Cittadinanza lussemburghese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coat of arms of Luxembourg.svg
Luxembourg geo stub.svg

La cittadinanza lussemburghese è la condizione della persona fisica (detta cittadino lussemburghese) alla quale l'ordinamento giuridico del Granducato di Lussemburgo riconosce la pienezza dei diritti civili e politici.

La legge sulla cittadinanza lussemburghese prevede l'acquisizione della cittadinanza per discendenza (ius sanguinis).

Assieme a quella del Principato di Monaco e del Liechtenstein, la cittadinanza del Lussemburgo è, oggigiorno più che mai, una delle più difficili in assoluto da ottenere.

Riforma del 1º gennaio 2009[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2008, il Parlamento lussemburghese ha varato una riforma della legge sulla cittadinanza. Questi sono i principali cambiamenti introdotti, in vigore a partire dal 1º gennaio 2009:

  • gli anni di residenza obbligatoria, continua ed ininterrotta, per poter presentare una domanda di naturalizzazione, sono stati incrementati a sette
  • sono stati introdotti un esame di lingua lussemburghese e l'obbligo di aver frequentato corsi sulla cultura lussemburghese
  • l'introduzione del doppio ius soli, per cui un bambino che nasce in Lussemburgo da genitori (almeno uno dei due) a loro volta nati nel paese, acquisisce la cittadinanza lussemburghese
  • il principio della doppia cittadinanza è stato accettato, e quindi è consentito, secondo la legge granducale, possedere altre cittadinanze oltre a quella lussemburghese.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lussemburgo Portale Lussemburgo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lussemburgo