Cittadinanza digitale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per cittadinanza digitale si intende la capacità di un individuo di partecipare alla società online.[1] Come ogni attore di una società, il cittadino digitale diviene portatore di diritti e doveri, fra questi quelli relativi all'uso dei servizi dell'amministrazione digitale.

Confronto con la cittadinanza non digitale[modifica | modifica wikitesto]

La cittadinanza digitale è un'estensione della cittadinanza "tradizionale" dovuta all'ampliamento dei mezzi a disposizione del cittadino per l'esercizio di alcuni suoi diritti - come la partecipazione, l'informazione e l'interazione - e dei suoi doveri. Quindi è comprensibile che questa nuova tipologia di cittadinanza non è un'alternativa opposta a quella classica.

Carta della cittadinanza digitale[modifica | modifica wikitesto]

Oggi il tema della cittadinanza digitale diventa di primaria importanza perché il livello dei servizi pubblici - in termini di qualità, fruibilità, accessibilità e tempestività - dipende dalla condizione “tecnologica” di chi ne usufruisce: la disparità di trattamento dei cittadini è direttamente proporzionale alla loro capacità di accedere alla rete. Da qui deriva la stretta correlazione con le problematiche legate al digital divide e alla necessità, per i cittadini, di acquisire le competenze digitali necessarie per esercitare i propri diritti.

Per cercare di risolvere le sopraccitate problematiche, il 7 agosto 2015 è stata pubblicata la carta della cittadinanza digitale[2]: una legge delega nella quale si elencano alcuni principi fondamentali che aiuteranno il processo di ammodernamento della Pubblica Amministrazione e che garantiranno nuovi diritti ai cittadini[3]. Questi principi riguardano:

  • la riduzione della necessità dell'accesso fisico agli uffici pubblici attraverso la digitalizzazione di dati, documenti e servizi;
  • la definizione di livelli minimi di prestazioni facendo rientrare così la digitalizzazione dei servizi nella Costituzione[4];
  • la definizione di requisiti minimi per la Pubblica Amministrazione riguardanti l'ambito digitale;
  • modifiche al Sistema pubblico di connettività (SPC);
  • modifiche per favorire l'uniformità del Sistema pubblico di identità digitale (SPID);
  • creazione del domicilio digitale;
  • ottimizzazione della spesa per la digitalizzazione.[3]

La cittadinanza digitale nelle scuole[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 il ministero dell'Istruzione ha previsto un bando per diffondere nelle scuole la cittadinanza digitale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Karen Mossberger, Caroline J. Tolbert e Ramona S. McNeal, Digital Citizenship: The Internet, Society, and Participation, Cambridge (United States), MIT Press Ltd, 2007, ISBN 978-02-62633-53-6.
  2. ^ Legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di "Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche"
  3. ^ a b Carlo Mochi Sismondi, Cittadinanza digitale - La "carta della cittadinanza digitale" è in Senato, forumpa.it, 30 gennaio 2015. URL consultato il 10 febbraio 2017.
  4. ^ Costituzione della Repubblica Italiana, articolo 117 lettera m.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]