Circo romano di Aquileia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Circo romano di Aquileia
Aquileia romana
AQUILEIA romana.png
L'antica città romana di Aquileia. Sono presenti i principali monumenti dell'epoca: dal circo, al teatro, curia, Palatium, terme, porto fluviale, ecc..
CiviltàCiviltà romana
UtilizzoCirco
Localizzazione
StatoItalia Italia
Amministrazione
EnteComune di Aquileia
Sito webfriuliveneziagiulia.beniculturali.it
Mappa di localizzazione

Coordinate: 45°46′30.03″N 13°21′42.4″E / 45.775007°N 13.361778°E45.775007; 13.361778

Il circo romano di Aquileia era un'antica struttura collegata alla vicina residenza imperiale (posizionata ad est dell'impianto),[1] presso la quale risiedette Massimiano (a partire dal 293 fino almeno al 305), che ne ordinò la costruzione sulla base di un progetto tetrarchico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Aquileia romana, Tetrarchia e guerra civile romana (306-324).

Il circo venne edificato attorno al 293 da Massimiano,[1] il quale, una volta divenuto Augusto d'Occidente, preferì avere due capitali: Aquileia, più ad est (utilizzata sia come porto fluviale-marittimo, sia come base militare, vista la sua vicinanza al limes dei Claustra Alpium Iuliarum) e Mediolanum, più ad ovest. Entrambe queste due "capitali" furono poi dotate di una zecca, e nel caso di Aquileia a partire dal 294.[1] Il circo era ancora attivo nel 425, quando Valentiniano III vi fece uccidere Giovanni Primicerio.[2]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Ricostruzione artistica di un circo dell'antica Roma (1913).
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Circo (antica Roma).

Il Circus era posizionato al di fuori dell'antico tracciato delle mura repubblicane di Aquileia, nell'angolo nord-ovest della città. La struttura misurava 450 metri di lunghezza[3] e 85 metri di larghezza (con 75-65 metri di larghezza dell'arena[4] e 15-20 metri della cavea), molto simile a quella della struttura "gemella" di Mediolanum. La distanza tra i carceres (che si trovavano nella parte nord del circo) e la balaustra centrale (o "spina") non è al momento identificabile, come neppure la lunghezza dell'intera "spina" centrale. La capienza complessiva dell'intera struttura era molto similare a quella del circo romano di Milano. Certamente fu nell'ordine di alcune decine di migliaia di spettatori.

Archeologia dell'antico circo[modifica | modifica wikitesto]

La prima importante campagna di scavi iniziò nel 1873-1876, mentre nel 1975 fu indagata l'area della "curva".[5] La datazione della maggior parte delle costruzioni secondo le indagini archeologiche risalirebbe agli inizi del IV secolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c J.H.Humphrey, Roman Circuses, Londra 1986, p.625.
  2. ^ Procopio di Cesarea, Guerra vandalica, I, 3.9.
  3. ^ J.H.Humphrey, Roman Circuses, Londra 1986, p.624.
  4. ^ J.H.Humphrey, Roman Circuses, Londra 1986, p.623.
  5. ^ J.H.Humphrey, Roman Circuses, Londra 1986, p.621.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]