Codex Sinopensis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Onciale 023
Manoscritto del Nuovo Testamento
SinopeGospelsFolio29rChristHealingBlind.jpg
NomeSinopensis
SimboloO
TestoVangelo secondo Matteo (con alcune lacune)
DatazioneVI secolo
Scritturalingua greca
ConservazioneBibliothèque nationale de France
Dimensione30 x 25 cm
Tipo testualetipo testuale bizantino
CategoriaV

Il Codex Sinopensis (Gregory-Aland: O o 023; Soden: ε 21) è un manoscritto onciale in greco datato al VI secolo[1]. Contiene alcune parti del Vangelo secondo Matteo, ed è scritto su pergamena tinta viola[1].

Il Codex Sinopensis, assieme ai manoscritti Φ, N, e Σ, appartiene al gruppo dei manoscritti onciali purpurei.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il codice è composto da 44 spessi fogli di pergamena, delle dimensioni di 30 per 25 centimetri.

Contenuto
Matteo 7,7-22; 11,5-12; 13,7-47; 13,54-14,4.13-20; 15,11-16,18; 17,2-24; 18,4-30; 19,3-10.17-25; 20,9--21,5; 21,12-22,7.15-14; 22,32-23,35; 24,3-12.

Critica testuale[modifica | modifica wikitesto]

Il testo del codice è rappresentativo del tipo testuale bizantino. Kurt Aland lo ha collocato nella Categoria V[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il codice è stato scoperto nel 1899 a Sinope (da qui il suo nome), da un ufficiale francese[2]. Il codice è conservato presso la Bibliothèque nationale de France (Gr. 1286, 43 fol.) a Parigi[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Kurt und Barbara Aland: Der Text des Neuen Testaments. Einführung in die wissenschaftlichen Ausgaben sowie in Theorie und Praxis der modernen Textkritik. Stuttgart: Deutsche Bibelgesellschaft 1989, S. 122. ISBN 3-438-06011-6
  2. ^ C. R. Gregory, "Textkritik des Neuen Testaments", Leipzig 1909, vol. 3, p. 1023.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • H. Omont, Notice sur un très ancien manuscrit grec de l'évangile de saint Matthieu..., Notices et extraits des manuscrits de la bibliothèque nationale..., vol. 36 (Paris, 1901), pp. 599–676.
  • H. S. Cronin, Codex Chrysopurpureus Sinopensis, JTS II (1901), pp. 590-600.
  • C. R. Gregory, Textkritik des Neuen Testaments (Leipzig 1909), vol. 3, pp. 1022–1023.
  • Antonio Muñoz, Il Codice Purpureo di Rossano e il frammento Sinopense, con XVI tavole in cromofototipia, VII in fototipia e 10 illustrazioni nel testo, Roma, Danesi Editore, 1907.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]