Clementino Vannetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«O Clementino, del cadente onore
Dell'Italico stil fermo sostegno,
Sotto qual ombra le lunghe ore estive
Vai sagace ingannando?
»

(Ippolito Pindemonte, in Al Cavaliere Clementino Vanetti, vv. 1-4)
Clementino Vannetti

Clementino Vannetti (Rovereto, 14 novembre 1754Rovereto, 13 marzo 1795) è stato uno scrittore e letterato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Rovereto, oggi parte del Trentino, quando la città apparteneva politicamente alla Contea del Tirolo che in quel periodo rientrava nel Sacro Romano Impero (secoli XI-XIX). Figlio dei letterati Giuseppe Valeriano e Bianca Laura Saibante, studioso dei classici latini, scrisse varie opere in latino e, come critico letterario, si curò di linguistica e di letteratura latina. Alla giovane età di 17 anni, nel 1762, prese parte all'Accademia Roveretana degli Agiati, che era stata fondata dai suoi genitori e da altri acculturati roveretani, per esserne segretario per alcuni anni (1776-1795).[1] Fu in contatto con famosi letterati italiani, quali Girolamo Tiraboschi, Ippolito Pindemonte, Melchiorre Cesarotti e Antonio Cesari, autore di una biografia di Vannetti dal titolo Vita del cavaliere Clementino Vannetti di Rovereto, pubblicata nel 1795.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Busto di Clementino Vannetti realizzato da Carlo Fait posto presso la piazzetta Cassa di risparmio di Trento e Rovereto

Furono numerose le sue pubblicazioni di prose letterarie e di poesie in lingua italiana e in lingua latina. Il suo classicismo puristico trova il modello poetico in Orazio, con l'aggiunta di forme ottenute dalla lingua delle origini, di Dante Alighieri e del Cinquecento. Il Vannetti fu autore di Dialoghi, "sermoni" letterari e morali su modello oraziano, di rime bernesche e di novelle in stile boccacciano. Noto è il suo sonetto Italiani noi siam, non tirolesi al conte Antonio Morrocchesi,[2] con cui si dimostrò essere antitedesco a causa della politica interna della Contea Tirolese con la divisione dei circoli amministrativi del Tirolo.

Nel 1788 il famoso conte di Cagliostro risiedette per qualche settimana a Rovereto. Questo ispirò al Vannetti un breve componimento latino, in cui descriveva la permanenza di Cagliostro usando ironicamente lo stile e le forme dei vangeli latini della chiesa cattolica. Pubblicato poi anonimo, il Liber memorialis de Caleostro ebbe una discreta diffusione e risonanza, sia fra i sostenitori che tra i detrattori del celebre ciarlatano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M.Farina, pp.9-14.
  2. ^ Giuseppe Picciola, Poeti italiani d'oltre i confini : canti raccolti / da Giuseppe Picciòla, Guido Mazzoni, Firenze, G. C. Sansoni, 1914, p. 30. URL consultato il 18 gennaio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN41830103 · ISNI (EN0000 0001 1875 2858 · LCCN (ENno2011064724 · GND (DE117346349 · BNF (FRcb105398001 (data) · BAV ADV10133127 · CERL cnp01308632 · WorldCat Identities (ENno2011-064724