Circolo Filologico Milanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Circolo Filologico Milanese
Eugenio Torelli Viollier.jpg
Eugenio Torelli Viollier fondatore del Circolo
Abbreviazione CFM
Tipo associazione culturale
Fondazione 12 giugno 1872
Fondatore Eugenio Torelli Viollier
Scopo promuovere e diffondere la cultura
Sede centrale Italia Milano
Presidente Italia M° Valerio Premuroso
Lingua ufficiale italiana
Volontari 18 (2016)
Sito web 
Conte Emilio Borromeo, primo Presidente dal 1872-1874
« Vogliamo che il Circolo diventi ritrovo della gente colta, garbata e studiosa e de’ forestieri che bramano imparare la nostra lingua. »
(Eugenio Torelli Viollier, 21 marzo 1871)

[1]

Il Circolo Filologico Milanese è un'associazione riconosciuta Ente Culturale di interesse regionale. È la più antica associazione della città di Milano[2]. Fu fondato nel 1872 da Eugenio Torelli Viollier, che dopo pochi anni, nel 1876, avrebbe dato vita al Corriere della Sera, "con lo scopo di promuovere e diffondere la cultura e particolarmente lo studio delle lingue e delle civiltà straniere"[3].

I corsi[modifica | modifica wikitesto]

L'attività principale del Circolo è costituita, fin dalla sua fondazione, dai corsi di lingue antiche e moderne, con insegnanti di madre lingua e con l'utilizzo di tutti i mezzi più adeguati per portare gli studenti ad una padronanza completa della lingua stessa[4][5]. Il Circolo ha una biblioteca fornitissima, anche questa fondata nel 1875 dal Viollier, che nel corso degli anni si è arricchita vieppiù, anche grazie ai generosi contributi dei soci e collaboratori. Attualmente dispone di circa centomila titoli, alcuni dei quali rarissimi e molto antichi[6].

Premio Carlo Porta[modifica | modifica wikitesto]

Il Circolo, fra le altre attività, organizza ogni anno il Premio Carlo Porta, intitolato al famoso poeta meneghino, che premia le personalità milanesi che «con le loro opere e la loro personalità hanno dato lustro alla città di Milano». Fra i premiati più illustri si annoverano:[7]

Soci e Collaboratori[modifica | modifica wikitesto]

Soci[modifica | modifica wikitesto]

Fra i Soci del Circolo si trovano personalità di primissimo piano nel mondo della cultura, ma anche politici noti a livello nazionale:

Collaboratori culturali[modifica | modifica wikitesto]

Collaboratori più importanti:

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ambrogino d'oro

Nel corso degli anni il Circolo ha ottenuto alcuni riconoscimenti importanti:[8]

  • 1905 Ente Morale (Regio Decreto)
  • 1962 Medaglia d'Oro di Benemerenza del Comune di Milano (Ambrogino d'oro)
  • 1995 Ente Culturale di interesse regionale (Decreto Consiglio Regionale della Lombardia)
  • 1999 Diploma con medaglia d'oro per il contributo alla formazione professionale e culturale nel mondo del lavoro e al sistema delle imprese (C.C.I.A.A. di Milano)
  • 2008 Riconoscimento che attribuisce al Circolo Filologico «il ruolo storico di caposaldo della formazione linguistica a Milano» (Comune di Milano)
  • 2010 Premio Isimbardi «per il contributo allo sviluppo professionale e culturale del mondo del lavoro e delle imprese di Milano» (Provincia di Milano)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Vandelli, Roberto Bianchi e Gino Cappelletti, Un modello di lungimiranza: il Circolo filologico milanese, in Amilcare Bovo (a cura di), L'alchimia del lavoro: i generosi che primi in Milano fecondarono le arti e le scienze, Milano, Raccolto per il Comune di Milano - Assessorato al Lavoro e alle Politiche dell'Occupazione, 2008, pp. pp. 54-69, ISBN 88-87724-28-8, SBN IT\ICCU\LO1\1494391.
  • Luigi Cernezzi, I cinquant'anni del Circolo Filologico milanese (1872-1922), Milano, Gustavo Modiano & C., 1922, pp. pp. 47, SBN IT\ICCU\LO1\0377888.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]