Cligès

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cligés
Titolo originaleCligés
AutoreChrétien de Troyes
1ª ed. originale1176
Generepoema
Sottogenerecavalleresco
Lingua originale francese
AmbientazioneCostantinopoli, Inghilterra, Medioevo
ProtagonistiCligés
Altri personaggire Artù, Fenice
SerieRomanzi cortesi

Cligés è un romanzo cortese del 1176 circa dell'autore medievale francese Chrétien de Troyes.

In quest'opera, l'autore cerca di catturare l'interesse di Henri le Libéral, conte di Champagne. Il protagonista della vicenda compie infatti un percorso inverso rispetto a quello del conte: un giovane principe, figlio dell'imperatore di Costantinopoli, si reca in Occidente per chiedere al re Artù di consegnargli la sua spada di cavaliere.

Romanzo bipartito nella sua struttura (come tutte le opere di Chretien de Troyes), esso presenta una prima parte trattante le avventure dei genitori di Cligés (Alessandro e Soredamor), ed una seconda parte riguardante le avventure del protagonista Cligés. Il romanzo è da sempre considerato in opposizione alla storia di Tristano e Isotta dalla quale Chretien fu influenzato. L'autore del romanzo infatti riprende la storia di Tristano offrendo soluzioni e finale differenti poiché in opposizione al tema dell'amore adultero cantato in quell'opera. È stato d'ispirazione per il "Filocolo" di Boccaccio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN187123488 · LCCN: (ENno2009034525 · GND: (DE4130152-3 · BNF: (FRcb12032181n (data)