Classe Bay (fregata)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Classe Bay
HMS Bigbury Bay (K606) IWM FL 2044.jpg
HMS Bigbury Bay il 1 gennaio 1945
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Flag of Portugal.svg
Military Flag of Finland.svg
TipoFregata antiaerea
Numero unità26
In servizio conNaval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy

Marinha Portuguesa

Military Flag of Finland.svg Merivoimat
Ordine1943
ImpostazioneFebbraio - novembre 1944
VaroOttobre 1944 - ottobre 1945
CompletamentoAprile 1945 - luglio 1950
Caratteristiche generali
Dislocamento1626 t standard
2571 t a pieno carico
Lunghezza87 m
Larghezza93,65 m
Pescaggio3,89 m
Propulsione3 caldaie a tamburo Ammiragliato
2 motori a vapore a triplice espansione verticale a 4 cilindri (4100 kW)
2 eliche
Velocità19,5 nodi (36 km/h)
Autonomia9 500  miglia a 12 nodi (18 000 km a 22 km/h)
EquipaggioFregate: 157

Navi portaordini: 160

Navi oceanografiche: 133
Equipaggiamento
Sensori di bordo
Armamento
Armamento
voci di navi presenti su Wikipedia

La classe Bay fu una classe di 26 fregate antiaeree costruite per la Royal Navy, ordinate nel War Emergency Programme del 1943. Un'unità fu cancellata e sei furono terminate come navi portaordini e navi oceanografiche. Tutte le unità furono costruite da scafi incompleti di fregate antisommergibile classe Loch.

Tra il 1959 e il 1961 quattro fregate (Bigbury Bay, Burghead Bay, Morecambe Bay e Mounts Bay) furono trasferite alla marina portoghese. Tra il 1966 e il 1968, con base in Mozambico, queste navi furono parte del deterrente navale portoghese contro la Pattuglia di Beira della Royal Navy. Nel 1966 la marina portoghese comprò anche la nave oceanografica Dalrymple, che servì fino al 1983.

Progetto[modifica | modifica wikitesto]

La classe Bay utilizzò lo scafo, i motori, gli alberi a traliccio e le sovrastrutture della classe Loch, così da poter utilizzare unità non ancora completate di questa classe. L'armamento fu alterato per il ruolo antiaereo, con cannoni doppi a fuoco rapido da 102 mm Mark XVI a prua e a poppa su affusti HA/LA Mark XIX a controllo remoto, controllato da un apparecchio di punteria Mark V sul ponte e dal radar Type 285 per il controllo del tiro. A causa di una penuria di cannoni da 102 mm e dei loro affusti, molte navi li ricevettero grazie alla rimozione di questi dai cacciatorpediniere classe V e W (convertiti per la lotta antiaerea) dismessi e da cacciatorpediniere classe Hunt che erano un completo fallimento costruttivo. Un paio di affusti Mark V per cannoni doppi Bofors da 40 mm erano posizionati a mezza nave, ognuno con il suo semplice apparecchio di punteria tachimetrico per il controllo del tiro. L'armamento contraereo era completato da un paio di affusti Mark V per mitragliere doppie Oerlikon da 20 mm, montate sulle alette di plancia. In seguito le Oerlikon furono sostituite con cannoni Bofors con singoli affusti Mark VII e un ulteriore paio fu aggiunto a mezza nave su piattaforme sopraelevate. Come deterrente antisommergibile le unità avevano un Porcospino montato sul castello di prua e due rastrelliere di bombe di profondità con quattro lanciatori, per un totale di 50 bombe.

Oltre al Radar Type 285 per la direzione del tiro, le unità erano equipaggiate con il Type 291 per la ricerca di aerei e con il Type 276 (in seguito 293) per l'illuminazione dei bersagli aerei, entrambi montati in testa d'albero. I trasponder d'identificazione IFF erano ugualmente trasportati sull'albero per distinguere gli aerei nemici da quelli amici. Il rivelatore di direzione ad alta frequenza (HF/DF) era trasportato su di un'asta a poppa dell'albero principale.

Sei classe Bay furono completate con progetti differenti. La Dundrum Bay e la Gerrans Bay furono ribattezzate Alert and Surprise e completate come navi "portaordini", navi di rappresentanza dei comandanti in capo della flotta del Mediterraneo e dell'Estremo Oriente. Queste navi non ricevettero i cannoni Bofors con affusto Mark V e i cannoni poppieri da 102 mm ed ebbero una sovrastruttura estesa che continuava oltre un alto albero principale per avere più spazio per le bandiere. Le altre quattro navi furono completate come navi oceanografiche, nello specifico per occuparsi del grande numero di relitti non mappati e mine che erano rimasti attorno alle isole britanniche dalla guerra. Non erano armate, se non per i cannoni da tre libbre per i saluti formali. Ebbero ponti coperti ridotti a prua rispetto alle fregate e trasportavano barche da ricerca sotto a paranchi di carico davanti al fumaiolo e attrezzatura per lo sminamento a poppa.

Unità[modifica | modifica wikitesto]

Fregate
Nome Nomi precedenti Costruttore Impostazione Varo Completamento Note
Bigbury Bay (K606) Loch Carloway Hall Russell, Aberdeen 30 maggio 1944 16 novembre 1944 10 luglio 1945 Venduta al Portogallo nel 1959 col nome Pacheco Pereira (F337)
Burghead Bay (K622) Loch Harport Charles Hill & Sons, Bristol 21 settembre 1944 3 marzo 1945 20 settembre 1945 Venduta al Portogallo nel 1959 col nome Álvares Cabral (F336)
Cardigan Bay (K630) Loch Laxford Henry Robb, Leith 14 aprile 1944 28 dicembre 1944 25 giugno 1945
Carnarvon Bay (K630) Loch Maddy Henry Robb 8 giugno 1944 15 marzo 1945 20 settembre 1945
Cawsand Bay (K644) Loch Roan Blyth Dry Dock, Blyth 24 aprile 1944 26 febbraio 1945 13 novembre 1945
Enard Bay (K435) Loch Brachdale Smiths Dock, South Bank 27 maggio 1944 31 ottobre 1944 4 gennaio 1946
Hollesley Bay (K614) Loch Fannich Smiths Dock - - - Cancellata nel 1945
Largo Bay (K423) Loch Foin William Pickersgill, Sunderland 8 febbraio 1944 3 ottobre 1944 26 gennaio 1946
Morecambe Bay (K624) Loch Heilen William Pickersgill 30 aprile 1944 11 novembre 1944 11 marzo 1946 Venduta al Portogallo nel 1961 col nome Dom Francisco de Almeida (F479)
Mounts Bay (K627) Loch Kilbernie William Pickersgill 23 ottobre 1944 8 giugno 1945 11 aprile 1949 Venduta al Portogallo nel 1961 col nome Vasco da Gama (F478)
Padstow Bay (K608) Loch Coulside Henry Robb 25 settembre 1944 25 settembre 1945 11 marzo 1946
Porlock Bay (K650) Loch Seaforth, Loch Muick Charles Hill & Sons 22 novembre 1944 14 giugno 1945 8 marzo 1946 Venduta alla Finlandia nel 1962 col nome Matti Kurki
St Austell Bay (K634) Loch Lyddoch Harland & Wolff, Belfast 30 maggio 1944 18 novembre 1944 29 maggio 1945
St Brides Bay (K600) Loch Achility Harland & Wolff 30 maggio 1944 16 gennaio 1945 6 settembre 1945
Start Bay (K604) Loch Arklet Harland & Wolff 31 agosto 1944 15 febbraio 1945 10 luglio 1945
Tremadoc Bay (K605) Loch Arnish Harland & Wolff 31 agosto 1944 29 marzo 1945 11 ottobre 1945
Veryan Bay (K651) Loch Swannay Charles Hill & Sons 8 giugno 1944 11 novembre 1944 13 maggio 1945
Whitesand Bay (K633) Loch Lubnaig Harland & Wolff 8 agosto 1944 16 dicembre 1944 30 luglio 1945
Widemouth Bay (K615) Loch Frisa Harland & Wolff 24 aprile 1944 19 ottobre 1944 13 aprile 1945
Wigtown Bay (K616) Loch Garasdale Harland & Wolff 24 ottobre 1944 26 aprile 1945 19 aprile 1946


Navi portaordini
Nome Nomi precedenti Costruttore Impostazione Varo Completamento
Alert (K647) Dundrum Bay, Loch Scamdale Blyth Dry Dock 28 luglio 1944 10 luglio 1945 24 ottobre 1946
Surprise (K346) Gerrans Bay, Loch Carron Smiths Dock 21 aprile 1944 14 marzo 1945 9 settembre 1946
Navi oceanografiche
Nome Nomi precedenti Costruttore Impostazione Varo Completamento Note
Cook (K638) Pegwell Bay, Loch Mochrum William Pickersgill 30 novembre 1944 24 settembre 1945 20 luglio 1950
Dalrymple (K427) Luce Bay, Loch Glass William Pickersgill 29 aprile 1944 12 aprile 1945 10 febbraio 1949 Venduta nel 1966 al Portogallo come Afonso de Albuquerque (A526)
Dampier (K611) Herne Bay, Loch Eil Smiths Dock 30 settembre 1944 19 ottobre 1945 23 settembre 1949
Owen (K640) Thurso Bay, Loch Muick Hall Russell 7 agosto 1944 15 maggio 1945 14 giugno 1948

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • H. T. Lenton, British and Empire Warships of the Second World War, Greenhill Books. ISBN 1-85367-277-7
  • Leo Marriott e Ian Allan, Royal Navy Frigates 1945-1983, 1983. ISBN 0-7110-1322-5
  • "Bay class". uboat.net. Consultato il 20 gennaio 2019.
Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina