Classe Basilicata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Classe Basilicata
Varo RN Basilicata.jpg
Il varo della RN Basilicata
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipoincrociatore leggero
Numero unità2
CantiereRegio Cantiere navale di Castellammare di Stabia
Impostazione1913
Varo1914
Completamento1917
Destino finaleradiate
Caratteristiche generali
Dislocamentonormale 2.778 t
a pieno carico 3.187 t
Lunghezza83,1 m
Larghezza12,7 m
Pescaggio5,9 m
Propulsione4 caldaie, 2 motrici alternative a triplice espansione, 2 eliche
potenza: 4.000 hp
Velocità15,5 nodi (29 km/h)
Autonomia5.100 n.mi. a 10 nodi
Equipaggio204
Armamento
ArtiglieriaAlla costruzione:
CorazzaturaOrizzontale 25 mm
Torrione 53 mm

dati presi da [1]

voci di classi di incrociatori presenti su Wikipedia

La classe Basilicata fu un modello di incrociatore leggero per servizi coloniali[1] della Regia Marina che partecipò alla prima guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La classe era composta da due unità, Basilicata e Campania. Basata su un progetto del generale del genio navale Rota, derivava dal precedente ariete torpediniere Calabria[1]. La loro classificazione iniziale fu di nave da battaglia di 5ª classe, per diventare in seguito nave sussidiaria di 2ª classe, e al termine della carriera incrociatore coloniale[2]. Due dei cannoni da 152 mm erano disposti in postazioni girevoli scudate a prua e a poppa, mentre gli altri 4 erano disposti in barbetta lungo le fiancate.

Basilicata[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Basilicata (incrociatore).

Costruito nel Regio Cantiere navale di Castellammare di Stabia nel 1914, il suo varo avvenne il 23 luglio 1914; venne poi completato nel 1917. Partecipò alla prima guerra mondiale. Affondò il 13 agosto 1919 a Tefwik nei pressi di Porto Said in seguito all'esplosione di una delle sue caldaie e, sebbene sia stato rimesso a galla l'anno successivo, ne venne giudicata troppo onerosa la riparazione e venne quindi venduto ai demolitori[2]. Venne radiato nel 1921.

Campania[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Campania (incrociatore).

Costruito nel Regio Cantiere navale di Castellammare di Stabia nel 1914, venne completato nel 1917. Presente alla prima guerra mondiale, era comunque destinato ai servizi coloniali. Venne utilizzato come nave scuola per i cadetti della Regia Marina, poi nel 1921 venne declassificato a cannoniera e dal 1932 al 1937 fu destinato esclusivamente all'addestramento fino alla sua radiazione avvenunta nel 1937[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina