Clorosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Foglie affette da clorosi ferrica.

La clorosi è un sintomo di eziologia generica che colpisce le foglie delle piante a causa della mancata o insufficiente formazione della clorofilla o di una sua degradazione. In campo medico si indica una particolare forma di anemia caratterizzata dal colorito verdastro della pelle.

Manifestazioni macroscopiche[modifica | modifica sorgente]

Ingiallimento di organi verdi della pianta. Gli effetti sono evidenti soprattutto sulle foglie, che si presentano di dimensione ridotta e soggette ad anticipata caduta. Le varie specie vegetali presentano una diversa resistenza alla clorosi, che si manifesta soprattutto nelle specie arboree. Sono più sensibili il pesco e la vite, più resistenti sono l'olivo e gli agrumi.

Cause[modifica | modifica sorgente]

La causa può essere una malattia di natura infettiva oppure non infettiva (fisiopatia), come una carenza nutrizionale o un eccesso di ristagno idrico.

Fisiopatie[modifica | modifica sorgente]

Nutrienti[modifica | modifica sorgente]

  • eccesso di fosforo
  • eccesso di calcio
  • difetto di azoto
  • carenza di magnesio
  • carenza di zinco
  • carenza o insolubilizzazione del ferro, indicata come clorosi ferrica o clorosi da calcare

Terreni calcarei[modifica | modifica sorgente]

Terreni contenenti calcare in misura superiore al 25 % sono classificati come terreni calcarei. Una dotazione eccessiva di calcare provoca più facilmente clorosi ferrica in quanto innalza il pH e rende perciò il ferro in forma non solubile. L'insufficiente apporto di questo microelemento non permette un'adeguata produzione di clorofilla. La microfertirrigazione di concimi chelati si è recentemente dimostrata efficace nella correzione di clorosi ferrica.

Ozono[modifica | modifica sorgente]

Concentrazioni ripetute di ozono nella bassa troposfera oltre un valore soglia innescano processi di necrosi fogliare o in casi meno gravi la clorosi. La molecola agisce indirettamente sulla clorofilla perché distrugge i cloroplasti.

Patologie[modifica | modifica sorgente]

Per degradazione enzimatica della clorofilla operata da alcuni funghi del genere Armillaria.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]