Clare Boothe Luce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Clare Boothe Luce
Clare boothe.jpg

Ambasciatore in Italia
Durata mandato 4 maggio 1953 - 27 aprile 1956
Predecessore Ellsworth Bunker
Successore James David Zellerbach

Membro della Camera dei Rappresentanti - Connecticut, distretto n.4
Durata mandato 3 gennaio 1943 - 3 gennaio 1947
Predecessore Le Roy D. Downs
Successore John D. Lodge

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Tendenza politica Conservatorismo
Professione giornalista, diplomatica

Clare Boothe Luce, nata Ann Boothe (New York, 10 marzo 1903Washington, 9 ottobre 1987), è stata una giornalista, scrittrice, attrice, politica, sceneggiatrice e ambasciatrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'ambasciatrice Clare Boothe Luce con il secondo marito Henry nel 1954

Ann Clare Boothe nasce nel 1903 a New York. L'infanzia non è facile. I genitori si separano quando ha soli 8 anni. Per pagarsi gli studi, Ann comincia a lavorare come attrice bambina con lo pseudonimo di Joyce Fair.[1] Tra il 1914 e il 1922 prende parte, con buon successo, a un totale di 19 pellicole. Nel 1923, a venti anni, sposò George Tuttle Brokaw, ricco erede di una catena di abbigliamento di New York, dal quale ebbe una figlia: Ann. Dopo il divorzio nel 1929, intraprese la carriera giornalistica. Lavorò nella rivista di moda Vogue e, nel 1931, assunse la direzione di Vanity Fair, periodico di costume, cultura, moda e politica.

Nel 1935 sposò in seconde nozze Henry Luce, fondatore ed editore di alcuni tra i più importanti periodici americani, quali TIME, Life e Fortune. Eletta tra le file del Partito Repubblicano, dal 1943 al 1947 fece parte della Camera dei Rappresentanti, per lo Stato del Connecticut.

La morte della figlia Ann, avvenuta in un incidente automobilistico nel 1944, provocò in lei una crisi che la condusse, nel 1946, sotto la guida del predicatore monsignor Fulton J. Sheen,[2] a convertirsi al Cattolicesimo. Narrò la tragica esperienza vissuta e le motivazioni della sua scelta in The Real Reason (La vera ragione), un articolo pubblicato nel 1947 sul mensile femminile McCall's.

Dal 1953 al 1956, nominata dal Presidente Dwight Eisenhower, fu ambasciatrice statunitense in Italia dove il suo deciso anticomunismo ed alcuni interventi nelle vicende politiche interne provocarono diverse polemiche[3][4]; tra l'altro, nel 1955 convinse il Dipartimento della difesa a dichiarare ufficialmente che il governo statunitense non avrebbe più concesso contratti offshore per la produzione di equipaggiamento militare a quelle imprese italiane in cui "i sindacati rossi" fossero stati in maggioranza nelle commissioni interne[5].

I dossier di Claire Booth Luce, recentemente desecretati dagli archivi nazionali Usa, confermano lo spiccato anticomunismo dell'ambasciatrice che più volte aveva ribadito: «Il principale obiettivo degli aiuti militari ed economici americani all'Italia è di difendere il mondo libero dal comunismo». "Al presidente della Fiat, Vittorio Valletta, la Luce chiede ad esempio (...) «di non dare pubblicità ai giornali comunisti, di escludere i comunisti dal novero dei tecnici e del management, di precisare mensilmente a quale sindacato siano iscritti e di organizzare un fondo di sicurezza interna». Gli stessi dossier sottolineano anche l'obiettivo della Luce «di sottrarre il cinema italiano dal dominio del Pci» A preoccupare Claire Booth Luce, nell'estate del '55, era il fatto che il 90-95% delle maestranze di Guerra e pace (...) fosse iscritto alla Cgil. Dopo un lungo braccio di ferro, nel cast, verranno assunti anche iscritti a Cisl e Uil"[6].

Tornata negli Stati Uniti, nel 1964 sostenne la campagna presidenziale del conservatore repubblicano, senatore Barry Goldwater, che venne però sconfitto nettamente dal democratico Lyndon B. Johnson.

Morì a Washington, a ottantaquattro anni, nel 1987.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Commedie
  • 1935 Abide with Me
  • 1936 The Women (Donne: Commedia in tre atti, Torino, Industria Libraria Tipografica Editrice, 1953)
  • 1938 Kiss the Boys Goodbye
  • 1939 Margin for Error
  • 1951 Child of the Morning
  • 1970 Slam the Door Softly
Libri
  • 1933 Stuffed Shirts
  • 1940 Europe in the Spring
  • 1952 Saints for Now (a cura di, raccolta di saggi di vari autori) - (Santi che amiamo, Milano, A. Mondadori, 1956)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Locandina del film Vera, the Medium (1917)

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Manifesto del film Donne (1939), sceneggiato da Clare Boothe

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiature TV[modifica | modifica wikitesto]

Controfigura[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 15 dicembre 1956[7]

Onorificenze statunitensi[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia Presidenziale della Libertà - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Presidenziale della Libertà
— 1983

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Frank N. Magill, ed., The 20th Century Go-N: Dictionary of World Biography, Volume 8, pp. 2256-59.
  2. ^ Fulton John Sheen (1895-1979) arcivescovo americano, per molti anni condusse programmi radiofonici e televisivi di argomento religioso.
  3. ^ Indro Montanelli e Mario Cervi, L'Italia della Repubblica, Milano, Rizzoli, 1985, pp. 200-201.
  4. ^ Giuseppe Mammarella, L'Italia dopo il fascismo. 1943-1973, Bologna, Il Mulino, 1974, pag. 268.
  5. ^ S. Colarizi, La seconda guerra mondiale e la Repubblica, in G. Galasso (a cura di), Storia d'Italia, vol. XXIII, UTET, Torino 1984, p. 688.
  6. ^ Ennio Caretto, L'offensiva sugli intellettuali caldeggiata dall'ambasciatrice Luce. Una diplomatica anticomunista. Troppa Cgil per Tolstoj, Corriere della Sera, 17 aprile 2005.
  7. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76577892 · ISNI (EN0000 0001 2140 4475 · LCCN (ENn50048840 · GND (DE119269813 · BNF (FRcb14670217g (data)