Clinamen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nella fisica epicurea, il clinamen è la deviazione spontanea degli atomi nel corso della loro caduta nel vuoto in linea retta, deviazione casuale, sia nel tempo sia nello spazio, che permette agli atomi di incontrarsi.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto fu introdotto da Epicuro con il termine greco parenclisi (parénklisis, παρέγκλισις), successivamente tradotto da Lucrezio con il termine latino clinamen.

Nell'opera Sulla natura[1] Lucrezio, esponendo la filosofia di Epicuro, afferma:

« A questo proposito voglio che tu sappia anche che, quando i corpi cadono diritti attraverso il vuoto per il loro peso, in qualche tempo e luogo non definiti deviano per un poco, tanto che appena può dirsi modificato il loro percorso »

.

Spiegazione[modifica | modifica wikitesto]

Probabilmente Epicuro fu indotto a introdurre il moto parenclitico innanzitutto per ragioni di ordine fisico, come spiegato anche da Lucrezio nel prosieguo del primo dei passi citati, in cui, infatti, afferma che, se non deviassero, gli atomi non si combinerebbero e continuerebbero a "cadere" all'infinito nel vuoto. In secondo luogo, il clinamen sarebbe stato introdotto per evitare la ferrea necessità alla base dell'atomismo democriteo, anche perchè sempre Lucrezio[2] afferma:

« Che la mente in tutto ciò che compie non abbia una necessità interna, che non sia sconfitta e costretta a sopportare, ciò nasce proprio dalla piccola inclinazione [clinamen appunto n.d.a.] degli elementi che avviene in un momento e un punto indeterminati. »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ II, 216-219.
  2. ^ II, 289-294.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]