Città di 15 minuti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La città di 15 minuti è un concetto urbano residenziale in cui la maggior parte delle necessità quotidiane dei residenti può essere soddisfatta spostandosi a piedi o in bicicletta direttamente dalle proprie abitazioni.[1][2][3][4] Il concetto è stato reso popolare dalla sindaca di Parigi Anne Hidalgo e ispirato dallo scienziato franco-colombiano Carlos Moreno.[3] Le città di 15 minuti sono costruite da una serie di quartieri di 5 minuti, noti anche come comunità complete o quartieri percorribili a piedi.[5] Il concetto è stato descritto come un "ritorno a uno stile di vita locale".[6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto di città di 15 minuti deriva da precedenti idee basate sulla vicinanza e la percorribilità a piedi, come la controversa unità di quartiere di Clarence Perry. Come ispirazione per la città di 15 minuti, Moreno ha citato il modello di Jane Jacobs presentato in The Death and Life of Great American Cities.[7][8][9]

La sindaca di Parigi Anne Hidalgo ha incluso un piano per implementare il concetto di città di 15 minuti nella propria campagna di rielezione del 2020.[3]

La crisi climatica e la pandemia globale di COVID-19 si hanno accelerato la diffusione e le iniziative di attuazione della città di 15 minuti.[8] Nel luglio 2020, il C40 Cities Climate Leadership Group ha pubblicato un quadro strutturale per le città per "ricostruire meglio" utilizzando il concetto di 15 minuti, riferendosi specificamente ai piani attuati a Milano, Madrid, Edimburgo e Seattle dopo le epidemie di COVID-19.[10] Il rapporto sottolinea l'importanza di un coinvolgimento inclusivo della comunità attraverso meccanismi come il bilancio partecipativo e l'adeguamento dei piani urbani e delle infrastrutture per incoraggiare comunità dense, complete e globali.[10]

Un manifesto pubblicato a Barcellona nell'aprile del 2020 ha proposto un cambiamento radicale nell'organizzazione delle città sulla scia del COVID-19 ed è stato firmato da 160 accademici e 300 architetti. La proposta ha quattro elementi chiave: riorganizzazione della mobilità, (ri)naturalizzazione della città, demercificazione degli alloggi e decrescita.[11][12][13]

Modelli di ricerca[modifica | modifica wikitesto]

La città di 15 minuti è una proposta per lo sviluppo di una città policentrica, in cui la densità è piacevole, la vicinanza è godibile e l'intensità sociale (ovvero l'esistenza di un gran numero di legami sociali produttivi e intricati) è concreta.[8][14][15][16]

Carlos Moreno ha proposto per la prima volta il concetto di città di 15 minuti nel 2016. Altri hanno proposto modelli simili ma diversi nell'ambito della "cronurbanistica".[8]

Moreno e la città di 15 minuti[modifica | modifica wikitesto]

L'articolo di Moreno del 2021 ha introdotto il concetto di città di 15 minuti come un modo per garantire che i residenti urbani possano svolgere sei funzioni essenziali entro 15 minuti a piedi o in bicicletta dalle loro abitazioni: vita, lavoro, commercio, assistenza sanitaria, istruzione e intrattenimento.[3] La struttura di questo modello ha quattro componenti: densità, prossimità, diversità e digitalizzazione.[3]

Moreno cita il lavoro di Nikos Salingaros, il quale teorizza L'esistenza di una densità abitativa ottimale per lo sviluppo urbano, che incoraggerebbe soluzioni locali ai problemi locali.[3][17] Gli autori discutono del concetto della vicinanza in termini sia di spazio che di tempo, sostenendo che una città di 15 minuti ridurrebbe lo spazio e il tempo necessari per lo svolgimento delle attività quotidiane.[3] La diversità, in questo modello di città di 15 minuti, si riferisce allo sviluppo ad uso misto e ai quartieri multiculturali, che secondo Moreno e altri migliorerebbero l'esperienza urbana e aumenterebbero la partecipazione della comunità al processo di pianificazione. La digitalizzazione è un aspetto chiave della città di 15 minuti derivata dalle città intelligenti . Moreno e altri sostengono che la quarta rivoluzione industriale abbia ridotto la necessità di pendolarismo a causa dell'accesso a tecnologie come la comunicazione virtuale e lo shopping online. Concludono affermando che queste quattro componenti, se implementate su larga scala, formerebbero una città accessibile con un'elevata qualità della vita.[3]

Larson e la città di 20 minuti[modifica | modifica wikitesto]

Kent Larson ha descritto il concetto di città di 20 minuti in un TED talk del 2012[18] e il suo City Science Group presso il laboratorio multimediale del MIT ha sviluppato una piattaforma di simulazione di quartieri[19] per integrare la progettazione, la tecnologia e gli interventi politici necessari in "celle urbane compatte". Nella sua masterclass "On Cities" per la Norman Foster Foundation,[20] Larson ha proposto una teoria secondo la quale il pianeta sta diventando una rete di città e che le città di successo in futuro si evolveranno in una rete di comunità imprenditoriali ad alte prestazioni e resilienti.[21]

Weng e il quartiere percorribile in 15 minuti[modifica | modifica wikitesto]

Min Weng e i suoi colleghi, in un articolo del 2019 utilizzando Shanghai come caso di studio, hanno proposto il concetto di quartiere percorribile in 15 minuti, con un focus sulla salute e in particolare sulle malattie non trasmissibili.[22] Gli autori suggeriscono che il quartiere percorribile in 15 minuti sia un modo per migliorare la salute dei residenti e documentano le disparità esistenti nella percorribilità all'interno di Shanghai. Hanno scoperto che le aree rurali, in media, sono significativamente meno percorribili e le aree con scarsa percorribilità tendono ad avere una percentuale maggiore di bambini.[22] Rispetto a Moreno et al., gli autori si sono concentrati maggiormente sui benefici per la salute del camminare e sulle differenze nella percorribilità e nell'utilizzo tra i gruppi di età.[3][22]

Da Silva e la città di 20 minuti[modifica | modifica wikitesto]

Da Silva et al., nel loro articolo del 2019 citano Tempe, in Arizona, come caso di studio di uno spazio urbano in cui tutte le esigenze possono essere soddisfatte in 20 minuti a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici. Gli autori hanno scoperto che Tempe è altamente accessibile, soprattutto in bicicletta, ma che l'accessibilità varia con l'area geografica. Rispetto a Moreno et al., gli autori si sono concentrati maggiormente sull'accessibilità all'interno dell'ambiente costruito.[23]

Implementazioni[modifica | modifica wikitesto]

Africa[modifica | modifica wikitesto]

Lagos, in Nigeria, ha convertito le scuole che erano state chiuse a causa della pandemia di COVID-19 in mercati alimentari per evitare acquisti presi dal panico. Il programma ha anche ridotto i tempi di pendolarismo e ha rafforzato le scorte di cibo all'interno delle comunità.[24]

Asia[modifica | modifica wikitesto]

L'autorità per i trasporti terrestri di Singapore nel 2019 ha proposto un piano generale da realizzarsi entro il 2040 che includeva gli obiettivi di "città di 20 minuti" e "città di 45 minuti".[25]

Cina[modifica | modifica wikitesto]

Il master plan del 2016 per Shanghai prevedeva "circoli di vita comunitaria di 15 minuti", in cui i residenti potevano completare tutte le loro attività quotidiane entro 15 minuti a piedi. Tali circoli sono stati implementato in altre città cinesi, come Baoding e Guangzhou.[26]

Lo Standard per la pianificazione e la progettazione di aree residenziali urbane (GB 50180–2018), uno standard nazionale entrato in vigore nel 2018, prevede quattro livelli di aree residenziali: quartiere pedonale di 15 minuti, quartiere pedonale di 10 minuti, quartiere pedonale di 5 minuti e un quartiere-isolato. Tra questi, con "quartiere pedonale di 15 minuti" si intende "un'area residenziale divisa secondo il principio che i residenti possono soddisfare la loro domanda materiale, abitativa e culturale camminando per 15 minuti; solitamente circondata da strade principali urbane o confini territoriali, con un popolazione da 50.000 a 100.000 persone (da circa 17.000 a 32.000 famiglie) e strutture di supporto complete".

Chengdu, per combattere l'espansione urbana incontrollata, ha commissionato il piano della "Grande Città", dove lo sviluppo ai margini della città sarebbe sufficientemente denso da supportare tutti i servizi necessari entro 15 minuti a piedi.[27]

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di pista ciclabile a Parigi

La sindaca di Parigi Anne Hidalgo ha introdotto il concetto di città di 15 minuti nella sua campagna di rielezione del 2020 e ha iniziato ad implementarlo durante la pandemia di COVID-19 . Ad esempio, i cortili delle scuole sono stati convertiti in parchi fuori orario, mentre Place de la Bastille e altre piazze sono state rinnovate con alberi e piste ciclabili.[6]

Cagliari ha avviato un piano strategico per rivitalizzare la città e migliorare la percorribilità.[28] La città ha sollecitato attivamente il feedback del pubblico attraverso un processo di pianificazione partecipata, come descritto nel modello Moreno. Un aspetto unico del piano prevede la riqualificazione degli spazi pubblici e degli edifici non più utilizzati, in relazione al modello generale di intensificazione urbana.[28]

Nord America[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 Portland ha sviluppato un piano per quartieri completi all'interno della città, che mira a sostenere i giovani, fornire alloggi a prezzi accessibili e promuovere lo sviluppo e il commercio guidati dalla comunità in quartieri storicamente sottoserviti.[29][30] Similmente al modello di Weng et al., il piano di Portland enfatizza il camminare e l'andare in bicicletta come modi per combattere malattie non trasmissibili come l'obesità e sottolinea l'importanza della disponibilità di cibo sano a prezzi accessibili.[30] Il piano di Portland richiede in particolare un elevato grado di trasparenza e coinvolgimento della comunità durante il processo di pianificazione, che è simile alla componente di diversità del modello di Moreno et al.[30]

Sud America[modifica | modifica wikitesto]

Bogotá, in Colombia, nel marzo 2021, ha implementato 84 chilometri di piste ciclabili per incoraggiare il distanziamento sociale durante la pandemia di COVID-19.[31] Questa espansione ha completato il progetto Ciclovía, avviato nel 1974, tramite il quale alle biciclette viene assegnato il controllo principale delle strade.[31] La rete di piste ciclabili che ne risulta è la più grande del suo genere al mondo.[32]

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

La città di Melbourne, in Australia, ha sviluppato il Plan Melbourne 2017-2050 per accogliere la crescita e combattere l'espansione incontrollata.[30][33] Il piano contiene più elementi del concetto di città di 15 minuti, comprese nuove piste ciclabili e la costruzione di "quartieri di 20 minuti".[34][35]

Implicazioni[modifica | modifica wikitesto]

La città di 15 minuti, con la sua enfasi sulla percorribilità e l'accessibilità, è stata proposta come un modo per servire meglio gruppi di persone che storicamente sono state escluse dalla pianificazione, come donne, bambini, persone con disabilità e anziani.[30]

Viene inoltre enfatizzata l'infrastruttura sociale al fine di massimizzare le funzioni urbane come scuole, parchi e attività complementari per i residenti.[30] C'è anche una grande attenzione sull'accesso allo spazio verde, che può promuovere impatti ambientali positivi come aumentare la biodiversità urbana e aiutare a proteggere la città dalle specie invasive.[30] Gli studi hanno scoperto che un maggiore accesso agli spazi verdi può anche avere un impatto positivo sulla salute mentale e fisica degli abitanti di una città, riducendo lo stress e le emozioni negative, aumentando la felicità, migliorando il sonno e promuovendo interazioni sociali positive.[36] È stato riscontrato che anche i residenti urbani che vivono vicino agli spazi verdi si esercitano di più, migliorando la loro salute fisica e mentale .[36]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) TIMESOFINDIA COM / Updated: Jul 16, 2020, 13:37 Ist, C40 cities: Coronavirus recovery plan: What is '15-minute city' concept? | India News - Times of India, su The Times of India. URL consultato il 2 aprile 2022.
  2. ^ (EN) Carlton Reid, Every Street In Paris To Be Cycle-Friendly By 2024, Promises Mayor, su Forbes. URL consultato il 2 aprile 2022.
  3. ^ a b c d e f g h i (EN) Paris mayor unveils '15-minute city' plan in re-election campaign, su the Guardian, 7 febbraio 2020. URL consultato il 2 aprile 2022.
  4. ^ My Portland Plan: What Makes a Neighborhood Complete?, su portlandonline.com. URL consultato il 2 aprile 2022.
  5. ^ (EN) Min Weng, Ning Ding e Jing Li, The 15-minute walkable neighborhoods: Measurement, social inequalities and implications for building healthy communities in urban China, in Journal of Transport & Health, vol. 13, 1º giugno 2019, pp. 259–273, DOI:10.1016/j.jth.2019.05.005. URL consultato il 2 aprile 2022.
  6. ^ a b Feargus O'Sullivan e Laura Bliss, The 15-Minute City—No Cars Required—Is Urban Planning’s New Utopia, su bloomberg.com, 12 novembre 2020. URL consultato il 2 aprile 2022.
  7. ^ Carlos Moreno, The 15-minute city, 1602349398. URL consultato il 2 aprile 2022.
  8. ^ a b c d (EN) Carlos Moreno, Zaheer Allam e Didier Chabaud, Introducing the “15-Minute City”: Sustainability, Resilience and Place Identity in Future Post-Pandemic Cities, in Smart Cities, vol. 4, n. 1, 2021-03, pp. 93–111, DOI:10.3390/smartcities4010006. URL consultato il 2 aprile 2022.
  9. ^ Emily Talen, Sunny Menozzi e Chloe Schaefer, What is a “Great Neighborhood”? An Analysis of APA's Top-Rated Places, in Journal of the American Planning Association, vol. 81, n. 2, 3 aprile 2015, pp. 121–141, DOI:10.1080/01944363.2015.1067573. URL consultato il 2 aprile 2022.
  10. ^ a b C40 Knowledge Community, su c40knowledgehub.org. URL consultato il 2 aprile 2022.
  11. ^ Degrowth, su Degrowth. URL consultato il 2 aprile 2022.
  12. ^ (ES) Anna Argemi, Por una Barcelona menos mercantilizada y más humana, in El País, 7 maggio 2020. URL consultato il 2 aprile 2022.
  13. ^ (ES) Manifiesto por la reorganización de la ciudad tras el COVID-19, su Plataforma Arquitectura, 18 giugno 2020. URL consultato il 2 aprile 2022.
  14. ^ Natalie Whittle, Welcome to the 15-minute city, in Financial Times, 17 luglio 2020. URL consultato il 2 aprile 2022.
  15. ^ (EN) What is a 15-minute city?, su City Monitor, 21 settembre 2020. URL consultato il 2 aprile 2022.
  16. ^ (EN) Peter Yeung, How '15-minute cities' will change the way we socialise, su bbc.com. URL consultato il 2 aprile 2022.
  17. ^ Nikos A. Salingaros, Compact City Replaces Sprawl. URL consultato il 4 aprile 2022.
  18. ^ Kent Larson, Brilliant designs to fit more people in every city, 1347199628. URL consultato il 4 aprile 2022.
  19. ^ Project Overview ‹ Theme | CityScope, su MIT Media Lab. URL consultato il 4 aprile 2022.
  20. ^ (EN) The Norman Foster Foundation presents ‘On Cities’ Masterclass Series, su Norman Foster Foundation, 21 aprile 2021. URL consultato il 4 aprile 2022.
  21. ^ Kent Larson on Resilient Communities and Sustainability - 'On Cities' Masterclass Series. URL consultato il 4 aprile 2022.
  22. ^ a b c (EN) Min Weng, Ning Ding e Jing Li, The 15-minute walkable neighborhoods: Measurement, social inequalities and implications for building healthy communities in urban China, in Journal of Transport & Health, vol. 13, 1º giugno 2019, pp. 259–273, DOI:10.1016/j.jth.2019.05.005. URL consultato il 4 aprile 2022.
  23. ^ Denise Capasso Da Silva, David A. King e Shea Lemar, Accessibility in Practice: 20-Minute City as a Sustainability Planning Goal, in Sustainability, vol. 12, n. 1, 23 dicembre 2019, pp. 129, DOI:10.3390/su12010129. URL consultato il 4 aprile 2022.
  24. ^ (EN) Covid-19: Lagos creates makeshift food markets in schools, su The Guardian Nigeria News - Nigeria and World News, 29 marzo 2020. URL consultato il 4 aprile 2022.
  25. ^ LTA | Land Transport Master Plan 2040, su lta.gov.sg. URL consultato il 4 aprile 2022.
  26. ^ H. O. U. Lulu e L. I. U. Yungang, Life Circle Construction in China under the Idea of Collaborative Governance: A Comparative Study of Beijing, Shanghai and Guangzhou, in Geographical review of Japan series B, vol. 90, n. 1, 2017, pp. 2–16, DOI:10.4157/geogrevjapanb.90.2. URL consultato il 4 aprile 2022.
  27. ^ (EN) Condé Nast, Chengdu plans a prototype 'Great City' as a model for China's suburbs, in Wired UK. URL consultato il 4 aprile 2022.
  28. ^ a b (EN) Ginevra Balletto, Mara Ladu e Alessandra Milesi, A Methodological Approach on Disused Public Properties in the 15-Minute City Perspective, in Sustainability, vol. 13, n. 2, 2021-01, pp. 593, DOI:10.3390/su13020593. URL consultato il 4 aprile 2022.
  29. ^ Portland Plan, su portlandonline.com. URL consultato il 4 aprile 2022.
  30. ^ a b c d e f g (EN) Georgia Pozoukidou e Zoi Chatziyiannaki, 15-Minute City: Decomposing the New Urban Planning Eutopia, in Sustainability, vol. 13, n. 2, 2021-01, pp. 928, DOI:10.3390/su13020928. URL consultato il 4 aprile 2022.
  31. ^ a b Andrea Jaramillo, Bogotá Is Building its Future Around Bikes, su bloomberg.com. URL consultato il 4 aprile 2022.
  32. ^ (EN) Ciclovías Temporales, Bogotá, Colombia, su who.int. URL consultato il 4 aprile 2022.
  33. ^ (EN) Planning, Plan Melbourne 2017 - 2050, su Planning, 6 ottobre 2021. URL consultato il 4 aprile 2022.
  34. ^ Patrick Sisson, How the ‘15-Minute City’ Could Help Post-Pandemic Recovery, su bloomberg.com. URL consultato il 4 aprile 2022.
  35. ^ (EN) Planning, 20-minute neighbourhoods, su Planning, 23 marzo 2021. URL consultato il 4 aprile 2022.
  36. ^ a b (EN) Kate Douglas e Joe Douglas, Green spaces aren’t just for nature – they boost our mental health too, su New Scientist. URL consultato il 4 aprile 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]