Clementino Vannetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« O Clementino, del cadente onore
Dell'Italico stil fermo sostegno,
Sotto qual ombra le lunghe ore estive
Vai sagace ingannando?
 »
(Ippolito Pindemonte, in Al Cavaliere Clementino Vanetti, vv. 1-4)
Clementino Vannetti

Clementino Vannetti (Rovereto, 14 novembre 1754Rovereto, 13 marzo 1795) è stato uno scrittore e letterato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Rovereto, parte del Principato vescovile di Trento che in quel priodo apparteneva al Sacro Romano Impero (secoli XI-XIX). Figlio dei letterati Giuseppe Valeriano e Bianca Laura Saibante, studioso dei classici latini, scrisse varie opere in latino e, come critico letterario, si curò di linguistica e di letteratura latina. Alla giovane età di 17 anni, nel 1762, prese parte all'Accademia Roveretana degli Agiati, che era stata fondata dai suoi genitori e da altri acculturati roveretani, per esserne segretario per alcuni anni (1776-1795).[1] Fu in contatto con famosi letterati italiani, quali Girolamo Tiraboschi, Ippolito Pindemonte, Melchiorre Cesarotti e Antonio Cesari, autore di una biografia di Vannetti dal titolo Vita del cavaliere Clementino Vannetti di Rovereto, pubblicata nel 1795.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Furono numerose le sue pubblicazioni di prose letterarie e di poesie in lingua italiana e in lingua latina. Il suo classicismo puristico trova il modello poetico in Orazio, con l'aggiunta di for me ottenute dalla lingua delle origini, di Dante Alighieri e del Cinquecento. Vannetti fu autore di Dialoghi, "sermoni" letterari e morali su modello oraziano, di rime bernesche e di novelle in stile boccacciano. Noto è il suo sonetto Italiani noi siam, non tirolesi al conte Antonio Morrocchesi,[2] con cui si dimostrò essere anti tedesco a causa della politica interna della Contea Tirolese con la divisione dei circoli amministrativi del Tirolo.

Nel 1788 il famoso conte di Cagliostro risiedette per qualche settimana a Rovereto. Questo ispirò a Vannetti un breve componimento latino, in cui descriveva la permanenza di Cagliostro usando ironicamente lo stile e le forme dei vangeli latini della chiesa cattolica. Pubblicato poi anonimo, il Liber memorialis de Caleostro ebbe una discreta diffusione e risonanza, sia fra i sostenitori che tra i detrattori del celebre ciarlatano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M.Farina, pp.9-14
  2. ^ Giuseppe Picciola, Poeti italiani d'oltre i confini : canti raccolti / da Giuseppe Picciòla, Guido Mazzoni, Firenze, G. C. Sansoni, 1914, p. 30. URL consultato il 18 gennaio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN41830103 · LCCN: (ENno2011064724 · ISNI: (EN0000 0001 1875 2858 · GND: (DE117346349 · BNF: (FRcb105398001 (data) · BAV: ADV10133127 · CERL: cnp01308632