Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Clan Katō

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Per clan Katō (加藤氏 Katō-shi?) fu un clan di samurai del Giappone della provincia di Mino discendenti di Fujiwara no Kagemichi. Con un reddito di 60.000 Koku i Katō erano il più grande Tozama daimyō del periodo Edo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

mon dei Katō-Mitsuyasu

I clan Katō era suddiviso in due rami principali, il ramo Mitsuyasu e il ramo Yoshiakira, ed entrambi hanno come antenato comune Katō Kagekado (景廉, morto 1221).

Ramo Mitsuyasu-Mino[modifica | modifica wikitesto]

Discendenti di Fujiwara no Kagemichi

  • Mitsuyasu (光泰; 1537-1595) servì prima Oda Nobunaga, poi Toyotomi Hideyoshi, che gli diede il dominio Takashima (provincia di Ōmi) da 20.000 Koku. Nel 1590 il suo reddito fu aumentato a 240.000 Koku nella provincia di Kai. Mitsuyasu morì durante la campagna coreana.
  • Sadayasu (定泰; 1581-1624), figlio di Mitsuyasu, ricevette dopo la sua morte il castello di Kurono (Mino) da 40.000 koku. Nel 1610 fu trasferito a Yonago (Hoki), poi nel 1617 a Ōzu (Iyo), dove i suoi discendenti rimasero fino al rinnovamento Meiji.

Ramo Yoshiakara-Mikawa[modifica | modifica wikitesto]

mon dei Katō-Yoshiakara

Discendenti di Fujiwara no Uona

  • Yoshiaki (嘉明; 1563–1631) fu prima servitore di Hideyoshi e comandò con Tōdō Takatora la flotta navale durante la campagna coreana. Al suo ritorno si unì a Ieyasu e partecipò alla battaglia di Sekigahara. Fu poi trasferito da Matsuzaki (Iyo) con 100.000 koku a successivamente a Matsuyama (Iyo) con 200.000 koku. Dopo la morte di Gamō Tadasato ricevette il dominio di Aizu da 400.000 koku.
  • Akinari (明成) figlio di Yoshiaki fu deposto per il cattivo trattamento dei suoi sudditi nel 1643.
  • Akitomo (明友) figlio di Akinari, dopo la deposizione del padre in riconoscimento dei servizi del nonno Yoshiaki ricevette Yoshimizu (Iwami) da 10.000 koku. I suoi discendenti furono successivamente spostati nel 1682 a Minakuchi (Ōmi) da 20.000 koku, trasferito a Mibu (Shimotsuke) e infine a Minakuchi con 25.000 koku dove risiedettero fino al 1868. Divennero visconti dopo il rinnovamento Meiji.
mon dei Katō-Kiyomasa

Ramo Kiyomasa-Owari[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Edmond Papinot, Historical and geographical dictionary of Japan, F. Ungar Pub. Co., 1964, p. 262-265.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Kato clan, su wiki.samurai-archives.com.