Codex Seidelianus I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Onciale 011
Manoscritto del Nuovo Testamento
Codex Seidelianus I (Mt 5,30-31).JPG
NomeSeidelianus I
SimboloGe
TestoVangeli
DatazioneIX secolo
Scritturalingua greca
ConservazioneBritish Library
Dimensione275 x 215 mm
Tipo testualebizantino
CategoriaV

Il Codex Seidelianus I (Gregory-Aland no. Ge o 011) è un manoscritto in greco onciale (maiuscolo) datato al IX secolo, comprendente i quattro vangeli canonici.

Si conservano solo frammenti per un totale di 252 fogli di pergamena. Le pagine misurano 25.7 x 21.5 cm[1].

La provenienza del manoscritto è ignota. Nel XVII secolo il manoscritto è stato in possesso di J.C. Wolff. Attualmente è conservato presso la British Library (Harley 5684)[1].

Critica testuale[modifica | modifica wikitesto]

Il manoscritto contiene il testo della Pericope dell'adultera (Vangelo secondo Giovanni 8,1-11).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Kurt Aland, and Barbara Aland, The Text of the New Testament: An Introduction to the Critical Editions and to the Theory and Practice of Modern Textual Criticism, trans. Erroll F. Rhodes, William B. Eerdmans Publishing Company, Grand Rapids, Michigan, 1995, p. 110.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • J. C. Wolff, "Anecdota Graeca" (Hamburg, 1723), III, pp. 48–92.
  • Bruce Metzger, The Text of the New Testament: Its Transmission, Corruption and Restoration, Oxford University Press 1968.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]