Classe Svetlana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Svetlana
Krasnyy Krym 01.jpg
L'incrociatore Krasnyj Krym, ex Svetlana
Descrizione generale
Naval Ensign of the Soviet Union 1935.svg
Tipo incrociatore leggero
Numero unità completate: 2
Proprietà Naval Ensign of the Soviet Union 1935.svg Raboče-Krest'janskij Krasnyj Flot
Caratteristiche generali
Dislocamento 6.800 t
Stazza lorda 7.400 tsl
Lunghezza 158,4 m
Larghezza 15,35 m
Pescaggio 5,7 m
Propulsione Vapore:
Velocità 29,5 nodi
Autonomia 1490 miglia a 14 nodi
Armamento
Armamento artiglierie:

siluri:

Corazzatura cintura: 75 mm
ponte: 20+25mm
torrione: 120mm

[senza fonte]

voci di classi di incrociatori presenti su Wikipedia

Gli incrociatori della classe Svetlana sono stati i primi ed unici incrociatori leggeri della Marina Imperiale Russa.

Le unità vennero progettate come esploratori dal programma di costruzioni navali 1912-1916, erano otto ed erano destinate ad operare con le corazzate Gangut e Imperatrica Marija e con flottiglie di cacciatorpediniere.

La loro costruzione venne interrotta dalla prima guerra mondiale e dalla Rivoluzione russa. Solo un'unità vfu completata dal governo sovietico come incrociatore; due navi sono state completate come le petroliere. L'unica unità entrata in servizio fu lo Svetlana, ribattezzato prima Profintern e poi Krasnyj Krym.

Unità progettate[modifica | modifica wikitesto]

Nome originale Nome nella VMF Impostazione[1] Varo[1] Entrata in servizio[1] Destino finale[1]
Svetlana
(Светлана)
Profintern (Профинтерн)
Krasnyj Krym (Красный Крым)
11 novembre 1913 28 novembre 1915 1º luglio 1928 ribattezzata Profintern dal 5 febbraio 1925 e Krasnyj Krym dal 31 ottobre 1939; trasformata in bersaglio per aerei dal 1959
Admiral Butakov
(Адмирал Бутаков)
23 luglio 1916 1917 demolita agli inizi degli anni cinquanta
Admiral Spiridov
(Адмирал Спиридов)
completata come petroliera 16 novembre 1913 27 agosto 1916 1926 1941
Admiral Grejg
(Адмирал Грейг)
completata come petroliera 24 novembre 1913 26 novembre 1916 1926 arenata in una tempesta e spezzato in due il 23 dicembre 1937 e demolita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Fonte: Ю. В. Апальков. Российский Императорский Флот 1914 -1917 гг. Справочник по корабельному составу // Морская коллекция, 1998 N. 4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]