Classificazione delle risorse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classificazione delle fonti minerarie.png

Il sottosuolo è ricco di risorse minerarie, tra cui minerali, materie prime e combustibili fossili. L'uomo, per facilitarne la classificazione si basa su questi tre principi:

  • Accessibilità
  • Durata
  • provenienza
  • in base alle attività produttive

Accessibilità[modifica | modifica wikitesto]

L'accessibilità è la caratteristica che spesso pone problemi; il problema principale delle risorse purtroppo è la difficoltosa estrazione dal sottosuolo, spesso anche molto costosa, ci pone di fronte tre casi: fruibile, non accessibile e ignota. L'uomo ha estratto una grande quantità di risorse dal sottosuolo, ma altre risorse si trovano al dì sotto del livello dove possono arrivare i macchinari dell'uomo costruiti fin d'ora.

Durata[modifica | modifica wikitesto]

Invece, quando parliamo di durata ci riferiamo alle energie rinnovabili o non rinnovabili. L'uomo attualmente estrae soprattutto combustibili fossili, concentrandosi su quelle rinnovabili, ma secondo i piani già stabiliti dallo sviluppo sostenibile, che prevedendo l'esaurimento delle fonti energetiche non rinnovabili, sta cominciando ad attuare dei piani di risparmio delle fonti e sfruttare le energie rinnovabili.

In base alle attività produttive[modifica | modifica wikitesto]

Questa tipologia di classificazione comprende 3 tipi di risorse

  • Risorsa
  • Riserva
  • Stock

La risorsa comprende tutte le risorse (minerali, materie prime, combustibili fossili, ecc.) che l'uomo utilizza per produrre energia o per altri scopi economici La riserva, al contrario, corrisponde a tutte le risorse minerarie disponibili sulla terra, ma che l'uomo non utilizza o non può utilizzare. Le risorsa Stock comprende tutte le materie prime presenti sulla terra, sia che l'uomo utilizza che non.