N, e Σ, appartiene al gruppo dei manoscritti onciali purpurei.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il codice è composto da 44 spessi fogli di pergamena, delle dimensioni di 30 per 25 centimetri.

Contenuto
Matteo 7,7-22; 11,5-12; 13,7-47; 13,54-14,4.13-20; 15,11-16,18; 17,2-24; 18,4-30; 19,3-10.17-25; 20,9--21,5; 21,12-22,7.15-14; 22,32-23,35; 24,3-12.

Critica testuale[modifica | modifica wikitesto]

Il testo del codice è rappresentativo del tipo testuale bizantino. Kurt Aland lo ha collocato nella Categoria V[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il codice è stato scoperto nel 1899 a Sinope (da qui il suo nome), da un ufficiale francese[2]. Il codice è conservato presso la Bibliothèque nationale de France (Gr. 1286, 43 fol.) a Parigi[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Kurt und Barbara Aland: Der Text des Neuen Testaments. Einführung in die wissenschaftlichen Ausgaben sowie in Theorie und Praxis der modernen Textkritik. Stuttgart: Deutsche Bibelgesellschaft 1989, S. 122. ISBN 3-438-06011-6
  2. ^ C. R. Gregory, "Textkritik des Neuen Testaments", Leipzig 1909, vol. 3, p. 1023.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • H. Omont, Notice sur un très ancien manuscrit grec de l'évangile de saint Matthieu..., Notices et extraits des manuscrits de la bibliothèque nationale..., vol. 36 (Paris, 1901), pp. 599–676.
  • H. S. Cronin, Codex Chrysopurpureus Sinopensis, JTS II (1901), pp. 590-600.
  • C. R. Gregory, Textkritik des Neuen Testaments (Leipzig 1909), vol. 3, pp. 1022–1023.
  • Antonio Muñoz, Il Codice Purpureo di Rossano e il frammento Sinopense, con XVI tavole in cromofototipia, VII in fototipia e 10 illustrazioni nel testo, Roma, Danesi Editore, 1907.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]