Clori (sposa di Neleo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Clori
Nome orig.Χλωρις
SessoFemmina
Luogo di nascitaOrcomeno
ProfessioneRegina di Pilo

Clori (in greco antico Χλωρις) od anche citata come Cloride (Χλωριςιδος) è un personaggio della mitologia greca, figlia di Anfione re di Orcomeno a sua volta figlio di Iaso.

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Clori fu sposa di Neleo, re di Pilo in Messenia, e madre di figli maschi come Nestore, Alastore, Cromio e Periclimeno e di una femmina (Però)[1].

Periclimeno, prediletto da Poseidone (e stando ad alcuni scritti era lui il padre) ebbe dal dio il dono divino di potersi trasformare in qualsiasi animale[2].

Altri suoi figli furono Ipsenore[3], Asterio, Pilaone, Deimaco, Euribeo, Epilao, Frasio, Eurimene, Evagora e Tauro[4].

La maternità di questi ultimi è comunque discussa da alcuni[5] mentre invece dagli scritti di Diodoro Siculo ed Igino la maternità viene riconosciuta a lei[4][6][7].

Si dice che Ulisse la incontrò nel suo viaggio nell'Ade[8] e Pausania descrive un dipinto di Polignoto di Taso dove viene raffigurata assieme ad altre donne ed appoggiata alle ginocchia dell'amico Thyia[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca