Claudio Cominardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Claudio Cominardi
Claudio Cominardi - Primo Piano 1.jpg

Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
In carica
Inizio mandato 13 giugno 2018
Vice di Luigi Di Maio
Cotitolare Claudio Durigon
Capo del governo Giuseppe Conte
Incarichi parlamentari
  • XVII Legislatura
    • Componente della XI Commissione (Lavoro Pubblico e Privato) dal 7 maggio 2013
    • Componente della Commissione parlamentare d'inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro dal 1º ottobre 2014)
    • Componente dell'Intergruppo parlamentare per l'innovazione tecnologica
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 5 marzo 2018
Legislature XVII-XVIII
Gruppo
parlamentare
Movimento 5 Stelle
Circoscrizione IV (Lombardia 2)
III (Lombardia 1)

Dati generali
Partito politico Movimento 5 Stelle
Professione Disegnatore e programmatore meccanico

Claudio Cominardi (Calcinate, 9 dicembre 1981) è un politico italiano, dal 12 giugno 2018 sottosegretario di Stato al Ministero del lavoro e delle politiche sociali del Governo Conte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Calcinate (Bergamo), risiede da sempre a Palazzolo sull'Oglio (Brescia).

Tecnico della gestione aziendale a indirizzo informatico, ha lavorato per oltre quindici anni come attrezzista, disegnatore e programmatore nel settore metalmeccanico e chimico-plastico[1].

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 si iscrive al Meetup Amici di Beppe Grillo di Brescia.

Alle elezioni amministrative del 2009 si candida sindaco di Palazzolo sull'Oglio nella prima lista del Movimento 5 Stelle della provincia di Brescia (Palazzolo a 5 Stelle).

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletto alla Camera dei deputati nella circoscrizione VI Lombardia 2 per il Movimento 5 Stelle[2].

È membro della XI Commissione Lavoro Pubblico e Privato, componente della Commissione parlamentare d'inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro e fa parte dell'Intergruppo parlamentare per l’innovazione tecnologica[3].

Alle elezioni politiche italiane del 2018 è rieletto nel plurinominale in Lombardia e il 12 giugno diventa sottosegretario al Lavoro sotto Luigi Di Maio nel Governo Conte di 5 Stelle e Lega.[4]

Attività parlamentare[modifica | modifica wikitesto]

È stato primo firmatario delle proposte di legge per la riduzione dei compensi erogati agli amministratori delle società pubbliche partecipate e ai manager delle società quotate in Borsa (luglio 2014)[5], contro la delocalizzazione dei servizi di call center e a tutela dei lavoratori del settore (gennaio 2015)[6], per la riforma degli enti bilaterali paritetici (agosto 2016)[7].

È stato anche il primo firmatario della proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare di inchiesta sulle agevolazioni statali ottenute dalla Fiat dal Dopoguerra fino ai giorni nostri[8].

Nel corso dell'attività parlamentare ha osteggiato duramente la Riforma delle pensioni Fornero emanata dal Governo Monti ed è stato relatore di minoranza contro il Jobs Act promulgato dal Governo Renzi[9].

Lavoro e nuove tecnologie[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto del 2014 ha presentato la prima risoluzione sul tema della disoccupazione tecnologica[10]. La discussione della risoluzione ha visto susseguirsi in audizione esperti e rappresentanti delle maggiori realtà industriali e lavorative: Google Italia, Roland Berger, Rete Imprese Italia, Istituto Italiano di Tecnologia, Agenda Digitale, Alessandro Ovi, Maurizio Pallante, Domenico De Masi, Adapt, Isfol, Confindustria, Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Cobas[11].

Insieme alla collega Tiziana Ciprini è stato ideatore e promotore di Lavoro 2025, la prima ricerca predittiva interdisciplinare sull’evoluzione del lavoro nel prossimo decennio (Marsilio Editori)[12]. Coordinata dal sociologo Domenico De Masi, Lavoro 2025 è il frutto del contributo offerto da undici celebri esperti: Leonardo Becchetti, Federico Butera, Nicola Cacace, Luca De Biase, Donata Francescato, Diego Fusaro, Fabiano Longoni, Walter Passerini, Umberto Romagnoli, Riccardo Staglianò, Michele Tiraboschi[13].

Attraverso il format Lavoro 2025 Tour[14] svolge in tutta Italia attività di divulgazione sui temi della ricerca.

Nel marzo 2017 ha presentato alla Camera una mozione sulla robotica e l'intelligenza artificiale[15][16].

Sul tema della disoccupazione tecnologica e del reddito di cittadinanza, ha scritto l'introduzione al libro “La società degli automi” dell’autore Riccardo Campa (D Editore)[17].

Dall'estate del 2017 è blogger de Il Fatto Quotidiano sui temi del lavoro e dell'innovazione tecnologica[18].

Altre iniziative[modifica | modifica wikitesto]

Tra le varie iniziative parlamentari, ha intrapreso e sostenuto battaglie a favore dell'acqua pubblica[19], a tutela delle vittime di reati violenti intenzionali[20], contro le grandi opere come il Tav e Brebemi, contro l'utilizzo di pesticidi nocivi come il glifosate e, più in generale, sulle tematiche ambientali.

Per sensibilizzare i cittadini sul tema del consumo di suolo, con il collega Ferdinando Alberti ha promosso la produzione del docu-video musicale Trenta piò[21], realizzato dal rapper bresciano Dellino Farmer e dal cantautore Piergiorgio Cinelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Blog di Claudio Cominardi - Sezione Chi sono, su claudiocominardi.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  2. ^ Camera dei Deputati - Scheda biografica di Claudio Cominardi, su camera.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  3. ^ Intergruppo Innovazione - Componenti, su parlamentari.org. URL consultato il 16 settembre 2017.
  4. ^ Governo, nominati 45 tra viceministri e sottosegretari
  5. ^ Proposta di legge 2493 del 26 giugno 2014, su camera.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  6. ^ Proposta di legge 2832 del 20 gennaio 2015, su camera.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  7. ^ Proposta di legge 4018 del 3 agosto 2016, su camera.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  8. ^ Proposta di legge 1409 del 21 luglio 2013, su camera.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  9. ^ Jobs Act - Interventi di Claudio Cominardi in Aula, su youtube.com. URL consultato il 16 settembre 2017.
  10. ^ Risoluzione in Commissione 7/00449 del 6 agosto 2014, su aic.camera.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  11. ^ Video delle audizioni svolte in Commissione Lavoro durante la discussione della risoluzione Cominardi sulla disoccupazione tecnologica, su youtube.com. URL consultato il 16 settembre 2017.
  12. ^ Lavoro 2025, il futuro dell'occupazione (e della disoccupazione) - Marsilio Editori, su marsilioeditori.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  13. ^ Blog di Claudio Cominardi - Sezione Lavoro 2025, su claudiocominardi.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  14. ^ Blog di Claudio Cominardi - Sezione Lavoro 2025, su claudiocominardi.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  15. ^ Mozione 1/01559 del 27 marzo 2017, su aic.camera.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  16. ^ Video dell'intervento di presentazione della mozione in Aula, su youtube.com. URL consultato il 16 settembre 2017.
  17. ^ La società degli automi - D Editore, su deditore.com. URL consultato il 16 settembre 2017.
  18. ^ Blog di Claudio Cominardi su Ilfattoquotidiano.it, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 16 settembre 2017.
  19. ^ Acqua pubblica - Interventi di Claudio Cominardi in Aula, su youtube.com. URL consultato il 16 settembre 2017.
  20. ^ Vittime di reati violenti intenzionali - Interventi di Claudio Cominardi in Aula e interviste, su youtube.com. URL consultato il 16 settembre 2017.
  21. ^ Dellino Farmer, Trenta piò: video ufficiale, su youtube.com. URL consultato il 16 settembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]