Coalizione di centro-sinistra alle elezioni politiche in Italia del 2008

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coalizione di centro-sinistra del 2008
LeaderWalter Veltroni
StatoItalia Italia
Fondazione13 febbraio 2008
Dissoluzione16 novembre 2011
PartitoPartito Democratico
Italia dei Valori
Autonomie Liberté Démocratie
Radicali Italiani
CollocazioneCentro-sinistra
Partito europeoELDR (IdV, RI)
nessuno (PD, ALE)
Seggi massimi Camera
247 / 630
Seggi massimi Senato
132 / 315

La coalizione di centro-sinistra alle elezioni politiche in Italia del 2008 comprendeva tre distinte formazioni politiche:

I Radicali Italiani inserirono propri candidati nella lista del PD.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione della coalizione[modifica | modifica wikitesto]

Walter Veltroni - Leader della coalizione di centro-sinistra
Antonio Di Pietro - Leader dell'Italia dei Valori

L'unificazione di buona parte del centro-sinistra italiano di stampo riformista si concretizza con la nascita del Partito Democratico: la nuova formazione politica vuole essere la prosecuzione dell'esperienza federativa di Uniti nell'Ulivo, che alle Elezioni europee del 2004 aveva unito in un'unica lista Democratici di Sinistra, La Margherita e Socialisti Democratici Italiani.

Alla fine del 2007 si svolse così la prima riunione dell'Assemblea Costituente Nazionale del Partito Democratico a Milano, ma senza lo SDI che (dopo l'esperienza della Rosa nel Pugno insieme ai Radicali Italiani nel 2005) aveva deciso di seguire una strada diversa: nel 2008 nacque così il nuovo Partito Socialista che, nella linea della tradizione del vecchio PSI, cercò di riunire in sé tutte le forze di stampo socialdemocratico non intenzionate a confluire nel Partito Democratico.

L'Unione, precedente coalizione di centro-sinistra, si sciolse all'inizio del 2008 con la caduta del governo Prodi II causata dalla crisi politica innescata dall'UDEUR di Clemente Mastella. Le forze che l'avevano composta diedero vita a varie nuove formazioni. Il Partito Democratico decise di fare a meno della quasi totalità degli ex-alleati sia per le elezioni del Senato sia per quelle della Camera;[1] inoltre, il partito precisò che avrebbe accettato alleanze solo con i partiti che condividessero integralmente, e senza riserve, il proprio programma elettorale. Unica alleanza mantenuta dal PD fu, infine, quella con l'Italia dei Valori,[2] che, secondo gli accordi, avrebbe mantenuto il proprio simbolo nella corsa elettorale per poi formare gruppi parlamentari unificati con il compagno di coalizione.[3] I Radicali Italiani, dopo una lunga trattativa,[4] accettarono l'accordo proposto dal PD per inserire propri candidati nelle liste di quest'ultimo: la conseguenza fu che i Radicali formalmente non presentarono alcuna lista nonostante avessero presentato il proprio simbolo.

Nella circoscrizione Valle d'Aosta il centro-sinistra forma un'alleanza con Renouveau Valdôtain e Vallée d'Aoste Vive partecipando con la lista Autonomie Liberté Démocratie.

Il Südtiroler Volkspartei non entrò in nessuna coalizione per la Camera dei Deputati; tuttavia, limitatamente ai collegi del Senato in Trentino-Alto Adige, strinse un'alleanza, il cosiddetto Patto di Salorno, con il PD, l'Italia dei Valori, il Partito Socialista e alcune liste locali: nei due collegi di in cui la SVP era più forte la lista si presentò autonomamente, mentre negli altri quattro i candidati corsero sotto il simbolo di SVP-Insieme per le Autonomie.[5]

Elezioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni politiche in Italia del 2008.

Alle elezioni politiche del 2008, Partito Democratico e Italia dei Valori raccolgono complessivamente il 37,546%[6] dei consensi alla Camera, contro il 46,811% della coalizione Il Popolo della Libertà, Lega Nord e Movimento per le Autonomie guidata da Silvio Berlusconi, e il 38,010%[7] al Senato, contro il 47,320% della coalizione avversaria. Singolarmente il Partito Democratico ha ottenuto rispettivamente il 33,17% e il 33,69% dei suffragi.

Ramo parlamentare Partito Italia (19 regioni) Valle d'Aosta Estero Totale
seggi
+/–
Voti % Seggi Voti % Seggi Voti % Seggi
Camera dei deputati Partito Democratico 12.095.306 33,18 211 N.D. N.D. 0 338.954 32,48 6 217 −9
Italia dei Valori 1.594.024 4,37 28 N.D. N.D. 0 42.149 4,04 1 29 +12
Autonomie Liberté Démocratie N.D. N.D. 0 29.314 39,12 1 N.D. N.D. 0 1 ±0
Totale coalizione 13.689.330 37,55 239 29.314 39,2 1 381.103 36,52 7 247 +3
Ramo parlamentare Partito Italia (18 regioni) Valle d'Aosta Trentino-Alto Adige Estero Totale
seggi
+/–
Voti % Seggi Voti % Seggi Voti % Seggi Voti % Seggi
Senato della Repubblica Partito Democratico 11.042.452 33,69 116 N.D. N.D. 0 19.253 3,48 0 314.703 33,02 2 118 +10
Italia dei Valori 1.414.730 4,31 14 N.D. N.D. 0 N.D. N.D. 0 38.357 4,02 0 14 +10
Altri di centro-sinistra N.D. N.D. 0 26.377 37,40 0 N.D. N.D. 0 N.D. N.D. 0 0 −1
Totale coalizione 12.457.182 38,00 130 26.377 37,40 0 19.253 3,48 0 353.060 37,04 2 132 +19

Formazione del governo e successivi sviluppi[modifica | modifica wikitesto]

La coalizione di centro-sinistra, perse le elezioni, si schiera compatta all'opposizione del Governo Berlusconi IV. Tuttavia l'Italia dei Valori, che in campagna elettorale dichiarò la propria intenzione di costituire un gruppo unico in Parlamento[8], dopo il voto annuncia gruppi autonomi rispetto al Partito Democratico[9].

In occasione delle europee del 2009 la coalizione corre con liste separate.

La coalizione resta compatta a livello parlamentare fino all'insediamento del Governo Monti. L'IdV infatti, dopo un iniziale appoggio, passa all'opposizione sancendo la rottura definitiva col PD.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «Pd solo anche al Senato, niente pasticci» da Corriere.it, consultato il 07-02-2008
  2. ^ «L'IdV presenterà le sue liste alle elezioni ma è alla ricerca di un accordo con il Pd basato su punti programmatici. Lo ha annunciato il leader Di Pietro al termine dell'esecutivo del partito. "L'esecutivo – ha spiegato Di Pietro – ha deliberato all'unanimità che alle prossime elezioni l'Idv sarà presente con il proprio simbolo e con una propria lista, sia alla Camera che al Senato che alle amministrative". Ma "ha dato mandato anche di cercare un incontro con Veltroni per vedere se ci sono dei margini per un programma comune con il Pd"», da Televideo Rai, 08-02-2008 10:30.
  3. ^ Accordo di coalizione IdV-PD da Corriere.it, 13-02-2008.
  4. ^ La Diretta 13 febbraio da Repubblica.it, consultato il 13-02-2008
  5. ^ Svp e Insieme per le autonomie firmano il "patto di Salorno" [collegamento interrotto], su vb33.it, 5 marzo 2008. URL consultato il 26 novembre 2008.
  6. ^ Ministero dell'Interno - Elezione della Camera dei Deputati del 13 - 14 aprile 2008, su politiche.interno.it. URL consultato il 15 aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2008).
  7. ^ Ministero dell'Interno - Elezione del Senato della Repubblica del 13 - 14 aprile 2008, su politiche.interno.it. URL consultato il 15 aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2008).
  8. ^ Di Pietro: «Fatto l'accordo con il Pd», in Corriere della Sera, 13 febbraio 2008. URL consultato il 13 novembre 2008.
  9. ^ Gruppo unico col Pd, Di Pietro frena, in Corriere della Sera, 18 aprile 2008. URL consultato il 13 novembre 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]