Clemente Corte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Clemente Giuseppe Corte
ClementeCorte.gif

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 1880 –
20 marzo 1895
Legislature XIV

Dati generali
Professione Militare
Clemente Giuseppe Corte
21 novembre 1826 – 20 marzo 1895
Nato a Vigone
Morto a Vigone
Dati militari
Paese servito Flag of the Kingdom of Sardinia (1848-1851).svg Regno di Sardegna
Italia Regno d'Italia
Forza armata Flag of the Kingdom of Sardinia (1848-1851).svg Esercito piemontese
Italia Regio esercito
Arma Esercito
Corpo Artiglieria
Specialità Cacciatori delle alpi
Anni di servizio 1842 - 1893
Grado Tenente generale
Guerre Prima guerra d'indipendenza italiana
Seconda guerra d'indipendenza italiana
Terza guerra d'indipendenza italiana
Battaglie Battaglia di Novara
Battaglia di Monte Suello
Studi militari Accademia militare di Torino
voci di militari presenti su Wikipedia

Clemente Giuseppe Corte (Vigone, 21 novembre 1826Vigone, 20 marzo 1895) è stato un patriota e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale d'artiglieria dell'esercito regolare sardo, fu decorato della medaglia d'argento al valor militare nella battaglia di Novara del 1849. Capo di Stato Maggiore di Garibaldi nei Cacciatori delle Alpi nella guerra del 1859. Partecipò alla campagna meridionale del 1860 al seguito della spedizione di Giacomo Medici, ma il suo gruppo composto del piccolo bastimento Utile e della nave Charles and Jane, fu catturato dalla Marina borbonica, i circa 950 volontari condotti a Gaeta e successivamente rilasciati ripartiranno il 15 luglio 1860 con la nave Amazon. [1]
Fu ferito al petto nella presa della città di Milazzo, si comportò da valoroso nell'assedio della fortezza di Capua. Nel 1862 fu in Aspromonte con Garibaldi.

Nella terza guerra di indipendenza si arruolò volontario nel Corpo Volontari Italiani e fu posto al comando, dapprima del 1º Reggimento volontari, poi nominato generale della 4ª Brigata. Si distinse nella battaglia di Monte Suello del 3 luglio e per il valore dimostrato, a guerra finita, fu insignito della medaglia d'oro al valor militare.

Deputato eletto nella circoscrizione di Rovigo e prefetto, scrisse per il Corriere della Sera, fu nominato senatore il 15 febbraio 1880.

Morì a Vigone nel 1895.

Il Gran maestro del Grande Oriente d'Italia Ernesto Nathan lo rivelò massone nel suo discorso al Teatro Costanzi di Roma il 21 aprile 1918[2].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine militare di Savoia
— 6 dicembre 1866[3]
Medaglia d'oro al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al Valor Militare
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
Medaglia commemorativa dei 1000 di Marsala - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dei 1000 di Marsala
Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa delle campagne delle Guerre d'Indipendenza (4 barrette)
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Medaille Commémorative de la Campagne d'Italie de 1859 - nastrino per uniforme ordinaria Medaille Commémorative de la Campagne d'Italie de 1859

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Garibaldi and the making of Italy – G.M. Trevelyan – pagg. 48-49 e appendice B pag. 318
  2. ^ Vittorio Gnocchini, L'Italia dei Liberi Muratori, Erasmo ed., Roma, 2005, p. 84.
  3. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Villari, Da Messina al Tirolo 1866, a cura di Achille Ragazzoni, “Passato Presente”, Quaderno n. 25, Storo 1995.
  • U. Zaniboni Ferino, Bezzecca 1866. La campagna garibaldina dall'Adda al Garda, Trento 1966.
  • Corpo dei Volontari Italiani (Garibaldi), Fatti d'armi di Valsabbia e Tirolo, 1867.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]