Circonvallazione Gianicolense

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Circonvallazione Gianicolense

La Circonvallazione Gianicolense è un grande viale alberato di Roma, con 2 carreggiate laterali a 2 corsie per il traffico veicolare e con sede tramviaria al centro.

Parte dal viale di Trastevere poco prima del suo termine in piazza Flavio Biondo ed attraversa il quartiere Gianicolense (Monteverde); è parte della via Olimpica tra via Quirino Majorana e viale dei Colli Portuensi e termina all'intersezione con via del Casaletto, all'altezza del capolinea del tram 8. Oltre, vi è la via Silvestri, che arriva a via di Bravetta.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il tracciato fu deciso dal Piano Regolatore di Roma del 1909, ad opera di Edmondo Sanjust di Teulada. Il Ponte Testaccio e Via degli Stradivari fanno parte dello stesso asse viario, ma non è mai stato realizzato il tratto tra Via Portuense e Viale di Trastevere. È la più antica tra le grandi circonvallazioni romane, cioè la Circonvallazione Ostiense, alla Circonvallazione Tiburtina, alla Circonvallazione Casilina, alla Circonvallazione Cornelia, alla Circonvallazione Aurelia, alla Circonvallazione Appia e alla Circonvallazione Trionfale e alla Circonvallazione Clodia.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ tuttocitta.it, https://www.tuttocitta.it/mappa/roma/circonvallazione-ostiense .