Clemente Tafuri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Clemente Tafuri (Salerno, 18 agosto 1903Genova, 11 dicembre 1971) è stato un pittore e illustratore italiano.

Tomba di Clemente Tafuri conservata nel cimitero di Salerno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nipote del pittore salernitano Raffaele Tafuri.

Dopo aver seguito un corso di studi all'Accademia di Belle Arti di Napoli, iniziò a dipingere rivelandosi presto all'attenzione della critica.

Molto conosciuto fra gli anni venti ed i sessanta del XX secolo anche come cartellonista pubblicitario, illustratore di cartoline e di collane librarie, si dedicò spesso ad illustrare episodi della seconda guerra mondiale e realizzò un ritratto di dell'allora principe ereditario Umberto II di Savoia e della regina Elena del Montenegro. Fu legato da una lunga amicizia e collaborazione alla pittrice e fotografa Maria Bertolani. [1]

Del Tafuri, particolarmente conosciuto è il dipinto raffigurante il vicebrigadiere dell'Arma dei Carabinieri Salvo d'Acquisto, immortalato mentre si strappa la camicia di dosso (curiosa la somiglianza con molte immagini che riproducono il personaggio dei fumetti Superman in una posa molto simile). Questo dipinto è oggi in mostra presso il Museo Storico dell'Arma dei Carabinieri di Roma.


Barche, 1950-1960 (Fondazione Cariplo)

Opere nei musei[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matilde Romito, Luccichii. Pittrici salernitane degli anni Trenta (1927-1941), Salerno, Tipolitografia Incisivo, 2008, p. 90.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. De Saint-Leu, La Revue Moderne, Parigi, 1951
  • A. T. Prete, Clemente Tafuri, Roma, 1968.
  • G. Migone, Clemente Tafuri, Torino, 1971.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN107699893
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie