Classis Germanica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Classis Germanica
Limes Rhin.png
I principali corsi fluviali lungo il limes renano, dove operava la flotta germanica: Reno, Lippe e Mosella.
Descrizione generale
Attiva12 a.C. - V secolo
NazioneImpero romano
Tipoforza armata navale
Guarnigione/QGlimes renano
PatronoNettuno dio del mare
Anniversari21 aprile
DecorazioniDona militaria
Onori di battagliaTrionfo,
Ovatio,
Spolia opima,
Cognomina ex virtute
Comandanti
Comandante attualepraefectus classis Germanicae
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Classis Germanica era la flotta imperiale romana che controllava il corso del Reno (dalla foce del fiume fino a Castra Vetera, Colonia Agrippina, Mogontiacum ed Argentoratae) e dei suoi più importanti affluenti come la Mosa, la Schelda e la Mosella). Fu istituita nel 12 a.C. da Augusto e subì importanti modifiche solo nella tarda antichità.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: limes renano e flotta romana.

Nel I secolo: dei Giulio-Claudii ai Flavi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Occupazione romana della Germania sotto Augusto e Spedizione germanica di Germanico.

La sua costituzione risalirebbe ad Augusto (12 a.C. circa) durante il ventennio di guerre di occupazione della Germania Magna, fino alla disfatta di Varo (12 a.C.-9 d.C.). Durante questi anni, numerose furono le operazioni di sbarco su vasta scala dell'esercito romano, lungo la costa del Mare del Nord fino alle foci dei fiumi Ems, Weser ed Elba, coordinate con iniziative parallele di forze di terra. Druso maggiore utilizzò per primo la flotta Germanica, scavando un canale dalla Zuiderzee al Mare del Nord (fossa Drusi), che gli permettesse di sbarcare sulle coste dei Frisoni e dei Cauci, limitando al minimo indispensabile le correnti del mare aperto e le inevitabili tempeste.[1]

La spinta definitiva per raggiungere il corso dell'Elba fu data da Tiberio nel 5, attraverso una campagna coordinata di mare e terra. La sua flotta risalì il fiume fino a monte della località di Lauenburg, mentre le forze di terra si congiungevano a quelle fluviali in questo punto. Nello stesso anno la flotta Germanica di spingeva anche in mare aperto, a Nord fino a Skagen, lungo la penisola dello Jutland, venendo in contatto con l'antico popolo germanico dei Cimbri.[2]

Ancora nel 15 i Romani tornarono ad invadere la Germania Magna sotto la guida del figlio adottivo del princeps, Germanico. Anche questa volta le armate romane di terra furono accompagnate da una grande flotta che trasportò ben quattro legioni, dal Reno alla foce dell'Ems. Nella primavera dell'anno successivo (16) una immensa flotta di 1000 navi trasportò l'esercito romano dall'Insula Batavorum (Beveland e Walcheren) fino alla foce del fiume Ems, e sbarcò nei pressi di Jemgum. Dopo gli scontri di Idistaviso e nei pressi del "Vallo angrivariano" (tra il Weser ed il lago di Steinhuder Meer), dove Germanico ebbe la meglio sulle tribù degli Angrivari, Bructeri e Cherusci, una devastante tempesta al ritorno dalla terza campagna militare in Germania, per poco non distrusse buona parte della flotta e delle forze di terra romane imbarcate, se non fosse stato per l'aiuto del popolo "cliente" dei Cauci, che prestarono aiuto a Germanico. Questi ultimi fatti convinsero definitivamente l'imperatore Tiberio, a disporre la definitiva ritirata delle armate romane ad ovest del fiume Reno, abbandonando il progetto augusteo di annessione della Germania Magna.[3]

Ancora la flotta fu impiegata contro il popolo "cliente" dei Frisoni nel 28, che si era ribellato all'autorità romane, assediando la fortezza di Flevum. Ancora in questa circostanza le armate romane erano riuscite a mantenere il controllo della foce del Reno e delle coste lungo il Mare del Nord fino all'Ems. Una nuova rivolta dei Frisoni negli anni 46-47, costrinse i Romani, prima ad inviare un nuovo esercito e relativa flotta, sotto il comando del generale Gneo Domizio Corbulone, il quale, dopo aver costruito un lungo canale di 34 km (Fossa Corbulonis, tra le foci dei fiumi Maas e Reno), per il trasporto delle truppe e gli approvvigionamenti, fu costretto dall'imperatore Claudio ad abbandonare il progetto di una nuova occupazione della Germania Magna.

Negli anni 68/69, durante il periodo della guerra civile, la successiva rivolta dei Batavi e delle vicine popolazioni germaniche, portarono distruzione lungo l'intero percorso del Reno, dalla sua foce fino a Mogontiacum. Anche in questa circostanza la flotta Germanica, insieme a quella Britannica dovette intervenire a supporto dell'avanzata delle legioni della Germania superiore, per reprimere la rivolta che era riuscita nell'impresa di utilizzare alcune imbarcazioni contro i Romani.[4]

Quando poi nell'89 gran parte dell'esercito del Reno si rivoltò contro l'imperatore Domiziano, la Classis Germanica rimase fedele, contribuendo a sconfiggere i ribelli, tanto da meritarsi il titolo onorifico di Pia Fidelis Domitiana classis.

Dal II al V secolo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Invasioni barbariche del III secolo, Campagne germanico-sarmatiche di Costantino, Battaglia di Strasburgo e Invasioni barbariche del IV secolo.
Tegula della flotta romana germanica.

Durante il periodo delle guerre marcomanniche, la flotta dovette intervenire per intercettare bande di predoni dei Cauci che avevano portato devastazione lungo il canale della Manica tra le province galliche e la Britannia (170-172). Un decennio più tardi, sappiamo da un'iscrizione rinvenuta in Germania inferiore, che tra i prefetti a capo della Classis Augusta Germanica Pia Fidelis risulta, da un'epigrafe, anche il nome di Publio Elvio Pertinace,[5] imperatore per pochi mesi nel 193.

Sul finire del III secolo, dopo la caduta del cosiddetto Impero gallico (da Postumo a Tetrico), i ripetuti e pesanti attacchi di Franchi e Alamanni, portarono non solo distruzione un po' ovunque lungo il limes, ma costrinsero a ridimensionare la flotta, almeno fino al periodo della tetrarchia di Diocleziano (286-305). Non a caso la ricostituzione dell'antica flotta Germanica ed il suo ammodernamento cominciò prima sotto Costanzo Cloro, poi con il figlio Costantino I, il quale grazie al suo impiego negli anni 306-310 ottenne importanti vittorie tra i Bructeri,[6] i Franchi e gli Alemanni.[7] La squadra navale del Reno, riorganizzata al tempo di Costantino I, riacquisì l'importante ruolo strategico e logistico per la protezione di questo tratto di limes fino alla metà del IV secolo, quando negli anni 355-359 il Cesare per l'Occidente, Giuliano, utilizzò la flotta Germanica per le campagne contro le popolazioni germaniche di Alamanni e Franchi, sia lungo il Reno sia lungo il Meno.[8]

Sotto Valentiniano I, la flotta del Reno respingeva ancora gli invasori germanici, come alcune iscrizioni dedicatorie dalla frontiera del Reno sembrano testimoniare. Ed infine, sulla base delle informazioni fornite dalla Notitia Dignitatum, sappiamo che già verso la fine del V secolo, parte della flotta del basso Reno cessò di esistere.

Le navi utilizzate[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di ricostruzione di imbarcazione militare romana, oggi presso il Museo navale di Magonza.

Le navi utilizzate principalmente per pattugliare i corsi fluviali erano le liburnae e la triremes. Questa ipotesi è supportata sia dai ritrovamenti effettuati presso l'importante base navale del Reno di Mogontiacum, sia dai rilievi della Colonna Traiana.

A partire dal IV secolo nella flotta fluviale furono introdotte nuove tipologie di navi. Si trattava delle cosiddette naves lusoriae, naves actuariae e naves iudiciarae, le quali presentavano ora un fondo più piatto, ideale per i fiumi "serpeggianti". Questi tipi di navi erano infatti sorprendentemente veloci e stabili.

Il corpo di truppa[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Flotta romana.

Il comandante della flotta provinciale era di solito il Legatus Augusti pro praetore (governatore provinciale), a cui era sottoposto un praefectus della flotta (praefectus classis Germanicae o di altri affluenti), dell'ordine equestre. A sua volta il diretto subordinato del praefectus era un sub praefectus, a sua volta affiancato da una serie di praepositi, ufficiali posti a capo di ogni pattuglia per singola località.

Altri ufficiali erano poi il Navarchus princeps, che corrisponderebbe al grado di contrammiraglio di oggi. Nel III secolo fu poi creato il Tribunus classis con le funzioni del Navarchus princeps, più tardi tribunus liburnarum.

La singola imbarcazione era poi comandata da un trierarchus (ufficiale), dai rematori e da una centuria di marinai-combattenti (manipulares / milites liburnarii). Il personale della flotta (Classiari o Classici) era perciò diviso in due gruppi: gli addetti alla navigazione ed i soldati. Il servizio durava 26 anni (contro i 20 dei legionari ed i 25 degli auxilia). Dal III secolo fu aumentato fino a 28 anni di ferma. Al momento del congedo (Honesta missio) ai marinai era data una liquidazione, dei terreni e di solito anche la cittadinanza concessa, essendo gli stessi nella condizione di peregrini al momento dell'arruolamento. Il matrimonio era invece permesso loro, solo al termine del servizio attivo permanente.

Principali basi fluviali[modifica | modifica wikitesto]

Antico nome latino Località moderna
Castra Vetera Xanten
(quartier generale fino al 50)
Colonia Claudia Agrippinensium Alteburg
(navalia/quartier generale dopo il 50)
Aliso Haltern
(sulla Lippe)
Anntunacum Andernach
Argentoratae Strasburgo
Bingium Bingen
Bonna Bonn
Confluentes Coblenza
Lugdunum Batavorum Forte alla confluenza Reno
Mogontiacum Magonza
Nigrum Pullum Zwammerdamm
sconosciuto Rumpst an der Rupel
sconosciuto Stützpunkt a.d. Rur
sconosciuto Stützpunkt (presso l'Ems)
Novaesium Neuss
Noviomagus Batavorum Nimega
Noviomagus Nemetum Spira
Praetorium Aggripinae Katwijk
Traiectum Utrecht

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Floro, Compendio di Tito Livio, II, 30.
  2. ^ Velleio Patercolo, Historiae Romanae ad M. Vinicium libri duo, II, 106.
  3. ^ Tacito, Annales II, 9–24.
  4. ^ Tacito, Historiae, IV, 14-17 e 79.
  5. ^ AE 1963, 52.
  6. ^ Panegyrici latini, VI, 13.
  7. ^ Panegyrici latini, XII, 22.
  8. ^ Ammiano Marcellino, Res Gestae, XVI, 11-12; XVII, 1-2; XVIII, 2.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • M.Carroll, Romans, Celts & Germans: the german provinces of Rome, Gloucestershire & Charleston 2001. ISBN 0-7524-1912-9
  • G.Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. II - Da Augusto ai Severi, Rimini 2008.
  • G.Cascarino & C.Sansilvestri, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'Impero d'Occidente, Rimini 2009.
  • P.Connolly, L'esercito romano, Milano 1976.
  • P.Connolly, Greece and Rome at war, Londra 1998. ISBN 1-85367-303-X
  • Y.Le Bohec, L'esercito romano da Augusto alla fine del III secolo, Roma 1992, VII ristampa 2008.
  • Y.Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma 2008. ISBN 978-88-430-4677-5
  • V.A.Maxfield, L'Europa continentale, cap.VIII, in Il mondo di Roma imperiale: la formazione, a cura di J.Wacher, Bari-Roma 1989.
  • M.Reddé, Mare nostrum, Parigi 1986.
  • H.Schonberger, The Roman Frontier in Germany: An Archaeological Survey, in Journal of Roman Studies N.59, Exeter 1969, pp.149 ss.
  • C.G.Starr, The roman imperial navy 31 B.C. – A.D. 324, W. Heffer & Sons Ltd., Cambridge, 1960.
  • C.M.Wells, The German Policy of Augustus, in Journal of Roman studies 62, Londra 1972.