Cisessualità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La cisessualità è, esclusivamente nell'ambito degli "studi di genere" (gender studies), la classe di identità di genere in cui esiste una concordanza tra l'identità di genere del singolo individuo e il comportamento o ruolo considerato appropriato per il proprio sesso.[1] L'individuo che presenta cisessualità è detto cisessuale (o, in inglese, cisgender). Secondo Calpernia Addams, cisgender è un neologismo che significa "qualcuno a proprio agio con il genere che gli è stato assegnato alla nascita".[2] "Cisessuale" viene utilizzato in senso opposto a "transessuale", e la sua definizione di cisessuale è quindi applicabile alla maggioranza degli individui. Questa condizione di concordanza coinvolge il piano biologico (i caratteri sessuali), l'identità personale (come la persona si sente) e il ruolo sociale (come gli altri la considerano).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Crethar, H. C. & Vargas, L. A. (2007). Multicultural intricacies in professional counseling. In J. Gregoire & C. Jungers (Eds.), The counselor's companion: What every beginning counselor needs to know. Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum. ISBN 0-8058-5684-6. p.61.
  2. ^ Addams, Calpernia. What is 'cisgender'?